Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

QUELL'UOMO VENUTO DA...
Ti ritroverò...
Rondini ieri e oggi...
C'è chi vive per ess...
La palude di cristal...
Come foglia che cade...
haiku...
QUANDO I SOGNI ...
Quella porta chiusa...
La Bellezza e il Tem...
Canto d'Autunno...
A te che stai in una...
24:00...
Ossi di seppia...
Profumo di vita...
Al giorno d’oggi sia...
Mia Regina...
ROBIN HOOD...
Vi siete dimenticati...
Le parole...
Parole accartocciate...
Metalla...
Un pò di mistero...
Gelido vento...
MURI...
cara stella...
SCIAMITO CONTROVERSO...
Accanto a te...
Ogni percorso di vit...
Macerie...
Haiku (4)...
UNO SPIRITO TRA ...
Il richiamo...
Fata del Bosco...
Settembre...
Abissi...
22:00...
Lollove...
Haiku 84...
Immobile calma...
Son le frasi...
NOI SCONOSCIUTI...
Ar core nun se coman...
Nella Notte...
Gente...
20:00...
Rimpianto...
Preghiera....
Siamo piume al cospe...
Fine estate...
Diva...
L’ORA DEL TRAMONTO...
SENZA REGINA...
A TE PICCOLINA...
Sentirti...
Le stelle cadenti so...
Dove sei...
Autunno che viene es...
La prima volta che t...
Haiku 2...
La sera...
Giorno di sole...
Mancanze...
Nostalgia...
Eccomi...
18:00...
Ogni tanto s'affacci...
Il respiro delle mar...
Come ogni alba...
Sulla foto gocce di ...
Chi il principio per...
Piccola...
Preferisco l'amore...
Aforisma Sul bord...
La danza del cigno...
Lei non mi abbandona...
NOSTALGIA RIFUGIO ...
Lara e Frank...
TRATTI...
Haiku 83...
Nato in Settembre...
NostalgicaMente...
16:00...
La giostra....
nostalgia di primave...
L'Aurora....
Amor in core...
Isola di San Giulio...
Non di lassù...
LA STANZA DEL ...
Pezzi di anima...
Rosa d'Autunno...
ESSERE SETTEMBRE...
Estate morente...
Sensazioni...
Lettera aperta...
Panico...
Facciamo sogni della...
Nel mare dei pensier...
Spiraglio di Luce...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Il ritorno

- Prendete il vostro te, signorina Ludmilla.
La ragazza distolse lo sguardo dal volumetto che stava leggendo: - Grazie, Olivia.
La domestica di pelle nera posò il vassoio d’argento sul tavolino da giardino e si sedette su uno sgabello. Era una donna pingue, con il viso di una dolcezza strana, il naso schiacciato e due occhi distanziati, quasi a mandorla.
- Sono le poesie del vostro tenentino? – domandò, indicando il libro aperto sul grembo della ragazza.
Ludmilla sospirò. – Sì, Olivia. Ho letto per la decima volta questi versi.
Si mise a declamare con una voce che evocava il volo di una farfalla:


“Ricerca, l’ape, fra papaveri e viole,
il fior che fra tanti ondeggiano al sole.
E la corolla sulla quale si posa
non è margherita, invece è una rosa.
Spilla il nettare da’ petali carnosi
e lo porta con sé oltre i campi odorosi.
Ma poi, nel segreto dell’umile cella,
l’ape si strugge al ricordo di quella.
Senza lei non può più restare:
la sua rosa può solo sognare.
Ma quando di nuovo un giorno la trova,
col desiderio che dentro gli cova,
un fiore appassito, sciupato, morente,
rivede nel sole, un po’ freddo e ridente.”

- È una bella poesia – disse la donna dalla pelle nera.
La luce del pomeriggio settembrino si era un poco attenuata. Nuvole grigie avanzavano da sud, annunciando la pioggia.
Sulla elegante terrazza, la giovane erede dei Perkins si godeva un po’ di quiete in compagnia della domestica che era quasi un’amica. Tutt’intorno, la campagna della Georgia appariva particolarmente rigogliosa nel caldo umido della tarda estate. Ogni tanto la brezza portava il canto degli schiavi dalla vicina piantagione, oltre gli olmi secolari.
La serva disse ancora:
- Come l’ape della poesia, il vostro amato tornerà presto.
Ludmilla incrociò lo sguardo della domestica. I suoi occhi verdi, dalle lunghe ciglia, emanavano una luce intensa. Era tanto bella con quella pettinatura all’ultima moda e il vestito che metteva in risalto le spalle d’avorio e sottolineava il seno abbondante e sodo. Olivia non poté fare a meno di rivolgerle un sorriso di compiacimento.
- Il mio Phineas deve tornare sano e salvo! – Un’ombra le passò sul viso, chinò il capo. – So che la guerra è crudele. Può uccidere, ma anche procurare devastazione nel corpo… e nell’anima.
- Il vostro Phineas non avrà nulla da temere.
- Che dici, Olivia? Il suo cuore arde per la causa del Sud, quindi temo che non osserverà le regole della prudenza. Ma so anche che è forte, abile e valoroso. I suoi uomini si fidano ciecamente di lui, del loro tenente: il signor Phineas Carter della contea di Macon.. – Pronunciò le ultime parole con orgoglio, facendo assumere alle sue labbra una smorfia quasi arrogante ma nello stesso tempo graziosa. Poi prese delicatamente la tazza di tè.
- Ricordate, signorina Ludmilla, la sera quando lui vi salutò?
- Come posso dimenticare?
- Ebbene, io feci una cosa che certamente gioverà a lui e a voi.
La ragazza posò la tazzina e spalancò gli occhioni.. – Che hai fatto?
- Nel bicchiere di champagne gli ho versato… sì, una polverina… preparata da me.
Ludmilla portò una mano alla bocca, con un gesto vago di timore.
- Non preoccupatevi. È un rimedio antico, sicuro, che ho appreso da mia madre, e lei a sua volta da sua madre. – Fece una breve pausa. – Lo riporterà presto fra le vostre braccia, sano e salvo. C’è un grande potere in quel farmaco: lo proteggerà dai pericoli e gli acuirà il desiderio di riabbracciarvi.
Ludmilla rivolse alla sua serva un sorriso di riconoscenza e di sollievo.


Quando tornò il tenente Phineas Carter, era d’ottobre e pioveva a dirotto.
Una nebbia lattiginosa avvolgeva il bianco ed elegante edificio dei Perkins.
Olivia lanciò un urlo.
- Che c’è? – fece Ludmilla, che si stava incipriando davanti allo specchio.
- Venite a vedere.
La ragazza andò alla finestra e guardò giù nell’ampio spazio prospiciente il colonnato.
Si intravedeva un cavaliere, fermo nell’umida foschia.
- Voi ci vedete meglio di me, signorina Ludmilla.
- Sì, è lui, è lui!
Sollevando l’ampia gonna, la donna corse alla porta della stanza. Si precipitò giù per le scale, seguita dalla domestica nera. Attraversò l’atrio e spalancò il portoncino.
L’uomo era sceso da cavallo e ora camminava lentamente, verso l’ingresso.
Era proprio lui, il tenente Phineas Carter. Il grigio berretto un po’ di sghimbescio, la mantellina inzuppata di pioggia… ma senza stivali.
La ragazza uscì incontro al suo amore. Il cuore voleva scoppiarle nel petto.
Ma subito rallentò la sua corsa.
Nell’aspetto del suo uomo c’era qualcosa di molto sbagliato. Camminava in modo rigido ma irregolare, quasi zoppicando.
E poi lei vide in tutta la sua chiarezza: un volto deturpato da un’orribile sciabolata; e due occhi spenti iniettati di sangue, una bava verdastra che gli usciva dalla mascella lacerata e pendente.
Rimase ferma, impietrita, mentre udiva, alle sue spalle, l’urlo di Olivia.
Il soldato fu addosso alla ragazza, affondò i denti nel candido collo e cominciò a divorarla.




Share |


Opera scritta il 08/01/2016 - 10:52
Da Giuseppe Novellino
Letta n.800 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


@ Gennarino - Uè anche a te. Grazie.
@ Francesco - Grazie anche a te. La poesia è dello stesso autore del racconto, cioè mia.

Giuseppe Novellino 09/01/2016 - 17:00

--------------------------------------

Un bel racconto, splendido nella forma, e dal contenuto trascinante. L'autore introduce abilmente nel dialogo una gustosa poesia, che accompagna il lettore in dolci sensazioni, per poi condurlo abilmente nel finale.. terrificante (potrebbe essere la vendetta horror per i crimini della schiavitù contro il popolo nero. Molto piaciuto il racconto. Inoltre, la poesia è davvero bella. Sarebbe interessante conoscerne il vero autore.. Vivissimi complimenti!

Francesco Gentile 09/01/2016 - 16:27

--------------------------------------

Che altro dire se non applaudire, e per diversi motivi, uno dei quali è la forza di questo racconto, vale a dire il finale a sorpresa. Non amo il genere horror, ma in questo caso l'eccezione è d'obbligo perché la macabra scena si riduce ad un finale fulmineo, quindi accettabile. Poi ben scritto, anzi direi impeccabile, con alcune descrizioni iniziali che danno la misura della bontà della narrazione.
Complimenti... uè, saluto napoletano.

Gennarino Ammore 09/01/2016 - 11:37

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?