Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il colibrì...
A spasso nel tempo...
Respiri...
Il sublime piacere d...
L\'uomo che conobbe ...
La collettività non ...
IL PIATTO DEL GIORNO...
L'ARIA CONDIZIONATA...
La cultura dell'amor...
La vera gentilezza c...
Il mondo a quote più...
Fobia...
Quando ognuno fa que...
La Coccinella...
Cento anni...
HAIKU 11...
Grotte...
Non ascoltiamo quell...
Finzione (Anglicismi...
PULIZIE EXTRA...
Afflato di luna...
L\'uomo che conobbe ...
Il mio sogno...
Illusioni...
L'ITALIA DEI FURBETT...
In pensiero...
L'ora del corvo...
Balconcino...
CALA LA NOTTE...
LA CHIMICA INCENDIAR...
Due universi...
Una piccola malincon...
Je...
Milos tra le braccia...
Silenzio assordante...
Scrivo di getto...
Ortensia Selvatica...
Eccomi amore......
Distratta...
Ancora sorridono i f...
PETALI...
L\'uomo che conobbe ...
Il faro...
NOTTI IN PRESTITO...
MADRE MIA DOLCISSIMA...
IL CONOSCENTE PIACIO...
LA FELICITA' VIE...
caro Mango...
ROGER...
Cieli silenziosi...
Infinita luce (conco...
Note diverse...
I SUOI OCCHI COME UN...
Destino...
Cullami o mare...
Compendio universale...
In bilico...
La mia amica Martina...
LA VIA DEL CIELO...
Tra le figlie di Net...
DOLORE...
Il dolore degli altr...
Lucente D'amore...
Donna... e...
L'egocentrica a teat...
Canto di lei...
Piccolo soldato...
L\'uomo che conobbe ...
Giaggioli...
E sei sempre lì...
QUADRO DI BOTTICELLI...
Il Timido Gheppio...
Essere se stessi..ri...
IL SOLE AL TRAMONTO...
LA TEMPESTA PERFETTA...
Cartolina...
Vestita di nero...
I misteri dell\'abba...
L'unica creatura...
Tu, Alato Amorino...
Brucia la terra...
La dolce compagnia...
Lei, ride amara dei ...
La partigiana...
Rosengarten...
Dillo un'altra volta...
Intenti d'amore...
Bianco e nero...
LA CHIMICA INCENDIAR...
Silvestre...
APRI IL CUORE...
La rosa...
Il calamaio di latte...
UN FIORE RECISO...
Eppure...
Tace il silente tigl...
PASCIUTI TARLI...
Musa in prestito (a ...
Nei righi...ti ritro...
MILKY CUCCIOLO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Statale dodici

Magra e abbronzata, con i capelli lisci di un nero fin troppo corvino perché abbia l’aria di esserlo naturalmente.
Non più giovane, con una madre da assistere e una figlia ingombrante da gestire, specie perché il padre è il suo passato: un uomo che nel tempo era troppo cambiato.


Guarda assorta le auto passare sulla trafficata arteria come la sua vita; seduta su una poltroncina bianca davanti al suo negozio di articoli sportivi tra piumini e felpe invernali fuori stagione.
Gli spacchi laterali della gonna lasciano intravedere le gambe quando le accavalla e dalla camicetta si scorge il reggiseno che sorregge poco più che se stesso.


Solo qualche minuto per chiedere un’indicazione e di lei mi affascinarono i modi di fare spigliati, gli occhi di verde scuro, le fossette e i denti quasi da pubblicità che s’illuminarono con la parola.
Pochi minuti, l’auto parcheggiata male e mi richiamò l’afoso nastro di catrame di agosto; per lei non c’era tempo, anche se sarebbe valsa la pena di perderci un secolo in più.




Share |


Opera scritta il 12/10/2020 - 08:25
Da Glauco Ballantini
Letta n.477 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Una breve storia, un piccolo incontro tra Brassens e Guccini. Un nastro di catrame che da via di comunicazione diviene momento di sosta per considerazioni sulla vita che travolge le persone...

Glauco Ballantini 17/03/2021 - 18:31

--------------------------------------

Direi che la tua  dote descrittiva convive bene con il dono della sintesi, il senza "strafare" esposto poc'anzi riguarda anche questo.
Il testo é l'apoteosi del Ballantini pensiero, di cui tu, caro autore riesci a farne o trarne una sorta di ritratto della donna focalizzata.
Ad ogni modo un raccontino tutto da leggere e... da "guardare", non faccio appunti o... osservazioni. Funzionale.

Giuseppe Scilipoti 16/03/2021 - 06:53

--------------------------------------

Ad essere spigliato é pure il racconto, stimola la... caliente fantasia ma senza strafare, attraverso un fluido spazietto narrativo le cui "indicazioni" si allacciano all'aspetto introspettivo con l'aggiunta quindi di qualche constatazione.
(segue)

Giuseppe Scilipoti 16/03/2021 - 06:53

--------------------------------------

Grazie a Moreno e Grazia. E' un racconto ispirato vagamente al tema della canzone "Le Passanti" nella traduzione di De Andrè da Brassens...

Glauco Ballantini 13/10/2020 - 12:31

--------------------------------------

Breve, il tempo di una fermata e un incontro casuale. Mi è piaciuto, grazie.

Moreno Maurutto 13/10/2020 - 12:03

--------------------------------------

Bello, pulito.
Mi piace il cambio del tempo dei verbi:
il ricordo vive col presente
il rimpianto evoca con il passato remoto.

Grazia Giuliani 12/10/2020 - 20:03

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?