Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Bellezze di ottobre...
Haiku 2...
Spettacolo natura...
- Quella Foglia......
Mente e cuore...
Enrico Bertini...
CONTRO LE REGOLE-Sec...
Un uccello, un uomo ...
Notte in periferia...
Riflessi d'amore...
Spire...
Amore virtuale...
INVITO ROSSO MARTE...
PROPOSIZIONI...
Haiku #3...
Alexander una storia...
Vecchio borgo...
LETTERA AL FIG...
BAMBOLA DI PEZZA...
Soliloquio...
Quando mi cerco...
Squaw...
Pentirsi...
Che senso ha......
Haiku...
LA POESIA PIÙ BELLA...
Come l'eu de toilett...
AGONIA D'UN AMORE...
IN UNA MATTINA D\'AU...
che cos'è questa sol...
Fantasmi d'Autunno...
Cribbio !...
Contrasto a colori...
Il segreto della fel...
Misica classica...
Amarti...
haiku - in autunno, ...
mestizia di una tavo...
la Storia...
L’ESILIO DEL SALUTO...
l'amore...
PASSI...
Scrivi il romanzo ch...
Regali...
Un punto nel Sole...
C'è ancora tempo...
TI SENTO...
Cadute libere...
Haiku 2...
Romantica...
IL SUONO CHE ASPETTA...
Lo stegosauro...
NEL PROFONDO C' E...
Fiori di campo...
Sorella mia...
I sogni...
CONTRO LE REGOLE- Pr...
M'aggio 'a fa' ricov...
- Haiku - L'arcobale...
E CHE GRANDE SIA...
Una storia di paese...
Ieri ho sognato......
Certo che la sera qu...
visione...
Se tu sei qui...
Anime...
un equivoco?...
Ma...siamo sicuri?...
Chioggia...
La panchina dei miei...
Omologazione....
Componiti...
Marco 14:30...
RIFLESSI DI LAGO...
La felicità non può ...
IL PENDOLO...
LA DIGNITÀ SI DISTIN...
Effimera gioia...
Carlo Verdone...
Nessuno mi toglierà ...
E se per un momento ...
Preghiera a Santa Ma...
UNA SERA DI OTTOBRE...
EMOZIONI...
Canal Grande...
LO STUPIDO...
L'ORA DELL'AMORE...
FERVORE LATENTE...
Biondo Corsaro...
Cielo senza stelle...
Architetto...
E' inutile chiedere ...
Stò come una piuma a...
LA GAZZA LADRA IN CU...
La sensibilità è una...
Volerò...
lei scoprì le spalle...
La maschera di Hallo...
16 Ottobre 1943...
Di notte...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



I Piccoli e la lampada dei desideri.

C'erano una volta...in una terra lontana, ma proprio molto lontana, in una grande galassia felice e ridente, dei bambini e una Lampada dei Desideri.
Un giorno andò dalla lampada un bambino che chiese in cambio delle sue tante monete d'oro, la felicità ; da essa fuoriuscì un arcobaleno fatto di nuvole, le quali trasformarono le monete in un parco giochi ricco di divertimenti e attrazioni, che facevano la felicità del piccolo .
Poi andò dalla lampada un altro bambino e chiese in cambio dei suoi giocattoli tanti amici; la lampada trasformò i giocattoli del fanciullo in tante biciclette e tutti gli amici vollero giocare con il loro amichetto.
Un giorno andò dalla lampada un fanciullo un po' cicciotello e chiese in cambio di essere grassoccio, di avere dei vestitini di piccola taglia ; la lampada dei desideri si smaterializzò e comparve un genio che con un cenno della mano fece dimagrire il fanciullo e, con un fischio fece comparire dei vestitini di piccola taglia adatti per la sua nuova misura.
Successivamente venne una piccina che aveva una vicina di casa molto dispettosa e la voleva cambiare con un baule pieno di bambole; la lampada disegnando un arcobaleno di colori trasformò l'impertinente vicina in un baule pieno di bambole grandi e piccole..
Fu il momento di due piccoli un maschietto e una femminuccia che volevano una bacchetta dei desideri dal momento che i loro dieci fratellini il babbo e la mamma erano poverissimi e volevano salvarli dalle ristrettezze; dalla lampada usci una fata che regalò ai fanciulli la bacchetta magica.
Per ultimo andò una fanciulla che aveva perso l'uso della parola e quindi non poteva studiare a scuola e nemmeno fare i compiti per i suoi fratellini più piccini; dalla lampada uscì un dottore saggio e illuminato che gli restituì il dono della parola.
Solo un piccino, molto timido, di nome Tobia stava vicino alla lampada, senza avere il coraggio di chiedere nulla.
Un cattivo giorno , in quella piccola terra lontana , la Strega dalle Sette Trecce Nere fece arrivare una brutta carestia.
Per tale ragione tutti i piccoli non poterono andare più a chiedere nulla alla lampada dei desideri perché erano troppo deboli per farlo.
Tobia, che era rimasto l'unico vicino alla lampada, ebbe la forza ed il coraggio di chiedere un tappeto volante: voleva andare a sconfiggere la Strega.
Tobia ottenne il suo tappeto e in un batter d'occhio, volò fuori nei cieli della galassia a caccia della strega cattiva.
Il piccolo non sapeva proprio dove trovarla e chiedeva un po' a tutti quelli che incontrava, l'informazione giusta su come raggiungerla, anche se nessuno gli seppe indicare la via da seguire.
Poi si fermò di fronte al meteorite di un Vecchio Saggio e chiese a lui dove si potesse trovare la Strega dalle Sette Trecce Nere; il Saggio lo mandò in direzione dell'orizzonte degli eventi di un vicino buco nero.
Tobia andò proprio in quel posto ma ad un tratto cadde in un ingorgo spaziale, che risucchiava tutto al suo interno proprio come quando si tira il tappo dalla vasca da bagno.
Il fanciullo cadde allora nel risucchio e arrivò in uno spazio tutto buio, ad eccezione di mille fiaccole che indicavano la presenza di altrettante streghe sopra le loro scope.
Tobia cercò e ricercò la sua strega e, quando la trovò, non aveva nulla per poterla rendere inoffensiva. Ad un tratto vide una strega con delle forbici in mano, Tobia le strappò le forbici e con queste tagliò le trecce della Strega dalle Sette Trecce Nere, che perse in tal modo, tutti i suoi poteri.
Il piccolo tornò nel suo mondo con il tappeto volante, trionfante per avere battuto la strega cattiva e avere salvato la sua gente.
Da quel giorno tutti vissero felici e contenti e i piccoli continuarono a chiedere favolosi doni alla Lampada dei desideri.




Tappeto Volante : sopra di me Tobia ha battuto la Strega e la sua maledizione, che nulla hanno potuto contro il suo coraggio e la sua determinazione.



Share |


Racconto scritto il 23/11/2017 - 16:18
Da Paolo Ciraolo
Letta n.374 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


bella bella bella!

michele gentile 28/11/2017 - 10:52

--------------------------------------

Una bellissima fiaba...da leggere e raccontare ai più piccoli, ma anche ai grandi e come tutte le fiabe con la sua bella morale... a volte coraggio e determinazione sono le uniche cose che permettono di andare oltre!
Un caro saluto e complimenti Paolo

margherita pisano 24/11/2017 - 20:47

--------------------------------------

Ringrazio di vero cuore Giancarlo P. D. A. e Grazia G., per le belle parole spese in questa fiaba. Auguro a voi ogni bene.

Paolo Ciraolo 24/11/2017 - 16:46

--------------------------------------

Bella, da leggere,
ogni bambino dovrebbe poter tagliare le trecce nere...
Complimenti Paolo

Grazia Giuliani 23/11/2017 - 21:17

--------------------------------------

peccato è un racconto nella realtà questo non avviene molto bella si legge d'un fiato

GIANCARLO POETA DELL'AMORE 23/11/2017 - 18:31

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?