Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Barcollo...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Fatina

Per caso t’incontrai in quel paese
ove mai pensato avrei m’innamorassi
quando saltavo tra quei fossi e sassi
e, lesto, preparai il mio maggese.


Trascorso abbiamo già cinque cinquine,
di cinquina la sesta già cammina
e tu rimasta sei quella Fatina
ch’io intravidi quel dì tra le tendine.


In questi cinque già passati lustri
migliore non potevi farmi dono:
Gioielli son dal viso dolce e buono
quei cinque che donato m’hai di Astri.


In quest’anni di mutato hai solo gl’anni.
Per il resto sei com’eri: Dolce e buona
com’allora ,dolce sei tuttora e buona
e mutato manco t’hanno i grand’affanni.


In trent’anni andati via divenuta
sei maestra di bontate e di dolcezza,
nell’alma tua c’è sempre giovinezza
e sempre sei colei ch’amor non muta.

Tanta tristezza mi riempie il cuore
il ricordo dei dì passati invano
quando tu, dolce com’ora,piano piano
mi donavi te stessa a tutte l’ore.


Sol mi consola l’accresciuto affetto
e, le mie colpe un poco sminuisce
perchè, per te, l’affetto non svanisce
ma rafforzar lo sento nel mio petto.


Or mio è il tuo male se malata sei,
se piangi tu, nel cuore lacrim’anch’io,
se stanca sei, ahimè, stanco son io,
contento son pur’io se tu contenta sei.


Tanto m’hai dato e tanto poco ho dato!
Ah! se potessi indietro ritornare
amor d’amore tornerei ad amare
e sempre più vicino ti starei,
come al padrone il cagnolin fidato.



Share |


Poesia scritta il 04/10/2011 - 20:16
Da nello maruca
Letta n.364 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?