Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La tua pelle II...
A MIRELLA...
Pioggia...
Un prete anarchico...
Gli occhi di una mad...
Sfida all'ultimo ban...
L'ispirazione...
senza aprire gli occ...
L\'intimità di picco...
La camicia rossa...
Corri tu...
Soliloquio d'inverno...
LA CIOCCOLATA...
Inno ad Afrodite...
Haiku 24...
Le mie mani...
L'indefinito...
AMICIZIA 2...
e tu...
Buon trapasso...
Solitudine...
Nuove fioriture...
Solitari casali....
Il privilegio di gua...
Febbraio...
e lei colse un'ultim...
RISVEGLIO...
D'improvviso...
É...
Lucchetti che nascon...
RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Flussi di coscienza...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
E il treno arrivò...
nelle giornate di pi...
Solca i mari...
SCENA INVERNALE...
Disilluso...
POETI DELL' AMOR...
Quel rio argentato...
ETA' CHE VA...
Il dispiacere è al...
PICCOLO GRANDE BOSS...
Perdere niente...
Lacrime...
Una strana partita a...
Poesia, essenza linf...
Nel mondo c'è molto ...
La luce nei tuoi occ...
Il Papa nero....
A mia figlia...
Notte...
Eccentrico silenzio...
Domenica di pioggia...
Riflessioni...
Sadness....
Mostro implacabile...
L'armonia delle brac...
La magia delle mani...
IL PARADISO...
Echi lontani...
vortice...
Solo....
Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



A me bedda

Mai, l'occhi mei vidduru biddizzi comu i to
dui stiddi commu occhi, na rosa comu vucca
e fili di sita comu capiddi
mai, lu me cori s’avia nammuratu
e mancu lu me sciatu nù suspiru avia fattu
tantu era l’orgogghiu, di lu masculu sicilianu
mi sintia forti, e nun’avia tempu pi sti cosi cà fannu scimuniri l’omini
nà me menti dicia sempri, nun c’è fimmina nnì stu munnu
chi pozza cu na taliata, farimi perdiri u ciriveddu
chistu, lu pinzava finu a ieri, quannu di na vanedda
vitti spuntari na carusa, di biddizzi chi nun si possunu magginari
a taliai nni locchi, idda mi ficci nu surrisu
e nnì du mumentu, lu me cori, forti e duru comu na petra
s’arrimuddo, e mi fici pruvari ddu sintimentu cà tutti chiamuni amuri.
Ora idda è luntanu, ju aspettu ca tonna, n’tà sta bedda Sicilia
e noffratempu a penzu, iettu suspiri, e lu me cori tuppulia forti ndò me pettu
tu viri na fimmina comu fa aridduciri l’omini
iu, omu tuttu dunpezzu
chi sulu a cipudda mi faciva cianciri, moru d’amuri, pì l’amata mia.
ora
s'arranca lu me cori nè chianati do paisi
ma cuntentu di sapiri chi na stidda avi vicino.
Jahweh59 14- 07 - 2012


Share |


Poesia scritta il 15/07/2012 - 18:44
Da Calogero Leonardi
Letta n.507 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?