Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Mare verde...
Schizzi di luce (poe...
RICAMI DI LUNA...
Il prestigio di una ...
Nel mercato dell'int...
La mente e il cuore...
Cartagine...
A mio favore...
Un cielo troppo gran...
Alla mia Cri...
gli elementi...
Per tutta l'eternità...
Senza armonia...
Mia Madre...
A te e a me...
LA NINNA NANNA DELLA...
Il regno animali ...
Ostetrica(C)...
PIUMA AL VENTO...
PAURA DEL SILENZI...
STELLA...
L'ignoto...blu...
Sentimenti...
Davanti a noi...
Pace a ferragosto...
SENTO LE TUE CAREZZE...
Evanescente...
Lontano...
...IL SAPORE DEL CAO...
Polvere...
La Ragazza Dai Capel...
E RITORNO AL PASS...
Stupido amore...
Le mie teorie...
La poesia non dev'es...
SENZA AMORE...
ALMENO...
BUGIARDO SORRISO...
Sorriso amaro...
Forse,ti amo....
Bang… Bang… Bang…...
Credevo. E poi......
L'aquilone...
Vien la pioggia d'ag...
L'amicizia I veri...
Cara mamma.......
IL PIANTO DELLA...
Cadice...
ARBRE MAGIQUE...
Ti ho lasciata indie...
Quieto e silenzioso...
Inutili verba...
Vivere...
Quel battito in più...
epoche...
Il punto...
L'odore della Notte...
La MIA STELLA...
Il nodo dell'anima...
La Colonia...
Corro da lei...
SOGNO O ILLUSIONE?...
L'attore...
La missione...
Arijane....
ROMA, CHE T’HANNO FA...
IL RESPIRO DEL MARE...
L'amore che non vive...
Stai con me...
Anna Sorridi...
HAIKU nr. 18...
Bimbo bello...
...QUESTA BELLA ROVI...
Nessuna notizia da D...
Ridere...
La felicità è un'ill...
Nel nuovo sereno...
IL QUARTO ANNIVERSAR...
Vola... Aquila Reale...
Non siamo niente...
Pensieri d\'estate...
La rosa...
Una notte in aeropor...
Vorrei tu fossi qui...
celate in uno scrign...
NONNO RACCONTAMI...
Tediosa....
Diceva mio Padre ......
La tremenda profezia...
voglia in cerca di l...
Datemi una stella...
Le tue lunghissime c...
ESTATE BRUCIANTE...
L 'isola...
Filastrocca d'amore...
Chi sei?...
Diamante...
Il lamento dei poeti...
Troppe-D 2...
amor sofferto...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Vita e morte

Un giorno vita e morte decisero di fare una passeggiata.


Si avviarono lungo un viale alberato. Un sole splendido ed un cielo privo di nuvole accompagnavano la loro libera uscita.


Era il primo giorno di primavera: l’aria profumava di verità.


Camminavano affiancati senza scambiare una parola. Era come se fossero ipnotizzati.


La vita, improvvisamente, si risveglia dal suo torpore.


Appoggia il braccio destro sulla spalla sinistra della morte e la guarda intensamente negli occhi. Dopo qualche secondo di imbarazzo, la vita chiede alla morte se esiste un modo per evitare di incontrarla: di incontrare lei, la morte, ad un certo punto nel corso della vita.


La morte è come gelata da questa domanda. Anche perchè non ha proprio idea di quale risposta fornire. Qualcosa, però, sente di dover rispondere.


Si nasce, si vive e poi, naturalmente, si muore. La risposta, breve e concisa, è servita.


La vita, allora, solleva la mano dalla spalla della morte e propone una smorfia che assomiglia molto ad un sentimento di delusione.


Si nasce e si vive. Tu, morte, nasci con me, vita, ed insieme viviamo.


Nasciamo insieme, viviamo insieme e…ce ne andiamo insieme. Non ti incontrerò mai…ed è l’unico modo per non avere paura di te.




Share |


Racconto scritto il 10/12/2015 - 11:29
Da gabriele marcon
Letta n.226 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Bel racconto che con tono leggero ed ironico tratta il tema della vita e della morte. Sembra quasi una favola di Esopo
Apprezzata anche per l'originalità.
A rileggerti
Ciao Nadia

Nadia Sonzini 10/12/2015 - 18:35

--------------------------------------

Una favoletta che ha le caratteristiche dell'apologo. Molto serio è l'argomento, qui trattato con una garbata leggerezza dai toni filosofici.

Giuseppe Novellino 10/12/2015 - 17:13

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?