Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Dietro le nuvole...
IL CIELO RACCONTA...
Unilaterale pensiero...
Crete...
FANTASIE D' AUTUNN...
LA VILLA...
Lullaby...
Vago silenzio...
A mezza vita (2/2)...
La Dalia...
A mio Padre...
Fiore del deserto...
Un volo di rondini è...
Gocce....
La Tela del Ragno...
Di noi...
Un'amarezza...
POESIE D' AMORE...
IL RAGU' DELLA DOMEN...
Sola...
Se potessimo...
ottoeventisette...
HO VISTO LEI...
E sembra stupido...
A mezza vita (1/2)...
Sei bellissima...
Turista nella nebbia...
L' ANANAS IN OFFERTA...
Tra i righi...
fai piano...
Geova, il tuo nome...
E NIENTE......
un sorriso...
dicono...
Il mio primo autunno...
Good luck...
Siamo luci disperse ...
Gerarchie d'autunno...
Con la voce dell'ani...
Groviglio...
Senza confini...
Cristo Signore, dand...
Il tuo Volere...
Scrivere per esister...
Approdo letterario...
MORTE DELL\' ANIM...
Amore ovattato...
Sei strana...
VOLTO...
IL GRIDO DELLA VALLE...
Appunti appuntiti...
L’uomo che coltiva l...
E piove così...
Se l'amore crea e l'...
Casto sonetto...
Nuda...
Libertà...
Stella morta...
Spiragli di visioni...
Per rifornirci di fi...
TUTTE LE MIE NOTTI.....
Redimere il silenzio...
La nostra vera ident...
Giovinezza...
TU IL MIO SOGNO...
Si sveste il castagn...
Un giglio fresco è ...
Poesia all'inverso...
E così non mi ricono...
Per una amica...
Il drago spazientito...
Ravello...
Oltre quella siepe....
L'arte di amare è un...
I NOSTRI LUOGHI...
Il Ponte...
Precipizio...
Un dolce canto...
La nuova tela...
BISOGNO...
Intro versi...
Gigì il piccolo gira...
SI DESTANO I RI...
Ora che sei......
ancora occhi...
PASTA AL FORNO...
Rosso cuore...
Stolta malinconia...
Caro babbo...
Insieme fino al mare...
Luna...
La vanità è causa di...
Alfa, beta, gamma e ...
La stanza che aspett...
Nel sottobosco quand...
Una via d'uscita...
LA DEBOLEZZA DEL...
INNO ALLA SHOAH Lacr...
Siamo atomi strettam...
je ne savais pas...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Mucche

Solenni
in un prato da pur tiepido autunno
già quasi stremato,
perplesse
osservate fluire la vita
infinita corrente a voi insensata.
Luce radente di inizio del giorno
rileva le masse
austere e rocciose
del corpo immutato scavato scolpito
uguale al se stesso
di un eterno passato.
E capisco i pittori
eternamente stregati, Fattori
nei campi riflessi di mediterraneo
Segantini forgiato nel ghiaccio
del monte, che duro lo vinse.
Anche tu, Vincent, dolore acuto
di genio scheletrito
forse, mute placide amiche
di giorni soli acuminati,
le amasti.


Share |


Poesia scritta il 17/10/2013 - 16:35
Da Irene Fiume
Letta n.936 volte.
Voto:
su 8 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?