Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella cittā...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di lā della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchė scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il ricordo dell' inverno

L' inverno arriva in un lampo
in una morsa che non lascia scampo,
Gli animali in letargo non si accorgon di nulla
al contrario se ne accorge il bambino nella culla.
Il vento gelido č il suo primo messaggero
e con le sferzate non ci vā leggero,
Esse ti colpiscono in pieno volto
ed alla fine ti rimangon sconvolto.
Il gelo e la neve ricopron tutto quanto
come una mano coperta da un guanto,
In montagna i fiocchi di neve cadon per terra
e transitare con l' auto diventa una guerra.
Ma ormai questo č un ricordo da accantonare
ormai la primavera ha deciso di arrivare


Share |


Poesia scritta il 20/05/2015 - 22:05
Da simone brunetti
Letta n.278 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Deliziose immagini poetiche esaltano la bravura dell'autore in un'opera pregna di amore per la natura vissuta come complemento delle stagioni del cuore. Stupenda poesia!

Arcangelo Galante 21/05/2015 - 11:18

--------------------------------------

Che bello il tuo modi di salutare la primavera dando il sapore di un ricordo quasi lontano; quello di un inverno che arriva all'imporvviso. Io colgo anche una metafora che potrebbe riferirsi alle stagioni della nostra anima spesso avviluppata dal gelo della malinconia in attesa del tepore primaverile in guisa di guarigione.

luciano rosario capaldo 21/05/2015 - 09:52

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?