Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La Cattura...
Paradiso...
Ombre di cenere...
Agognati silenzi...
Canzone...
La casa della gente ...
GRANDE PASSIONE...
Sorgenti d\\'Amore...
Carezze di comodo...
FRAGILI FOGLIE NEL V...
Un bacio dopo l’altr...
Non so dove mi porte...
Melodia ed armonia...
Baciami ancora...
IL TEMPO DEI RICORDI...
Pensieri...
L'istante...
L'uomo e il progress...
Riprendo la strada...
Sorrido...
Eventi...
Maschio …,Maschio???...
la divina arte di mi...
Sete di pace...
Ti porterò con me...
Ispirata dai salmi...
Ardente...
Sbagliare...
TU CHE NE SAI...
Momenti...
Naufragi...
inverno nel cuore...
Tempesta...
Lucida follia...
POMERIGGIO DI PULIZ...
Ritrovarsi...
COME CURVE DI SERPEN...
Per Leonie...
Impegnarsi ad odiare...
Se un giorno viagger...
Nei tuoi pensieri...
Non giudicarmi...
Riceverai mille vite...
AMARE PER POTER...
Il Supercomputer...
sorella lacrima...
A te!...
PREMORTEM di Enio 2...
Chi ti vuol bene no...
La memoria ferro...
COSTRUIRE...
L'album dei ricordi...
Sorbole!...
Numeri....
Sinfonia...
La casa del serpente...
LA FANCIULLA DEL VEZ...
Ritorno alla Bicicle...
TEMA DI SCRITTURA CR...
Dal figlio s’impara...
Venere in versi...
Sottinteso...
Frusciante...
Ermetico...
Naufraghi...
I GIORNI DELL'AMORE...
Ti ho visto piangere...
ISTANTI...
Una carezza della qu...
Autunno - cuore in l...
Afflato di luna...
Non ti lascerò...
Vulnerabile(C)...
addio......
Caffè a tempo indete...
C'est moi....
il canto delle stell...
Senza te...
Sensibilità...
In vino veritas...
NOSTALGICAMENTE AFRI...
PALESTRE di VITA (se...
È nelle questioni ev...
So che mi guardi...
Che ne sarà di noi?...
Se la primavera dell...
Breve racconto di vi...
Alla fine...
SONATA FOLLE AI MIEI...
Pace...
C'E' LA RIPRESA (per...
IL MIO METICCIO...
È lei, una rosa selv...
Chi sono io?...
Lumache...
Oceani...
Cascate d'armonia...
Breccia...
La poesia rotolante...
Divina...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Pensieri

Ogni dì trascorre nella metonimia che si pone l'uomo stesso
In quelle riflessioni fra sé e chi non è al vespro pensando al dì,
Rende immano l'impercettibile presso il suo pensiero.


Il muro vetrato che or poco aveva distrutto si ricompatta unito,
il fato l'opprime la solitudine lo imprigiona gli altri uomini lo rinchiudono,
Nella gabbia invisibile che lo porterà al patibolo.
Almeno quindi la pace eterna avrà? O fato, o fato pensi che non ti possa piegare?


L'uomo punito da uno stesso che non condona più grave trasgressione,
sarà forse sì forte e duro da non lasciar cader la sua vita?
Avanti,comunque vada per la mia strada!!


Se vinto sarò o vinto avrò non quello è il dilemma,
Se sarò giusto o sbagliato c'è qualcun forse che lo può dir?
Avanti,comunque vada per la mia strada!!



Share |


Poesia scritta il 21/11/2010 - 14:13
Da Matteo Teruggi
Letta n.495 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Siamo noi gli unici giudici inappellabili di noi stessi- invadenti compagni di viaggio prossimi alla follia. Bel testo, acuto nelle riflessioni.

Francesco e Barbara 21/11/2010 - 18:20

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?