Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il cielo in una ...
Il nobile Alejandro ...
L'amico del tramonto...
CON TE PER NOI...
QUELLO CHE VORREI DI...
DIARIO DELLA PRI...
Stare tra le tue bra...
ARTE di Enio 2...
Il destino, ordine e...
Di nero vestita...
troppa tecnologia ....
Le foglie smarrite...
Avere in dote un’ind...
Scorie di città....
L'Airone sul filo...
Listen to you...
Aylan...
Ovunque vi sia un os...
Idolatria d'amore...
LA Piaggia tra le ro...
Sorrisi che illumina...
Non hanno nome i pen...
Il baratro del silen...
Ricomincio da me...
Pensa a me...
Mi manchi tu...
La volpe in vetrina...
Notte di insonnia...
Se hai un pezzettino...
RIVIVERE...
SULLE TRACCE...
ER CANARINO MIO d...
Satira...
Evoluzione...
Senza riposo...
L' attimo...
Coccinella...
Ci sono sempre stato...
Lacrime...
PASTA E CECI...
Nonostante tutto. .....
cento passi omaggio ...
Venere e Luna...
Kalòs e la Cerva...
Sempre che il bar si...
La poesia mi salva...
Era un sogno?...
Dialogo dell\'amor p...
Ad Elisa...
Il segreto della pio...
SEGNALIBRO...
Libertà...
La tua mancanza si s...
Mera poesia 4....
A spasso tra le stel...
Piccola stella...
The Bad Road...
Una favola antica...
Racconti della notte...
Anche se calmo, è ...
...a te...
Il primo amore di Fr...
L’ONESTA’ DE ZIO...
La ricorrenza...
FANGO...
Tu una parte di noi...
Vivi!...
Viaggiare...
La luna e il mare...
L'Esibizionista...
PORTAMI NEI TUOI SOG...
IL NOSTRO ADDIO...
La carezza del sole...
A bordo nel mistero...
Non Sono...
La verità è come il ...
Ribelli del cuore...
Nel prato...
Silenzio...
Bangkok...
Nessun applauso...
Poesia in Re...
E' tutto troppo!...
Temporale d'estate...
TARANTELLA...
tempo...
Rosso...
DOPO UN ANNO...
I colori della vita,...
La ginestra...
FEBBRAIO OGGI E’ DI ...
La rinascitadel dest...
Tutto...
Grigia mattina...
PADRE MADRE...
Con o senza di me...
Il Calice Rosso...
La luna e il mare...
Ognuno ha diritto ad...
Il giardino di famig...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Pensieri

Ogni dì trascorre nella metonimia che si pone l'uomo stesso
In quelle riflessioni fra sé e chi non è al vespro pensando al dì,
Rende immano l'impercettibile presso il suo pensiero.


Il muro vetrato che or poco aveva distrutto si ricompatta unito,
il fato l'opprime la solitudine lo imprigiona gli altri uomini lo rinchiudono,
Nella gabbia invisibile che lo porterà al patibolo.
Almeno quindi la pace eterna avrà? O fato, o fato pensi che non ti possa piegare?


L'uomo punito da uno stesso che non condona più grave trasgressione,
sarà forse sì forte e duro da non lasciar cader la sua vita?
Avanti,comunque vada per la mia strada!!


Se vinto sarò o vinto avrò non quello è il dilemma,
Se sarò giusto o sbagliato c'è qualcun forse che lo può dir?
Avanti,comunque vada per la mia strada!!



Share |


Poesia scritta il 21/11/2010 - 14:13
Da Matteo Teruggi
Letta n.551 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Siamo noi gli unici giudici inappellabili di noi stessi- invadenti compagni di viaggio prossimi alla follia. Bel testo, acuto nelle riflessioni.

Francesco e Barbara 21/11/2010 - 18:20

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?