Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

C'era una volta la m...
Leggiadre emozioni...
RIME ALLO SPECCHIO...
Adele...
come nasce un fiore...
OTTOBRE INVERNALE ??...
UN DOLORE...
SFUMATURE DI MARY...
Proprio come te...
Il nichilista...
Inutilità...
'Lascia stare la mia...
Mima...
Salvezza...
Più di mille stelle...
Assai infinito...
L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il giusto

È cosa da millenni
il fare norme e leggi,
acché giustizia echeggi
in questo mondo ognor.


Ognuno ha il dovere
d'agir com'è di norma,
poiché la legge informa
ch'essa è per tutti ugual.


Dal misero al più ricco
dovremo tutti fare
quello che giusto pare
senza portar rancor.


A me non pare giusto
che il povero sia uguale
a chi più di lui vale
in posse ed in danar.


Perciò la legge umana
conviene solo ai forti
e i deboli son morti
se questo è giusto far.


Giusto non appar niente
se non quello che piace,
ché l'uomo è incapace
conoscerne il valor.



Share |


Poesia scritta il 12/09/2014 - 16:16
Da Giuseppe Vita
Letta n.494 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


Un tema sociale, di non facile dissertazione poetica, trattato con garbo e quel talento che ti riconosco.
Complimenti e ciao!
Aurelio

Aurelio Zucchi 13/09/2014 - 18:04

--------------------------------------

Condivido pienamente il commento di Linguanti.
Mi piace molto leggerti, perchè tutte le tue poesie hanno dei contenuti interessanti.Oltre a questo sei anche sei bravo!!!
Alla prossima Giuseppe!!

Paola Collura 13/09/2014 - 17:03

--------------------------------------

Molto bella, profonda, tristemente vera.
Sempre preciso ed attento, Giuseppe, nei tuoi componimenti.
Molto apprezzata.
Un caro saluto,
Marina

Marina Assanti 13/09/2014 - 12:44

--------------------------------------

...la legge umana conviene solo ai forti...parole sante. Complimenti.

Ugo Mastrogiovanni 13/09/2014 - 12:00

--------------------------------------

Complimenti GIUSEPPE il potere purtroppo logora solo chi non ce l'ha,noi stiamo a guardare meno male che possiamo almeno protestare,almeno possiamo ancora sentirci vivi

genoveffa 2 frau 12/09/2014 - 22:37

--------------------------------------

bella giuseppe ...versi molto belli che portano a riflessione molto apprezzata

Carla Composto 12/09/2014 - 21:40

--------------------------------------

QUARTINE REALI CHE CHIEDONO MUTAMENTI E PRESTO... SE NON SI VUOL ESSERE TRAVOLTI BRUSCAMENTE... UN INTENSO FORGIATO... IL MIO ELOGIO GIUSEPPE

Rocco Michele LETTINI 12/09/2014 - 21:32

--------------------------------------

La legge è fatta da chi comanda, di volta in volta. E chi comanda è sempre il più forte economicamente, che si serve anche di gente prezzolata, meno forte. Ergo, la legge vale solo per chi comanda e per chi ha i soldi e varia a seconda del tipo di società.
Hai saputo dire poeticamente, qualcosa che di poesia ha poco e più di falsità e ingiustizia. Bravissimo Giuseppe!

Salvatore Linguanti 12/09/2014 - 21:08

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?