Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

comprenderai...
Canto della ragazza ...
SCRIVERE È...
Si parla troppo....
Cuore Universale...
Maleducati di tutto ...
PIUMA...
La grande corsa...
Girovaga e asociale...
Ti voglio mare d'inv...
CON GLI OCCHI DELL'A...
la serenata co' li b...
Vivere......
IL CAMPANILE...
Le mie impronte sull...
Solitudine...
Il bullo...
Fai brillare la tua ...
TORMENTO OSCURO...
RICORDI...
Settembre è vicino...
SABBIE IMMOBILI...
Impressioni sul fini...
Veni-vidi-vici...
DESTINI INCROCIATI (...
Fiore malevolo...
autostrade...
L'inizio dei 20 anni...
Non pensare...
Una piuma...
Nausea...
Ad Amatrice...
Mi sei apparsa...
Haiku PERDERSI...
LANGUIDAMENTE........
Libera nos a malo...
Il Gallo mattiniero...
EMANUELLE - sera (le...
L\\\'amore taciuto...
Le ali tarpate...
Il pescatore...
La Volpe Notturna....
SOLO TU PER SEMPRE...
Italia mia (C)...
Parole disorientate...
NERONE er bullo ...
Poeta...
CERCAMI SOTTO LA PEL...
Ora ricordo...
UNA VOLONTARIA...
Terra di Sicilia...
Non aver fretta di m...
La partita di pallon...
Ci sei!...
IL PRESENTE...
Foglia frale Ness...
La comparsa...
LENTEZZA...
La Scatola Laccata, ...
Come soltanto nei so...
ACINO ACERBO...
Il dolce vento dell\...
Un'altra dimensione...
Ti amo e soffro...
...ISTANTE DI PURA F...
CON TE NELL/INFINITO...
Tra vortici di stell...
Un metro di neve bia...
Quell'alone cupo e f...
Poco a poco...
ER LIMONE PAZZO...
Portatore di pietre...
afferra quella nuvol...
D'azzurro e sale...
Rimorso...
il gigante nano. ...
la rosa...
In certi momenti la ...
È bello vivere da il...
la luna dall'alto.....
Non voglio sognare p...
Cesare chi è ?...
le cose semprici...
DESTINI INCROCIATI (...
E la Luna parló al ...
Ho visto una stella...
Mi piace tutto di te...
Il nulla...
La tua assenza mi ha...
Il Pavone vanitoso...
Maria grazie di esis...
amo la pioggia...
Al cimitero dei carr...
Settembre...
MAROTTA: Family Beac...
Spesso ogni piccola ...
UCCELLI di MALO AUGU...
IL MISTERO DELL\\'EM...
Notturno n.4...
NOI LA VITA...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Incanto in un mattino di piena estate

Era una splendida giornata di agosto, davanti a lui una distesa di sabbia lettini e sconosciuti che vivevano quello stesso giorno ognuno a proprio modo.
Mauro guardava davanti a sé senza prestare troppa attenzione assente e un po' distratto, i suoi due cuccioli giocavano tranquilli sulla sabbia accanto a lui, le sue ferie erano appena iniziate e voleva solo rilassarsi.
Non era stato un anno facile, parecchi problemi sul lavoro e alcune difficoltà economiche avevano accentuato una condizione di stress che viveva quotidianamente nella sua vita di coppia, ma ce l'aveva lui una vita di coppia?
Non era felice Mauro da quel punto di vista, un matrimonio riparatore lo aveva ingabbiato poco più che ventenne in una relazione che, giorno dopo giorno si era logorata a tal punto che ora non aveva più vie d'uscita, e la sua gabbia si faceva ogni giorno a poco a poco più stretta.
Ma sopportava Mauro a stento e con rammarico sapeva di dover essere lì, la tranquillità delle sue due gioie glielo imponeva. Aveva anche provato per un po' a vivere una serena relazione amorosa con una dolce e tenera ragazza che lo amava profondamente, ma gli occhi scuri di Luca che lo guardavano increduli ogni volta che lo riaccompagnava dalla madre lo avevano fatto desistere.
Ora gli rimangono solo i ricordi e alcune canzoni che nei momenti peggiori ascolta con le lacrime agli occhi per scacciare la malinconia e tirarsi un po' su.
Ma questa è storia vecchia Mauro ci convive ormai da dieci anni, l'età di Luca, così tra alti e bassi è arrivato anche Filippo che ormai di anni ne ha quasi due, doveva assestare il suo matrimonio, gravoso compito per quell'esserino biondo e vivace che ora gorgheggia allegramente accanto a lui con la bocca sporca di sabbia.
Ma così non è stato... anzi.
Mauro oramai è rassegnato, vivrà per la serenità dei suoi figli accanto ad una donna che non lo stima e che non prova più nessuno slancio, nei suoi confronti. Non si tratta solo di affetto a Mauro manca tutto quello che si può chiedere ad una storia d'amore ed è il suo cruccio maggiore. Da più di due anni, da quando cioè ha concepito Filippo, Mauro non ha più avuto rapporti sessuali.
Ma era in vacanza e quindi non ci voleva pensare meglio dirottare i suoi tristi pensieri su amenità da ombrellone.
Fu così che, mentre era assorto a seguire le scaramucce di due ragazzini adolescenti che due ombrelloni più in là si becchettavano su chi era più forte tra "Goku e Vegeta", percepì nell'aria un profumo delicato e intenso, un misto di zagare e cocco con note di mandarino e gelsomino.
Inspirò quel profumo morbido e penetrante e girò la testa di lato per cercare di capire da dove provenisse.
Poi la vide, da quella nuvola di profumo si materializzò una donna, il lungo caftano bianco aveva due profondi spacchi ai lati e ad ogni passo si intravedevano le gambe lunghe e abbronzate, leggermente trasparente nulla lasciava all'immaginazione, il bikini nero disegnava le pieghe delle sue morbide forme, il seno voluttuoso, il ventre morbido e i fianchi torniti.
Il viso era nascosto dalla tesa larga di un cappello di paglia nero, e i grandi occhiali da sole nascondevano lo sguardo ma le sue labbra carnose e turgide quasi imbronciate e ombreggiate dal cappello erano più di un richiamo e Mauro non potè fare a meno di seguirla con lo sguardo.
Raggiunse il suo ombrellone e si accomodò sul lettino si spogliò e a Mauro non sfuggì un che di sensuale nei suoi gesti mentre lentamente si sfilava il caftano, poi tirò via anche il cappello e scrollando leggermente il capo assestò i biondi capelli tagliati a caschetto che le incorniciavano il viso dolce e aggraziato.
Mauro non riusciva a distogliere lo sguardo era come ipnotizzato non solo il profumo lo inebriava ma c'era qualcosa di magnetico... un'aura sottile che emanava da lei, un che di accattivante, sensuale e animalesco insieme e finalmente capì, ammirandola, il significato esatto della parola sex-appeal.
Era così assorto nei suoi pensieri che non si accorse che il piccolo Filippo aveva cominciato a piangere.
Mentre interveniva a sedare la piccola lite tra i suoi due cuccioli adorati per una paletta contesa Mauro pensava a lei.
Il desiderio di avvicinarla era forte, doveva trovare una scusa per avvicinarsi.
Non era impresa da poco, da tanto tempo Mauro non corteggiava una donna cosa avrebbe detto o fatto per attirare la sua attenzione?
Ma in quel momento aveva altro da fare erano quasi le 11, 00 e di solito a quell'ora tutti e tre facevano il bagno al mare con canotto e salvagente... Prese in braccio Filippo che scalciava festante all'idea di sguazzare nell'acqua, il salvagente in mano e un passo dietro di lui Luca lo seguiva trascinando il canotto, insieme si incamminarono verso la riva, ogni tanto Mauro si girava per spronare Luca ad avanzare e ogni volta allungava lo sguardo per guardare lei.
Si divertiva Mauro con i suoi figli, e loro con lui, un amore profondo li univa doveva evitare che sentissero il peso e la tensione che aleggiava intorno alla sua infelice relazione di coppia. Passò più di un'ora tra spruzzi risate e tuffi dal canotto e per tutto quel frangente Mauro distolse il suo pensiero dalla bella signora bionda.
Ma appena fuori dall'acqua si sorprese ad allungare l'occhio per cercare di scorgerla, non riusciva più a localizzarla, e all'improvviso lo pervase un senso di ansietà... lei non c'era più. Si incamminò verso il suo ombrellone trascinando i suoi recalcitranti figli... davvero lei non c'era più... cominciò a sciorinare i suoi... "se avessi"... i "ma"... i "forse"... poi si rassegnò pensando che l'indomani sicuramente l'avrebbe rivista e allora non si sarebbe lasciato sfuggire l'occasione di conoscerla.
Arrivò l'indomani e il giorno dopo ancora e ancora e ancora... passarono così gli ultimi giorni della vacanza di Mauro ma della bella signora non c'era più traccia.
Era giunto il momento di partire, anche per quest'anno la vacanza era finita, come ogni anno Mauro doveva rientrare a Milano, riprendere il suo lavoro, tornare alla sua infelice routine fatta di frustrazioni e risentimenti.
Questa volta però tornava a casa con un bagaglio in più il ricordo di un profumo di agrumi cocco e gelsomino e il rimpianto per un mancato incontro in un incantevole mattino di piena estate.



Share |


Racconto scritto il 24/01/2012 - 22:38
Da Daniela Di Mattia
Letta n.505 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?