Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Poesia

Ieri sera finalmente  abbiamo parlato, non mi aspettavo andasse così bene. È  incredibile come alcuni  legami siano destinati semplicemente  ad esistere. Io e te ne abbiamo passate tante eppure ieri è stato come se il tempo non fosse mai passato: eravamo io e te, i soliti di sempre, come sempre. Io ti conosco  a memoria, conosco  ogni minimo particolare di te, sia fisico che caratteriale. Ti ho imparato a memoria come le poesie  che si imparano alle elementari.
Ogni verso imparato  è  un traguardo, ma la soddisfazione più  grande è  quando riesci a ripeterla alla mamma tutta d'un  fiato, e quella poesia non te la scordi più, rimane impressa nella mente.
Così ho imparato a conoscere le tue virgole, i tuoi punti, le tue rime. Dopo ogni verso imparato ti facevo sempre più  mio, entravi a far parte di quelle parole e frasi che non si dimenticano più.
 Ed è  così, tu sei la mia poesia  più  bella.
Sei la poesia più  bella ma anche la più  complicata. Ho imparato il significato  dei tuoi  punti, delle tue virgole e delle tue rime a mie spese, e forse un po  anche a spese tue.
Ho passato il mio tempo a ripeterla nella mia testa: ripetevo, ripetevo, ripetevo, facevo un grandissimo  sforzo mnemonico.
Poi finalmente ci riuscii, finalmente ti conoscevo a memoria, potevo ripetere  la mia poesia preferita a tutti.



Share |


Racconto scritto il 10/11/2016 - 18:43
Da Sophia I
Letta n.286 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?