Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Falò di pensieri...
Italia mia...
RESILIENZA...
Gli alberi intorno...
Specchio spiatore...
Illusione o realtà?...
Le mie parole sono l...
Quando arriverà il m...
La Pecora nera...
Dove nel cosmo è bui...
Tristezza per la gen...
Ne ho baciate tante ...
Nei nostri sorrisi...
SAHEL...
Contro il destino...
Sandrone...
EVOLUZIONE DELL\'AN...
Non li merito gli oc...
STRAGI...
NOARE O STAR NEGÀ...
l'attesa di guardart...
LA RAGIONE...
Estati su\' di uno s...
LA NOSTRA PROMESSA...
Dentro la scatola di...
CONQUISTA...
La fretta dei giorni...
Fila, filastrocca...
ANCHE PER UN SOLO IS...
Voglio solo la mia l...
...UN AMORE CHE È CO...
Ancora una volta...
Non è ancora quel te...
PER AMMAZZARE IL... ...
il gommone...
Fantapoesia...
Canto della cuna del...
Questa è la vita ? ...
Preghiera alla divin...
NESSUNO...
È perché non sai chi...
Mare verde...
Schizzi di luce (poe...
RICAMI DI LUNA...
Il prestigio di una ...
Nel mercato dell'int...
La mente e il cuore...
A mio favore...
Un cielo troppo gran...
Alla mia Cri...
gli elementi...
Per tutta l'eternità...
Senza armonia...
Mia Madre...
A te e a me...
LA NINNA NANNA DELLA...
Il regno animali ...
Ostetrica(C)...
PIUMA AL VENTO...
PAURA DEL SILENZI...
STELLA...
L'ignoto...blu...
Sentimenti...
Davanti a noi...
Pace a ferragosto...
SENTO LE TUE CAREZZE...
Evanescente...
Lontano...
...IL SAPORE DEL CAO...
Polvere...
La Ragazza Dai Capel...
E RITORNO AL PASS...
Stupido amore...
Le mie teorie...
La poesia non dev'es...
SENZA AMORE...
ALMENO...
BUGIARDO SORRISO...
Sorriso amaro...
Forse,ti amo....
Bang… Bang… Bang…...
Credevo. E poi......
L'aquilone...
Vien la pioggia d'ag...
L'amicizia I veri...
Cara mamma.......
IL PIANTO DELLA...
Cadice...
ARBRE MAGIQUE...
Ti ho lasciata indie...
Quieto e silenzioso...
Inutili verba...
Vivere...
Quel battito in più...
epoche...
Il punto...
L'odore della Notte...
La MIA STELLA...
Il nodo dell'anima...
La Colonia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il sentiero

Mi trovo in un sentiero bagnato disseminato di sassi, ho perso l’orientamento e di conseguenza non so dove andare.
Dovevo incontrarmi con un tizio per un lavoro stagionale in una baita ma il cellulare purtroppo non prende.
Merda! Oggi capitano tutte a me!
Purtroppo con la macchina non era possibile proseguire e ho dovuto continuare a piedi seguendo alcune indicazioni. Non riesco a quantificare da quanto tempo mi trovo qui. A peggiore le cose una maledetta nebbia che si fa via via sempre più fitta.
Non solo mi sono perso, per giunta avverto una terrificante sensazione di paura impossibile da spiegare.
Si dice che la paura mette le ali ai piedi e infatti comincio a correre.
Mi guardo più volte indietro in maniera ossessiva, comincio a sudare e allo stesso tempo ho i brividi in tutto il corpo. Tutto ciò accompagnato da un profondo senso di solitudine mai vissuto prima.
Ad un certo punto scorgo alcune orme fresche nel terreno ed è come se mi confermassero che qualcuno sia appena passato da lì.
Comincio a sentirmi leggermente sollevato ma non smetto di correre.
Il sentiero sembrerebbe giunto al termine e mi trovo davanti ad una decina di alberi. Mi avvicino sempre di più e riesco a notare un uomo che se ne sta accovacciato vicino all’albero più grande di tutti. A causa della nebbia, non riesco a distinguerlo bene ma si nota chiaramente che respira affannosamente.
Probabilmente come il sottoscritto si è messo a correre a perdifiato come per sfuggire da qualcosa. Ma da cosa poi?
Mi sento fortunato, finalmente una figura umana. Perlomeno non sarò e non mi sentirò più solo.
Una volta giunto dinnanzi all’uomo, gli tocco la spalla per farmi accorgere della mia presenza.
Alza lo sguardo e mi fissa con gli occhi pieni di angoscia e terrore. Rimango letteralmente pietrificato.
Dio mio, sto guardano me stesso! Quell’uomo è identico a me, la stessa corporatura, lo stesso volto e gli stessi abiti.
Sopraffatto dall’orrore, indietreggio per raccogliere un grosso sasso e con violenza glielo scaglio sulla testa fino ad ucciderlo. L’altro me, dopo aver cacciato un urlo, crolla a terra e una pozza di sangue comincia ad allargarsi sul terreno.
Ricomincio a correre superando tutti gli alberi per poi ritrovarmi presto in un nuovo sentiero. Stavolta niente orme, ma sempre bagnato, pieno di sassi e con l’immancabile nebbia.
Un senso di dejà vù mi pervade: Il sentiero che finisce e i soliti alberi, compreso uno che sovrastava tutti gli altri.
Sono sfinito, mi manca il fiato, ho bisogno di rannicchiarmi. Sto malissimo e ho la nausea.
In lontananza vedo avvicinarsi qualcuno, maledetta nebbia, come già avvenuto in precedenza non riesco a distinguere molto.
Abbasso lo sguardo, sento che sto quasi per vomitare.
Mi sento toccare alla spalla e alzo lo sguardo.
Di nuovo me stesso.
Sto forse impazzendo? Mio Dio, cosa sta succedendo?
Lo fisso e l’altro io inorridito fa altrettanto. Raccoglie un sasso abbastanza voluminoso e me lo lancia con ferocia. Mi colpisce in pieno alla testa e comincio ad urlare a causa dal dolore inaudito per poi sprofondare a terra.


Mi sveglio si soprassalto con il cuore che mi batte all’impazzata.
Si è trattato di un incubo, sicuramente uno dei peggiori della mia vita. È già mattina.
Vado in bagno e mi sciacquo la faccia con acqua fredda.
Decido di asciugarmi con un grosso asciugamano steso sulla vasca e mi guardo quasi con timore alla specchio. Ho il viso pallido, quasi cadaverico.
Sento vibrare il cellulare dal comodino della mia stanza. Mi è appena arrivato un SMS.
Il mittente è il signor Giorgio Romero, colui che qualche giorno prima aveva risposto ad una mia e-mail riguardo un impiego.
Apro l’SMS per leggerlo.
“Sono spiacente di comunicarle che riguardo l’offerta lavorativa alla baita di Messe non se fa più nulla in quanto abbiamo già provveduto. Le auguro una serena giornata.”
Niente lavoro quindi. Come dovrei sentirmi? Contento o dispiaciuto?
So solo che ho una terribile emicrania, come se qualcuno mi avesse lanciato un sasso in testa.
Un sasso in testa? Mmm….




Share |


Racconto scritto il 11/02/2017 - 12:27
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.223 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Vi ringrazio sentitamente a tutti quanti voi. Si tratta del mio primissimo racconto horror miscelato con un pò di onirismo. A differenza di molti miei racconti non è autobiografico. Ho voluto cimentarmi con un nuovo genere e dai commenti sembra che il sottoscritto sia riuscito nell'intento. Buonanotte a tutti e vi ringrazio ancora per i vostri commenti, mi rendono molto felice

Giuseppe Scilipoti 20/02/2017 - 23:33

--------------------------------------

bel racconto, coinvolgente, mozzafiato e scorrevole.
complimenti davvero

black shadow 14/02/2017 - 18:41

--------------------------------------

Un racconto che tiene col fiato sospeso, direi. Un altro sogno. Mi è piaciuto molto e l'ho letto con piacere. Complimenti.

Giulia Bellucci 11/02/2017 - 23:10

--------------------------------------

Grazie Giuseppe, per il passaggio, molto gradito. Non scrivo molti racconti e quando succede preferisco corti e diretti. Se vuoi "La storia di Mario" e "La doppia scelta".
Ciao, buona serata.

Loris Marcato 11/02/2017 - 19:13

--------------------------------------

racconto molto ben scritto
complimenti

laisa azzurra 11/02/2017 - 18:50

--------------------------------------

diciamo che ti sei ucciso da solo in quel sogno ma scrivi sda dio scorrevole e anche divertente 5*

GIANCARLO LUPO POETA DELL'AMO 11/02/2017 - 16:34

--------------------------------------

Chissà se quel sentiero è il nostro percorso di vita e ogni tanto incontriamo noi stessi nei viaggi interiori che ogniuno fa.
A me è piaciuto molto e poi, scrivi benissimo!
Ciao Giuseppe.

Loris Marcato 11/02/2017 - 15:52

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?