Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L’ÒMO E LA CACCA di ...
Ogni notte di luna...
TU PRENDI...
PANE ANCORA...
Un fuoco sbagliato...
Una piccola esplosio...
Un raggio di sole...
GIADA- Seconda Parte...
Se fossi chi non son...
AVATAR...
Caro me...
33 versi...
Tabù...
Eterei amanti di pen...
L'Ultimo Anno...
SUSSULTO...
Nella notte che non ...
Confidenze...
Polvere...
SAPPIMI DIRE...
Il filo rosso...
Puoi....
Una cenetta a due...
Una preghiera...
Quo vadis...
LA MACCHINA DEL TEMP...
Le melodie dell\'arp...
ali....
Stile Libero...
L’uomo del faro....
Serenamente...
....tu, annusa...
Lei...
Se una canzone fossi...
BUONE COSE...
Nero grafene...
DIFFICILE ETA'...
Non siamo niente di ...
LA MUSA ISPIRATRICE ...
Brezza primaverile...
Sepoltura...
DOVE SEI...
L'anno nuovo...
100% cuore...
Comprensione...
LACRIME NASCOSTE...
LA MIA VITA CON LE D...
I Draghi...
PAURA...
ROSA D\\'INVERNO...
Il test...
Mare di pioggia...
Il vento mi scompigl...
Sulle rive...
Ninetta...
Il mio niente...
L'uomo fatto di stra...
Bambola di perle...
Bieca introspezione...
La società si muove ...
POETI QUESTI SC...
Rame invecchiato...
OGGI HO PIANTO...
Confessioni di un gi...
Raggi d'amore...
Ai monti...
La città d'inverno...
Tempo e dolore...
Muri immensi......
illuso...
Purtroppo o per fort...
Vento....
L'amore breve...
Stato di coraggio....
PRE ISOLA DI MARY...
Amarti...
FUOCO...
Lucio IL GRANDE...
Rabbrividisco...
per fortuna che ho l...
Attitudine naturale...
Poesia d'Amore...
Angeli distratti...
HO AMATO...
DEMOCRAZIA di Enio 2...
...e tutto muove...
Esecuzione Capitale...
Di più...
Pianeta...
DOLCI OCCHI TUOI...
requiem...
Prima che sia giorno...
IL PENSIERO...
Onde d\'amore...
L'ultima salita...
Rime allucinate...
Domani verrà...
Te stessa......
Resilenza...
Femme fatale...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



La giusta dimensione della vita

(Dello stesso autore: Tratto dal libro “Filastrocche magiche e disincantate con dipinti e personaggi d’autore”. Ediz. Youcanprint self publishing. Settembre 2015)


Io non so davvero qual’è, cos’è la giusta dimensione della vita.
Troppi anni son passati da quando l’ho nella mia mente concepita.
Ma non ne ho scorto un lembo, nemmeno una traccia di matita.


Non lo so proprio cos’è la giusta dimensione della vita.
La verità è che non l’ho mai capita.


Non mi è arrivato nemmeno un raggio della sua luce.
Non so se consiste in una strada storta senza pace,
o se è delimitata dai cespugli d’erba inaridita.


Se ha un fine, se è iniziata o ancora deve cominciare,
se è abbozzata, definita o tutta la scoprire.


Se alberga nell’oscillazione monotona di un orologio con suo tic tac.
Se vive assieme al tempo, nelle ore, nei minuti, o dentro un dannato patratrtac.


Se è soltanto una cometa che sta lontano e mai s’afferra.
Se è un ideale che abita lontano dalla terra.
Io non so qual è la giusta dimensione della vita.


Chi me lo dice?
Chi mi chiarisce questo arcano?
Lo chiedo a tutti.
Pure al cielo, alle nuvole, al mondo intero, al genere umano.


Non lo so se si è nascosta e se vuole che lo cerchi.
Non capisco se mi sta davanti agli occhi
o magari vuole essere rincorsa sino a che la tocchi.


Non so se magari alberga nel silenzio, quando ho il sorriso sulla bocca,
se vuole la serietà o se è un falso aspetto della realtà.


Me lo sono chiesto mille volte in questa arida laguna,
e sono arrivato alla mia tarda età, davvero senza risposta alcuna.


Ditemi … È forse un sorriso o un urlo sulla luna?
Una smorfia o un mano che tende la fortuna?


Non lo so proprio cos’è la giusta dimensione.
Se è nel silenzio, nel buio, nel dolore o nell’amara derisione.


Se è un concetto astratto e se vive in un cuore o fuori nell’aria aperta.
Se è una dimensione che non esiste o che magari, chi lo sa, va scoperta.


Se si può afferrare come un semplice soffio di vento,
oppure si inspira e si trattiene nel polmone sino a morire lento.
Se il senso della vita fosse una logica conclusione o l’inizio di una disperazione?
Se si trova quando si cerca … o arriva quando meno si aspetta?

A chi lo chiederò?
E se fosse un’illusione?
Se appartiene a me, a te o nessuno in particolare?
Ancora tutto questo non lo so.


Domani tornerò di nuovo a pensare e ripensare.
Adesso sono troppo stanco d’aspettare




Share |


Racconto scritto il 14/07/2017 - 08:38
Da Vincenzo Scuderi
Letta n.148 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Ciao Vincenzo caro...
Enio ha fatto un commento che condivido la vita va solo vissuta e assaporata.
esiste solo vivere intensamente.

Poesia di grande riflessione
questa tua
complimenti.


Maria Cimino 14/07/2017 - 21:11

--------------------------------------

se lo chiedi a Vasco Rossi ti risponde che QUESTA VITA UN SENSO NON CE L'HA io penso che la giusta dimensione la scoprirai alla fine del percorso, quando non servirà più averla scoperta. comunque la poesia mi piace molto*****

enio2 orsuni 14/07/2017 - 17:20

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?