Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La palla lanciata gi...
Scendere...
Un velo sottile...
Il contrasto dei col...
Per...sopravvivere...
Lingue lunghe...
Il violinista...
Com'è difficile.......
Arrivare alle stelle...
Perchè piangi?...
haiku a...
Libertà...
Per Te...
Il Maggiore Lionel W...
Venti di guerra...
La vita come le stag...
Anima e corpo in gin...
GALLI...
Se entri nella mia v...
Argonauti...
SONO UN ANGELO...
Moda...
Il primo amore...
Il forestiero...
Più dai risorse, buo...
Soverchio...
Questo amore impossi...
Distopico...
Mormorio di bandiere...
Le cento candeline...
Come in trincea...
L’immaginario si fon...
Il piacere guasto...
Oltre le rughe...
Ti guardo...
TRAMONTO...
Betelgeuse...
L’Atmosfera misterio...
IL DIALOGO...
Spicchi...
PRIMAVERA COVID...
Lo sgretolarsi di az...
A LUCIANA...
Il colore della giov...
LA MAREA E L' ...
SILENZI...
La sensibilità non è...
Pensieri solitari...
Tutto ciò che viene ...
Composizione n.385...
ACQUA...
Firma...
L'ANGELO...
A Ilaria...
vecchia ferrovia...
Con i suoi colori...
PHARAOH'S CURSE. Man...
Lucrezia e l'amore a...
Solo un sorriso...
Affini son quelle an...
Le quattro stagioni...
Seduta davanti al ma...
IL VENTO...
Mix gastronomico, le...
Nessuno è libero...
Miracolo d\'amore...
incognite...
UNA VOLTA AMOR...
'O panariello...
Pandemia...
L'ultima ladra...
L’altro viaggio 16/1...
IL RIFUGIO...
Ogni cosa che cambia...
Clone...
FLUTTUANDO NEL VENTO...
Ciao...
Annabelle...
Il solitario....
AD INIZIO APRILE......
Il piccolo Drago...
IL MISTERO...
Ciliegi in fiore...
È IL CUOR CUSTODE...
Grano Oro...
L’amore non ha confi...
Dove sbocciava l’ari...
La Colomba...
Una libellula a Bene...
Semmai...
Vorrei piangere...
Jack...
Attendere navi che n...
Che grande farsa è l...
Nei luoghi sacri (c...
ERBA CATTIVA...
Dalla montagna al ma...
Siamo tutti unici e ...
SOGNANDO...
L’altro viaggio 15/1...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Al cacciatore

Tu che conosci i boschi tinti di rosso,
con le sue fragili ossa stese al suolo
e la sua linfa che lenta scorre via,
lontana dal ricordo dell’estate,
che coi suoi raggi non lo bacia più;


Tu che osservi in silenzio il suo mutare
al vento umido che spira d’oltralpe,
i rami spossati liberi ancora
dopo mesi passati dolcemente
a vegliare i suoi compagni di splendore:


Sono trascorsi i caldi mesi lieti
in cui gli scoiattoli giocavano
sui tronchi gonfi di vita e speranza,
discreti garanti di un amor bambino
che l’inverno grigio poi seppellirà.


Resta immobile ascoltando il pulsare
di un mondo che imbrunendo si assopisce;
calmo carica il fedele fucile,
mescolando il tuo respiro alla nebbia
e pietoso incontra il suo sguardo mite.


Giunge l’inverno in quel bosco straniero
che tutto sembra aver dimenticato,
anche le tracce giacciono segrete,
là, dove l’ultimo affanno s’è perso,
cieco, nell’ombra fatua al calar del sole.



Share |


Poesia scritta il 08/01/2013 - 16:33
Da Donna Pola
Letta n.999 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


questa poesia oltre che a sentirla si riesce a vederla.Molto bella.

Claretta Frau 09/01/2013 - 17:32

--------------------------------------

Ho letto più volte questa tua poesia alquanto originale che assomiglia ad un timido dipinto...
Mi è piaciuta.

Daniela Cavazzi 09/01/2013 - 17:08

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?