Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

In equilibrio instab...
Meglio cadere, anche...
PRIGIONIERI DEL COVI...
POI NULLA PIÙ...
Click ()...
Panacea...
Quel tempo che fu (l...
Il mondo che verrà...
Quando finisce un am...
E' tutto qui...
Possiamo...
Calpestar il proprio...
Non è un granché (v...
GAMBERO...
FERMA È LA VITA...
Metafisica...
Il venditore di frit...
Paese mio...
Stella...
LA FEDE...
IL PROFUMO DELL...
Diogene e il sonetto...
Dominique Noir...
Chiaroscuro...
La provocazione è un...
Si comunica non per ...
La Tigre...
Poeti stropicciati...
IL SOLCO DELLA MATIT...
PIOGGIA SABATINA...
Patate in picchiata...
Solo fra i soli...
Un sogno...
Il colore dei ricord...
La crociera...
Dimmi quanto mi desi...
Un incontro fatale...
Nuovi colori simili ...
Nell'aldilà...
LA TERZA GUERRA MOND...
Sorrido...
Elisir Di Una Madre...
La mia dimora...
Sorridi, credimi e l...
Il messaggero dell'a...
Brividi d'Aprile...
Invisibile senso...
I COLORI DELL' ...
Le lacrime più amare...
Il tempo è denaro...
Gioventù 1968...
Se sei onesto e buon...
La palla lanciata gi...
Scendere...
Un velo sottile...
Il contrasto dei col...
Per...sopravvivere...
Lingue lunghe...
Il violinista...
Com'è difficile.......
Arrivare alle stelle...
Perchè piangi?...
haiku a...
Libertà...
Per Te...
Il Maggiore Lionel W...
Venti di guerra...
La vita come le stag...
Anima e corpo in gin...
GALLI...
Se entri nella mia v...
Argonauti...
SONO UN ANGELO...
Moda...
Il primo amore...
Il forestiero...
Più dai risorse, buo...
Soverchio...
Questo amore impossi...
Distopico...
Mormorio di bandiere...
Le cento candeline...
Come in trincea...
L’immaginario si fon...
Il piacere guasto...
Oltre le rughe...
Ti guardo...
TRAMONTO...
Betelgeuse...
L’Atmosfera misterio...
IL DIALOGO...
Spicchi...
PRIMAVERA COVID...
Lo sgretolarsi di az...
A LUCIANA...
Il colore della giov...
LA MAREA E L' ...
SILENZI...
La sensibilità non è...
Pensieri solitari...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

SELMIRA

Selmira alza gli occhi cerchiati
alla lamiera del tetto
dove scende il monsone puntuale arrivato
sull'attesa di sete del mondo.


La pioggia impasta la polvere in grumi,
come uova di colibrì leggere di schiusa.
Selmira osserva e aspetta di vederli volare,
come gli uccelli di fango del Cristo bambino.


Lo aveva un amore Selmira,
di quelli veri perchè partito lontano,
verso un paese di sorrisi e facili luci.
Un amore maturato bambino
e cresciuto col sorriso proibito del gioco
all'ombra dei respiri nascosti dal mango.


Aspetta ogni giorno Selmira
la rimessa che più non arriva,
solo il monsone è puntuale ogni anno
a ricordare quell'ultima cena di pioggia
che le ha lasciato un vagito partendo.


Ha erba secca nel cuore Selmira
e le trema la voce cantando,
per quella figlia nata sulla porta del vuoto
con i pugni stretti nel pianto
e una domanda in bilico sull'orlo degli occhi.


La osservo parlare da sola al destino,
mentre il monsone si consuma nel mare
e il sole rinato si stende ad asciugare.
Selmira alza gli occhi cerchiati
sulla danza della mia penna che vola
e con muto assenso del capo
capisce che le sto rubando la vita.



Share |


Poesia scritta il 05/03/2013 - 12:43
Da floriano fila
Letta n.798 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Ne ho viste tante di queste vite, grazie di cuore Claretta.

floriano fila 06/03/2013 - 15:04

--------------------------------------

C'è la storia di una vita in questa tua poesia una triste storia raccontata in un modo bellissimo.

Claretta Frau 06/03/2013 - 14:51

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?