Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Silenzio...
PANDEMIA ECONOMICA...
L’attimo in cui ho c...
LA VITA COME UN RAGG...
Inadeguato...
FUOCO E FIAMME...
Le nostre begonie...
Il mio faro nel mare...
FLETVS...
Sogni notturni...
Polvere...
La disputa...
POETA...
Gocce di solidarietà...
Piccoli segreti...
Alberi...
NON FIGLI MA NIPOTI...
La tela...
Sulle ali del silenz...
26 ottobre...
A soli due passi da ...
RICORDO...
La clessidra...
La gioia di vivere...
Un conforto cultural...
VITA...
Triste speranza...
Anima rinata...
La carta vincente...
L'alba sui Colli...
HALLOWEEN SONO IO...
OMBRE DI QUEST...
Danni collaterali...
Attesa...
Alzheimer...
Disincanto...
Boote...
UN NUOVO GIORNO NASC...
Le tre Madri!...
Nuvole e luce nella ...
Io manigoldo...
Però quant\'è vago i...
Oblio di ottobre...
CALA LA SERA...
Elucubrazione n. 1...
LUCI DELLA SERA...
Ci restammo dentro...
Ultima danza...
Concatenazione delle...
Terra muta...
Notte ad Est...
Terren senza via...
RIECCOCI...
Alcune persone prove...
Questione di forza...
Il silenzio...
Le persone buone...
Il principe e i suoi...
Sant’Ilario...
Il rumore della pio...
DONNE SALVEZZA ...
Bello stile...
Fa' che la tua vita ...
PERDITA...
Madre mia!...
Un ombrello chiuso...
solo...
Resta con me...
Deserto il tuo guanc...
Ammennicoli...
11:51...
Senza l'entusiasmo c...
Nessuno cercherà mai...
Che solfa...!...
Già mi manchi...
Camminando sulla bat...
Oggi come allora...
Schiudi...
A colloquio con Sten...
Perdono...
AL CHIARO DI LUNA...
Segmento...
IL MONDO CHE CROLLA...
è tornato alla terra...
Vissi d' amore...
IL TEMPO NON SEMPRE ...
Credo...
Un amore ingenuo...
MAGIA DELL' AMORE...
Tempo...
CULLA MARINA...
Due forme...
Simbiosi...
Ritratti o delle cos...
Un poco prima...
Il falco e l'usignol...
Luci e bagliori...
Le granite della zia...
Haiku n 10 a...
Petali...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

PAURE

Ho paura del nero senza sfumature
del vuoto che non riesco a riempire
del cielo dove non riesco a volare
del mare se non riesco a toccare.
Non ho paura di nulla, quando riesco a pensare.


Ho paura del popolo, quando il pensiero si fa religione
di lasciarmi andare perché vado in groviglio
del vivere a vuoto e morire d’indigestione
della cecità della mente.
Non ho paura di amare, se baciarti, non è dato come scontato.


Ho paura di me quando la spina sento staccarsi
di te quando non riesco ascoltare
di ridere solo
di lavorare, solo per vivere.
Non ho paura di piangere per sterili emozioni.


Ho paura di essere qualcuno e mi terrorizza essere nessuno
dover essere chi non sono
di essere solo un vivente
di vivere solo per riempire le ore.
Non ho paura dell’uomo, se gestisce il suo pensiero.


Ho paura della fragilità di un bambino
della notte quando dentro si fa più oscura
della malattia, quella che ti rincorre in silenzio
della solidarietà che fa rumore.
Non ho paura della gente se ha qualcosa da perdere.


Ho paura della ragione che vive sola, da una parte sola
dell’amore cieco perché finisce sempre nel fosso
dell’amore che non parte mai, perché ci vede anche troppo.
Ho paura dell’imbecillità che rimprovero. In me sempre in resta, sempre pronta.



Share |


Poesia scritta il 16/10/2013 - 18:34
Da giampietro corvi c.
Letta n.646 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?