Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Come ad Agosto...
Oceano...
L'ECLISSI...
La poesia più bella...
Regalami un cerchio ...
Luna di giorno...
Campo di grano...
PAESE...
Tanka 36...
Adeline Carabiniere...
Oltre il limite...
Questo amore...
Il distacco in un ri...
Ho sempre avuto paur...
Il silenzio...
SOS...
Sentieri inversi...
Nessuno lo sa...
Solo un filo...
IL PRETE...
MATRIGNA...
La Notte....
HAIKU C2...
Miserere...
Decisioni difficili ...
Esperienza di vita e...
Quando più occhi non...
LE OMBRE DELLE ...
Segmenti sahariani...
Tanka 5...
Zum-zum...
SOGNANDO A OCCHI APE...
Noi (Tanka)...
E poi...
Distacco...
Il Fonte Pliniano (S...
Speriamo in estate...
L'orsetto (Alzheimer...
Ispirazione...
Colori e musica...
Autunno...
Mare a Caorle...
Uniti...
Mistero...
L'Ordinazione...
coscienze orfane...
Gli occhi della mamm...
Endorfine o delle co...
Come nascono i bambi...
Frammenti...
Senza stagione...
Una candela spenta...
LA SOFFITTA DEI ...
Il ricamo...
La bellezza collater...
Ci si perda (la paro...
L'ORA DELLA CENA...
TRENI PERSI...
Tanka 4...
Il sole di Maggio...
In Rima...
Mi piacerebbe ti pre...
LA DITTATURA DELL’AP...
SognoAntropomorfo....
Bosco Verticale a Mi...
La Bugia...
Vivere la vita...
Davanti allo specchi...
Il vento...
Sposa fiorita...
L’illusione...
Natura...
La metempsicosi...
Accusata di non aver...
In alto mare...
Credo che nel mondo ...
Nome di donna...
Fucsia...
HAIKU B2...
Pianificare...
Fugacità...
E Ti Sogno Ancora...
Max Stirner...
Domani senza di te, ...
Vorrei volare come u...
L'ignoranza,che non ...
Tra le tue braccia, ...
VERSO L\' ETERNIT...
Milena e i doni dell...
Elisir...
Los Angeles notturno...
NATURA...
Desiderio...
IL NAUFRAGO...
È l'amore che conta...
Canzone triste...
Amaro...
Un biglietto, come u...
L'isola che non c'è...
Orme sulla sabbia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

DISTANZA DA...

Non spiegavano più bene le parole oggi ciò che accade.
Ce ne volevano di nuove.
Sono state esse come gli esseri viventi: sono mutate nei tempi.
E, quando le incontri ora, non riesci a sapere più se son mutate le parole o son mutati gli uomini e le donne ed i figli e nipoti e nonni, nonne e sacerdoti.
Le parole dal nuovo sapore, oggi richiesto come necessario a salvarti la vita, lasciano tuttavia indifferenti i volatili che continuano a percorrere le distanze solite in compagnia; ed il gregge brucante, guidato al pascolo dal fidato cane, neanche si cura delle pene dell'uomo nè a sera sente l'angoscia del pastore nel mungere come non faceva ieri.
Vedo le rondini questa primavera tornare l'una ad un metro e mezzo dall'altra. Sarà una allucinazione oppure il desiderio di mettere a vantaggio del presente almeno qualcosa. Le rondini volano alto ed i miei occhi le hanno viste volare ad un metro almeno l'una dall'altro. Avevo bisogno di qualcosa di nuovo.
A me, cui è stata tolta la speranza d'incontrare di persona un nuovo, grande amore per il quale si...erano pronte parole nuove, oggi procura penosa angoscia il registrare che l' amore non sia un bene primario, come invece la farmacia, il supermarket, il tabaccaio e che le parole nuove risuonino così: Resta a casa. Che, insieme, ce la faremo. Insieme? Ma che dici? Quello è un fatto solo mio e, per fortuna, solo mio resterà.


E le mie parole nuove?
Ti amo non ha cambiato senso.
Gliele dirò quando tutto sarà finito ma con parole che sapranno d'antico.




Share |


Racconto scritto il 28/03/2020 - 20:44
Da Ernesto D’Onise
Letta n.225 volte.
Voto:
su 8 votanti


Commenti


Ringrazio mare blu, Margherita e Carla per i loro interessanti contributi su un argomento assai problematico per tutti, nessuno di noi escluso. E tuttavia noi siamo qui: è un dovere d’ artista.
Alla prossima.

Ernesto D’Onise 31/03/2020 - 00:30

--------------------------------------

Ringrazio mare blu, Margherita e Carla per i loro interessanti contributi su un argomento assai problematico per tutti, nessuno di noi escluso. E tuttavia noi siamo qui: è un dovere d’ artista.
Alla prossima.

Ernesto D’Onise 31/03/2020 - 00:23

--------------------------------------

Condivido e apprezzo molto il tuo scritto poeta Ernesto d'Onise. C'è tutta una sibillina "retorica del virus", chiamiamola così:"io resto a casa" suona bene a chi una casa ce l'ha, non, ad esempio, ed è solo un esempio, agli anziani assembrati in case di riposo; poi "ce la faremo insieme", vale sino ad un certo punto perché la coscienza rimane sempre e comunque un fatto individuale. Io so solo che in questo strano periodo, che molti considerano provvisorio, (ma "non c'è qualcosa di più definitivo del provvisorio") emerge, ancora di più di sempre, il meglio e il peggio della natura umana.

Carla Vercelli 30/03/2020 - 19:35

--------------------------------------

E pure io ho letto un sapore antico che resta impresso in questo scritto. Nonostante il tempo sia diverso e le parole nuove vengano alla luce come lampi incandescenti, il vero che è vero resta immutato nel tempo all'infinito! Grazie!

Margherita Pisano 30/03/2020 - 16:26

--------------------------------------

Questo anomalo stato di cose conduce sentimenti a esprimersi non più col cuore ma con la ragione, perciò causando un deterioramento nelle persone più sensibili dell'anima.
molto significativo il tuo testo.

mare blu 29/03/2020 - 21:55

--------------------------------------

La vita di noi esseri umani è una grande variazione sul tema senza uno spartito fisso; ciò che saremo dopo questo periodo sarà determinato da come affrontiamo oggi la realtà con le nostre qualità e i nostri limiti.
Ciao carissimo Ernesto

GiuliaRebecca Parma 29/03/2020 - 17:39

--------------------------------------

Il sapore antico sarà la veste delle nuove parole, almeno per chi avrà compreso... e l'amore, più di prima, avrà il ruolo della ricostruzione...
Testo bellissimo Ernesto, grazie!

Grazia Giuliani 29/03/2020 - 17:34

--------------------------------------

Ed io concordo con Maria Luisa e con Francesco.

Ernesto D’Onise 29/03/2020 - 13:50

--------------------------------------

Un bel testo che si adatta molto a questa situazione che ci accomuna. Ma nella storia dell'uomo già troviamo la celebre frase di Eraclito "Pnta Rei: tutto scorre" che significa che dobbiamo andare avanti e proseguire senza soffermarci con la mente sui dolori o le vicissitudini. Tratto da: "noi siamo qui per caso"

Maria Luisa Bandiera 29/03/2020 - 13:40

--------------------------------------

Almeno l'amore, quello vero, avrà lo stesso sapore; tutto il resto non so.....

Francesco Scolaro 29/03/2020 - 11:46

--------------------------------------

Grazie Anna Maria e grazie Salvatore per i vostri graditissimi commenti.

Ernesto D’Onise 29/03/2020 - 10:15

--------------------------------------

Bel testo che offre diversi spunti di riflessione.....non solo linguistici.E poi l’ironia delle rondini che volano a un metro di distanza.E la cosa più drammatica espressa è l’amore negato...immagino dalla sorte.
Per quanto riguarda gli slogan usati in questa emergenza, concordo ,ce ne sono di stucchevoli.Per esempio a me non piace “andrà tutto bene”,perché per chi è morto ,così non è stato.Invece” resta a casa “e “insieme ce la faremo” li condivido,perché se usciamo tutti ci infettiamo a più non posso,ci sono molti più morti ed io posso essere tra quelli.Se facciamo la cosa giusta insieme si salvano più vite e magari anche la mia.Ecco dove il sociale si salda con l’individuale.
Ciao Ernesto.

Anna Maria Foglia 29/03/2020 - 09:58

--------------------------------------

Testo molto convincente Ernesto..
Complimenti..

Salvatore Rastelli 29/03/2020 - 08:48

--------------------------------------

Grazie a te Mirko per i tuoi 4 gioellini.

Ernesto D’Onise 29/03/2020 - 07:59

--------------------------------------

"del mungere come non faceva ieri" credo sia una delle note alte di questo meraviglioso spartito. E le rondini, e la chiusa. Bellissimo.
...e grazie

Mirko D. Mastro(Poeta) 29/03/2020 - 07:41

--------------------------------------

Grazie per il tuo contributo, gentile poetessa Graziella.

Ernesto D’Onise 28/03/2020 - 23:05

--------------------------------------

Per me è stato come leggere una bellissima favola, dove i personaggi sono costretti a stare lontano, un po' come nel volo delle rondini.
Il finale quindi è ancora sospeso ma ha il sapore e il desiderio di ritrovare la felicità.Come ora lo desidera anche il mondo. Bello!!

Graziella Silvestri 28/03/2020 - 22:40

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?