Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

IL CANTO DELLA CASCA...
Un fascio di luce...
Tenera è la notte...
In punta di piedi (A...
Orologio biologico...
Perché io. Capitolo ...
2020 da dimenticare...
UN SERENO TRIONFO DI...
ATTIMO...
All'alba...
EL POETA ES UN...
Io noi e gli altri...
Canto di fiori...
Affetti...
Figlio...
Sciame di foglie sec...
Nyx...
POTER SOGNARE...
HAIKU F...
La casa di Arianna...
L'Eleganza si manife...
Tramonta l\'Estate...
Lettera al cuore dal...
tepore d' Autunno...
Cuoricino...
A Ritroso...
Notte...
Prologhi d\'autunno...
willy...
Autunno che viene es...
Credi che mi sono pe...
Saper accettare i ca...
LUCIA...
Conto alla rovescia...
Il tuo sorriso è ent...
Albert Voss 1944...
Albero buono...
Ho chiesto di te...
TI VOLEVO SCRIVERE A...
Appagamenti...
LA MUSICA DEL CUORE ...
L’Alba del Serafino ...
Riconosciamo forme e...
Anni Sessanta...
RICOSTRUIRE IL C...
Tristezza...
Fisicità...
La barca...
E SE FOSSE L’AMORE.....
Sequenze da sogno e ...
Guardando questo cie...
Coltre...
SUA MAESTÀ...
Orchestra...
Simbiosi letteraria...
Tutto ebbe inizio. C...
Rifrazioni!...
Abbracciami...
I ricordi sono picco...
Notturno ma non trop...
Non volendo invecchi...
Tu sogni di notte?...
Tempo...
HAIKU E...
SENZA TITOLO...
A passo lento...
Sussurro...
Irrequieto sognare...
Nel giardino tutti c...
Il sogno.......
Contemplazione...
AL FARO...
scriverEsistere...
Vuoto...
I babbaluci...
Andiamo...
Per te...
RITORNO AL PASSATO -...
Sparse...
Clair de lune...
Si cercano ovunque M...
Cos'è l'amore...
Lorenza s'attiva (se...
SE CI PENSI…...
L'ultimo tocco di qu...
PALLIDO IL SOLE FORS...
Cinquant'anni d'amor...
L’Alba del Serafino ...
Giorgio...
In deserti dell'anim...
Il messaggio...
viola...
LE BOLLE DI SAPONE...
VIGNA...
Il cecchino...
ALLA DERIVA...
Obsolescenza...
Forse...
La tela...
ORA SO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



I due Dobermann

Dopo aver cenato all'agriturismo, io e Francesca decidiamo di fare una passeggiata nella tenuta prima di tornare nella nostra camera. Ci incamminammo in un vialetto di ghiaia, a braccetto, dandoci dei baci ed ammirando il sole mentre volge al tramonto.
Mentre ci avvicinavamo alle stalle dove vengono adibiti i cavalli, due Dobermann dall'aspetto feroce corrono verso di noi abbaiando a più non posso. Ci irrigidimmo tanto da esitare sul da farsi. Scappare non è una buona idea.
I cani smettono di correre ed assumono una posizione difensiva, ringhiandoci addosso, rabbiosamente.
«Shhh.» sussurro e allungando un braccio col palmo aperto.
Gli ostili sembrano placarsi e per di più si mettono a cuccia. Nonostante la tensione provo a rilassarmi a differenza di Francesca che rimane impaurita e spaventata tra l’altro avvinghiando il sottoscritto.
Non passa nemmeno un minuto che i due Dobermann si alzano e come se nulla fosse si allontanano nella parte opposta da dove erano venuti.
«Sei stato fantastico!» afferma ammirevolmente la mia fidanzata. «Sei riuscito a calmarli.»
«Francamente, non avevo intenzione di mitigarli.» cerco di chiarire.
«Oh!» mi dici seppellendo la testa nel mio petto. «Quindi stavi calmando me? Bene e bravo. Sappi che stava funzionando.»
In verità quel gesto è stato... diciamo "istintivo". Beh, l'importante e che i due bestioni hanno mollato l'osso... ancora prima di addentarlo.



Share |


Racconto scritto il 04/08/2020 - 14:29
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.163 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Grazie Giulia, beh anche in situazioni di alto risc..., emh, alto ringhio non perderei il mio spirito di patata.
L'istintivo "A cuccia!" non parlato ma gesticolato dell' io narrante ha funzionato, nella realtà non saprei. Non garantisco, ecco.
Se almeno una mano mi resterà attaccata al polso mi sarà sufficiente per fartelo sapere con una risposta scritta.
Grazie mille per il commento.

Giuseppe Scilipoti 19/08/2020 - 12:43

--------------------------------------

Non esito a interpretare il racconto come chiara metafora con le forze primitive della natura e quei gesti misteriosamente presenti in ogni individuo; i cani ringhiosi impressionano, l’equilibrio di atti misurati non è solo un appiglio.
Attraente come sempre il tuo alveo…
Ciao Giuseppe


GiuliaRebecca Parma 16/08/2020 - 18:54

--------------------------------------

Per il prossimo anno pronostichiamo di andare in montagna, tanto è vero che giorni fa alla mia fidanzata azzardai questa battuta di spirito:
--- No agli agriturismi, sì a Valsoia.
No, no, scusa, volevo dire: no agli agriturismi, sì a Val di Sole, (Trentino Alto Adige) ---

Giuseppe Scilipoti 05/08/2020 - 18:02

--------------------------------------

Maria Luisa, Afrodite, Santa e Giacomo, ho molto gradito i vostri commenti.
Tutti quanti voi dimostrate di avere buon "fiuto" nel tracciare i miei lavori.
Anche stavolta, quindi.
Il testo non è autobiografico visto che io e la mia fidanzata non siamo mai andati in un agriturismo. Tuttavia, la mia bella Francesca ha paura dei cani, tanto è vero che un eventuale vacanza in un posto del genere non sarà possibile. Già ha deciso, emh, abbiamo deciso. :D
(segue risposta)

Giuseppe Scilipoti 05/08/2020 - 18:00

--------------------------------------

Un quadretto letterario di vita vissuta, trattato con scioltezza e spontaneità, rendendo in tal modo il racconto simpatico e godibile. Che poi i due Dobermann siano stati addestrati ad ubbidire e non aggredire, cosa altamente probabile, non toglie il pathos al racconto, anzi...bravo Giuseppe, racconto simpatico, con il solito tocco di humor, ben scritto. Ciaociao.

Giacomo C. Collins 05/08/2020 - 13:57

--------------------------------------

Gustoso come tutti i tuoi simpatici racconti. Molto bella l'atmosfera iniziale,nonché romantica. A rompere l'idillio sono arrivati i due dobermann, che essendo ospiti di un un'agriturismo sicuramente non erano affamati, ma tu non potevi saperlo e un po' per istinto un po' per proteggere la tua metà hai fatto un figurone, anzi doppio.Lei si è sentita completamente al sicuro stringendosi al suo ragazzo.BRAVOOOO.

santa scardino 04/08/2020 - 22:10

--------------------------------------

Della serie: come ammansire due dobermann ringhianti in un colpo solo, senza timore alcuno e con grande sorpresa da parte del prode e coraggioso cavaliere, che riceve persino il plauso della sua dolce dama al termine della perigliosa avventura ...
Bravo Giuseppe, come sempre e grazie

Afrodite T 04/08/2020 - 20:34

--------------------------------------

L'importante con i cani è non fare gesti inappropriati, la mano offerta col palmo andava benissimo ma ci sarebbe da aggiungere che se i cani erano liberi in un agriturismo, sicuramente non erano aggressivi .... "tanto fumo e niente arrosto...."
Un bel raccontino, mi hai fatto sorridere!

Maria Luisa Bandiera 04/08/2020 - 15:54

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?