Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

NOSTALGICAMENTE...
Il momento...
Rabbia...
Perchè...
Una mezza sega...
L’altro viaggio 7/16...
Canto dell' Amore ch...
Se vuoi rovinare qua...
Di là dal vetro...
leggero il vento...
Giorni...
Gli alberi sono l'ul...
VIAGGIARE DI NOTTE...
INETTITUDINE DI PADR...
IL DESERTO DELL'...
GUARDANDO UN RAGNO...
Il castello...
La Pozione...
La maschera è caduta...
A Mia Madre...
O mio caro nuovo fut...
Sciogli la mia neve...
E' tutto un equilibr...
I nostri passi...
Casa poesia...
Baluginìo...
Soltanto ora mi vedi...
All'angolo della via...
La luce dei pensieri...
Piccolo dolore...
IN BOTTEGA...
Non ci sono solo il ...
SOGNO PER VIVERE...
Se n’è andata con il...
L\'eco delle parole...
Un vecchio libro di ...
IL FLAUTO DI PAN...
INQUIETUDINI...
Affido alla luna...
La giostra...
Il mormorio del mare...
Essere intelligenti ...
La mutazione dei col...
La forza del Mare...
Ma... Poi...
Viaggio nel futuro...
La mia Laika...
Feste in maschera e ...
É lo stesso...
Mirko D. Mastro- Gua...
CON TUTTE LE ATTENZI...
PRIMO...
Composizione n.374...
PASSATO BRUCIATO...
Non c'è pace...
Un figlio...
IL CASSETTO...
Senza pace...
Ad maiora...
Stampe antiche...
L'amore vero...
LA CORSA DELLA ...
Nebbia...
Con altre mani ti ac...
Se timoniere della n...
Ti amo...
La famiglia è la rad...
IL BACIO...
La pentola di fagiol...
UN AFFARE CON IL DIA...
Una volta la famigli...
L’altro viaggio 6/16...
Nonno sprint...
I SOGNI NEL CASSETTO...
Ci rinuncio...
Assopito...
AL MIO CONVENTO...
Le cicatrici del cuo...
Notte di Velluto Vio...
Averti qui...
SILENZIO...
Promesse...
Caro diario...
La fontana della con...
Scorcio d'inverno...
Il pasto nudo...
MAGICO ISTANTE...
Nell'aria (concors...
La via senza ritorno...
RINASCIMENTO...
A volte il passato f...
VIVI!...
Senti come corre que...
L’altro viaggio 5/16...
Sospesa nel silenzio...
In quella spiaggia d...
Inno al verso...
L'inverno e il suo c...
Laura...
Viviamo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

L'ultimo Natale

Le scale, una porta e un corridoio come tanti, con l’acre odore ospedaliero; poi l'ingresso nella stanza.


C'erano tutti.
La sera del giorno di Natale.
Da sempre il Natale, o il secondo giorno, eravamo da lei ad Antignano; stavolta le condizioni di salute la relegavano in ospedale ma quasi per un accordo c'eravamo dato appuntamento tutti in quella stanza. Ancora una volta nonna Albertina riusciva a passare il Natale con noi, nipoti, figlie e parenti prossimi. Ci aveva tacitamente convocato.


Che differenza c’è tra una stanza piena e una vuota? Enorme. E la sua era colma, e poi noi continuavamo a parlare di cose varie, non solo di lei, era una riunione familiare. Per lei, l’osservazione dal suo letto, l’immagine della vita che sarebbe continuata.
L'ultimo atto non poteva che essere così, davanti a se aveva tutte persone che, in sua mancanza, non ci sarebbero state o comunque non si sarebbero mai conosciute tra loro.


Non eravamo più all’ospedale, anche gli odori del Natale ce li eravamo portati da casa, li avevamo sui vestiti, sui capelli e sulle facce tristi. Ma li avevamo.
Era il giorno dell’ultima volta, e meglio non avrebbe potuto essere.
Quando mi sono avvicinato per salutarla le ho dato un bacio sulla fronte. Non glielo avevo mai dato.
“Poi torno a trovarti” le dissi
“Ciao.” – mi disse piano.
“Come nonna?”
“Ho detto ciao.”


Io non lo sapevo, ma lei sì, che sarebbe stato l’ultimo.




Share |


Racconto scritto il 02/12/2020 - 08:32
Da Glauco Ballantini
Letta n.138 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Potrei dire tante altre cose su "L'ultimo Natale", il quale il titolo ricorda un brano degli Wham!, però preferisco terminare la mia disamina.
Cinque stelline! Bravo!

Giuseppe Scilipoti 18/12/2020 - 22:34

--------------------------------------

Breve racconto di spessore, anche per via di una  sapienza narrativa e di una struggente sensibilità.
Righe colme di afflato, che arrivano al cuore, peraltro fornendo al lettore un qualcosa di partecipato, un vigore drammatico ma mai eccessivo, del resto i pre-commiati sono l'anticamera della malinconia. Confermo che gli elementi primari del costrutto trovano una giusta collocazione.
(segue)

Giuseppe Scilipoti 18/12/2020 - 22:34

--------------------------------------

Racconto toccante, che induce a riflessioni importanti.

Anna Maria Foglia 02/12/2020 - 10:24

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?