Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

AUSCHWITZ un giorno a ricordare

Una moltitudine di genti sulla spianata,
presente l’universo di Fede parente.
Una musica rende coscienza alle menti.


Un pantofolaio cristiano in poltrona
lontano
portato a levarsi e sostare in ascolto.
Piange
come può? Non conosce l’Ebreo.


Ognuno si alza, ognuno la vive in
silenzio, nel pianto, in preghiera
nel canto di Ebrei sentito Cristiano
ad Auschwitz quel giorno, vissuto
in memoria di un mondo di assenti
a domandarci ancora senza pudore:
-Davvero guardavo senza vederti?-


“Era necessario -quei giorni- per
stringerci attorno un giorno? ”
Di questo,
Signore ti prego non togliermi il velo.



Share |


Poesia scritta il 26/01/2015 - 15:09
Da giampietro corvi c.
Letta n.382 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Troppo bella...ho scritto anch'io su AUSCHWITZ... il mio è un racconto: Un incubo in rosa...storia di un bimbo ebreo passato per il forno crematorio...sono molto sensibile all'argomento. Bravissimo giampietro...eccellente. ciaociao

. Focus 16/02/2015 - 19:53

--------------------------------------

Giorno indimenticabile come gli orrori che tanti hanno finto di non vedere,bravo

genoveffa 2 frau 26/01/2015 - 20:07

--------------------------------------

Il giorno della memoria e per l'appunto un momento incancellabile per tutte le coscienze umane, le altre non lo sono.

Paolo Ciraolo 26/01/2015 - 19:46

--------------------------------------

"Davvero guardavo senza vederti?"
Purtroppo il silenzio è complice in ogni cosa, e il tempo non basta a lavare l'onta. Ogni epoca ha le sue omertà. Piaciuta molto.

Alessandro Sivieri 26/01/2015 - 19:39

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?