Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Del potere e dell'abuso.

Di storie eroiche cantavano,
del potere regio e feste dorate.
Del castello e i suoi cavalieri,
delle mattine di sole e algide serate.
Di battaglie sofferte e delle spade levate,
per quei corpi mutilati di diverse fazioni,
ma pur con ferite dalle dame bendate,
ancor nei boschi, per dare lezioni.


Ma cantastorie e cantori non dicevan tutto,
la violenza del soldato al castello tornava,
la mano degli uomini aveva distrutto
quel che la donna ancora costruiva.
E infatti non disserro nulla,
al popolo che il potere sosteneva,
dell'aver violato il corpo stanco
di chi al castello lavorava.


Il sangue vergine macchiò il letto,
così come l'animo dei soldati,
capaci di sfuggire alla legge
ma dalla colpa per sempre perseguitati.
E dei suoi occhi azzurri non parlano,
non parlano dell'abuso di potere,
ma nel cuore loro sanno,
che la volontà e' spesso potere.


Ma il cuore tortura la mente
che ignava,ha il compito ingrato,
di tener all'oscuro la vicenda
e coprire per sempre il soldato.
E con il re che alla regina stringe mano,
il potere e' ora al sicuro,
i suoi occhi azzurri non vedono più
le ingiustizie del tempo lontano.



Share |


Poesia scritta il 18/02/2015 - 15:45
Da Giorgia Rosa
Letta n.427 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Vero, anche dietro le favole più epiche e valorose vi sono violenza e mediocrità. Più attuale di quanto non sembri. Piaciutissima

Alessandro Sivieri 18/02/2015 - 23:44

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?