Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

SCARABOCCHIO

Cosa potrei capire di me
quando la penna vaga senza meta
a tracciare linee, alberi, case,
forme varie
generate come da sé.


Se divago sovrappensiero
un senso d’estraneità mi coglie;
osservo ciò che il caso ha disegnato
e ne resto basita.
Allora mi chiedo:
questi scarabocchi avranno un senso?


Forse uno ce l’hanno,
ben più profondo di quanto io possa pensare...
La ragione allenta le briglie,
e le emozioni prendono il sopravvento.


Il vissuto profondo fuoriesce senza censure.
Il mio temperamento, i miei desideri,
la mia sensibilità,
i miei sogni, la mia fantasia,
tutto in un unico disegno
nato sovrappensiero.


Adriana Giulia Vertucci luglio 2013



Share |


Poesia scritta il 04/04/2015 - 15:06
Da Adriana Giulia Vertucci
Letta n.363 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


bella poesia che parla di arte,disegni e schizzi,che prendono forma che diventano un opera,un immagine

stefano medel 05/04/2015 - 02:06

--------------------------------------

hai ragione disegnare come in uno stato di trance e poi restare stupiti di ciò che si è delineato, capita anche a me chiedermi se hanno un significato più profondo tutte quelle linee e forme.Piaciuta la tua poesia.CIAO E BUONA PASQUA

Anna Rossi 04/04/2015 - 19:00

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?