Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

E ci siamo ritrovati...
DI NOTTE...
Deriva d'orgoglio...
Sapore...
Un giorno per sempre...
Passione luminosa...
Bisogna fare di tutt...
Mio......
Se...
LUCE CHE MI TOCCA...
Sera...
A Firenze...
Al pianoforte...
Sbrigati ad amare...
Foglia d'autunno...
PRIMAVERA D'AUTUNNO...
Time out...
CANTO D'AMORE...
Questa fu missione d...
C'era una volta la m...
Leggiadre emozioni...
RIME ALLO SPECCHIO...
Adele...
come nasce un fiore...
OTTOBRE INVERNALE ??...
UN DOLORE...
SFUMATURE DI MARY...
Proprio come te...
Il nichilista...
Inutilità...
'Lascia stare la mia...
Mima...
Salvezza...
Più di mille stelle...
Assai infinito...
L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Inutilità

Vivere,
esclusiva prerogativa di pochi,
forse per costrittiva imposizione della volontà
molti si rifiutano
di perseguire il futuro indegno.


Meglio suicidarsi
per sfuggire alla realtà indecente
che umilia
l'umano concetto di civiltà
continuamente violata,
repressa è l'uguaglianza
di masse conglobate
nel tutto insignificante,
equiparate al nulla.


L'individuo soppresso ripiega
nel privato di una spoglia esistenza,
emarginazione lo esclude
da qualsiasi mansione considerevole
rapportata alla normalità concepibile
nel senso comune di legiferata giustizia,
diventa parte subalterna
a cui viene assegnato
la mera funzione di respirare,
segno blando
di meschina sopravvivenza,


segnale certo che il potenziale intellettivo
non conta niente,
effimero attributo
di un essere inconsistente.


Nel meccanico mondo robotizzato
la vita d'acciaio
si fa dura,
il cuore umano impenetrabile
etichettato alla stregua
di infiniti battiti in successione ritmica
cede alla follia incomprensibile,
rompendosi i cocci
della percezione sensibile
si disperdono nella vacuità del tempo
scandito goccia a goccia.



Share |


Poesia scritta il 08/01/2016 - 14:05
Da daniela dessì
Letta n.274 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Un componimento dal forte sapore di denuncia, per il decadimento del "meccanico mondo robotizzato" e "L'annullamento della percezionme sensibile dell'uomo". Può essere condivisa o meno.. ma trovo il testo ben costruito e fortemente evocativo delle sensazioni che muovono l'autrice.

Francesco Gentile 09/01/2016 - 15:37

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?