Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Sovente Cado

Sovente cado, mi lacero, sono dolente di non soffrire abbastanza. Resto lontano. Strozzo un rantolo che, fuggiasco, tenta di evadere dal mio esofago. Ricado, il colpo è più duro, ma ce la posso fare. Claudicante mi accosto ad una fontana, che non mi permette di bere. Ma mi osserva con diffidenza. L'ambiente che mi circonda è fatto da oggetti che riflettono la mia personalità. Ora mi rendo conto, del perché la fontana mi abbia negato l'acqua. Non era altro che lo specchio del mio egoismo. Guardo un orologio, resto immobile per almeno mezz'ora, seduto su un sasso. Ma non ne sono sicuro, poiché le lancette non accennano il benché minimo spostamento. Allora indico un punto, nel vuoto, con l'indice. Ma è tutto inutile, il punto non è interessato a me in alcun modo. Forse...allora, credo di aver capito ciò che proprio non funziona. Lì vicino c'è una piccola mannaia, conficcata in un tronco buono da ardere. Si lascia prelevare con riluttanza, non potendo opporre più resistenza di quanto le concede il proprio peso. L'afferro, dunque, con la mano sinistra e recido un dito della mano destra. Ma il pollice, appena, reciso mi scruta con placido e incommensurabile distacco. Ora sono senza dubbio certo della mia ipotesi: io non faccio più parte di questo mondo.


Share |


Poesia scritta il 14/02/2016 - 13:12
Da Emanuele Stridente
Letta n.224 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?