Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Gli alberi intorno...
Specchio spiatore...
Illusione o realtà?...
Le mie parole sono l...
Quando arriverà il m...
La Pecora nera...
Dove nel cosmo è bui...
Tristezza per la gen...
Ne ho baciate tante ...
Nei nostri sorrisi...
SAHEL...
Contro il destino...
Sandrone...
EVOLUZIONE DELL\'AN...
STRAGI...
NOARE O STAR NEGÀ...
l'attesa di guardart...
LA RAGIONE...
Estati su\' di uno s...
Dentro la scatola di...
CONQUISTA...
La fretta dei giorni...
Fila, filastrocca...
ANCHE PER UN SOLO IS...
Voglio solo la mia l...
...UN AMORE CHE È CO...
Ancora una volta...
Non è ancora quel te...
PER AMMAZZARE IL... ...
il gommone...
Fantapoesia...
Canto della cuna del...
Questa è la vita ? ...
Preghiera alla divin...
NESSUNO...
È perché non sai chi...
Mare verde...
Schizzi di luce (poe...
RICAMI DI LUNA...
Il prestigio di una ...
Nel mercato dell'int...
La mente e il cuore...
A mio favore...
Un cielo troppo gran...
Alla mia Cri...
gli elementi...
Per tutta l'eternità...
Senza armonia...
Mia Madre...
A te e a me...
LA NINNA NANNA DELLA...
Il regno animali ...
Ostetrica(C)...
PIUMA AL VENTO...
PAURA DEL SILENZI...
STELLA...
L'ignoto...blu...
Sentimenti...
Davanti a noi...
Pace a ferragosto...
SENTO LE TUE CAREZZE...
Evanescente...
Lontano...
...IL SAPORE DEL CAO...
Polvere...
La Ragazza Dai Capel...
E RITORNO AL PASS...
Stupido amore...
Le mie teorie...
La poesia non dev'es...
SENZA AMORE...
ALMENO...
BUGIARDO SORRISO...
Sorriso amaro...
Forse,ti amo....
Bang… Bang… Bang…...
Credevo. E poi......
L'aquilone...
Vien la pioggia d'ag...
L'amicizia I veri...
Cara mamma.......
IL PIANTO DELLA...
Cadice...
ARBRE MAGIQUE...
Ti ho lasciata indie...
Quieto e silenzioso...
Inutili verba...
Vivere...
Quel battito in più...
epoche...
Il punto...
L'odore della Notte...
La MIA STELLA...
Il nodo dell'anima...
La Colonia...
Corro da lei...
SOGNO O ILLUSIONE?...
L'attore...
La missione...
Arijane....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Sovente Cado

Sovente cado, mi lacero, sono dolente di non soffrire abbastanza. Resto lontano. Strozzo un rantolo che, fuggiasco, tenta di evadere dal mio esofago. Ricado, il colpo è più duro, ma ce la posso fare. Claudicante mi accosto ad una fontana, che non mi permette di bere. Ma mi osserva con diffidenza. L'ambiente che mi circonda è fatto da oggetti che riflettono la mia personalità. Ora mi rendo conto, del perché la fontana mi abbia negato l'acqua. Non era altro che lo specchio del mio egoismo. Guardo un orologio, resto immobile per almeno mezz'ora, seduto su un sasso. Ma non ne sono sicuro, poiché le lancette non accennano il benché minimo spostamento. Allora indico un punto, nel vuoto, con l'indice. Ma è tutto inutile, il punto non è interessato a me in alcun modo. Forse...allora, credo di aver capito ciò che proprio non funziona. Lì vicino c'è una piccola mannaia, conficcata in un tronco buono da ardere. Si lascia prelevare con riluttanza, non potendo opporre più resistenza di quanto le concede il proprio peso. L'afferro, dunque, con la mano sinistra e recido un dito della mano destra. Ma il pollice, appena, reciso mi scruta con placido e incommensurabile distacco. Ora sono senza dubbio certo della mia ipotesi: io non faccio più parte di questo mondo.


Share |


Poesia scritta il 14/02/2016 - 13:12
Da Emanuele Stridente
Letta n.197 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?