Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Piccoli... esuli

Piccoli... esuli



Scivola, lacrima scivola
pesanti gocce su quelle gote
insaporendo labbra rosse
aperte come ospitale calice.


Sanguina, il cuore sanguina
stilla per ogni bimbo e il suo fagotto
che goffamente in spalla indossa,
pochi ricordi e affida la sua mano
al padre esule che l’accompagna
in questo strano viaggio verso il nulla.


Mente , la mia mente mente
ad occhi che mentre osservano
al cuor trasmettono speranza
per pace c’assorbi lacrime per sempre
rimargini cardiache ferite
colmando quel goffo zaino
d’immagini felici e libertà.



Luciano Capaldo 17 marzo 16


****Quanto mi fa star male...impotente vedere simili immagini!*****



Share |


Poesia scritta il 18/03/2016 - 16:47
Da luciano rosario capaldo
Letta n.322 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Mi hai stretto il cuore con queste belle e dolorose parole che sono immagini vive, purtroppo! Ma il mondo è silente! Molto toccante!

Patrizia Bortolini 21/03/2016 - 21:28

--------------------------------------

Siamo tutti impotenti, ma non è che i "potenti" facciano poi tanto per cambiate le cose. Condivido la tua bella poesia, anch'io scrissi qualcosa tempo fa. Un caro saluto Luciano.

Loris Marcato 19/03/2016 - 23:21

--------------------------------------

Penso le stesse cose, soffro con questi piccini, bravo per averlo scritto in questa tua poesia

Marilla Tramonto 19/03/2016 - 14:22

--------------------------------------

Sono a lutto per i piccoli e per gli adulti, gente che riesce a scappare dall'orrore e dall'oppressione, gente che ha perso l'orizzonte della speranza, non accolti e non rifugiati, divenuti soltanto un problema per la grettezza di muri e ferro spinato.

salvo bonafè 19/03/2016 - 12:54

--------------------------------------

Toccante verseggio forgiato mestamente. Piccoli esuli... che toccano il cuore. Lasciare, per disperazione, non può che commuovere.
Sereno fine settimana Luciano.
*****

Rocco Michele LETTINI 19/03/2016 - 02:20

--------------------------------------

Poesia scritta con grande vicinanza nei riguardi di poveri esuli e disgraziati, costretti ad allontanarsi dalle proprie terre per una ingiustizia senza tempo: la guerra, nemico dell'umanità che ciclicamente devasta i nostri corpi e le nostre coscienze. Ti sento particolarmente vicino in questa tua dedica ai poveri rifugiati, la cui ulteriore sfortuna è quella di non essere gran che accolti negli altri paesi. Bravo Luciano, complimenti al tuo sentire

Paolo Ciraolo 18/03/2016 - 23:02

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?