Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
NIPOTI...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Mi hai detto... ( Po...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...
Riflesso d\'Argento...
In Questo Confuso An...
Il MIO NOME È LiBERT...
Canzone per un'amica...
Tutti siamo stati ba...
La stagione dell'amo...
Canto del vento sull...
Mio Padre...
Senza tempo...
Il silenzio della ne...
Un altro whiskey...
NE UCCIDE PIU LA LIN...
La montagna...
SERA D'OTTOBRE...
Roma...
Il nonno...
Can'e gatto...
Tutto passa...
Game over...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Lamentazione di Orfeo ( II )

Nella grandiosa impresa, vincitore
in che modo mai n’ uscivo?
La gioia di averti accanto,
esplorare le ore del giorno,
Ipno, con carità, teneva mio bene,
tanta era la voglia dell’alba,
non sfiorarmi con l’aurea verga.
Si muovono i fratelli della Morte
nel tempo beato, lumi
e inganni di vero e fallacia.
Scintillava il nome di eroe
per il mortal che seguiva la sorte,
pur se questa era avversa.
Fin qui fu mia consolazione,
ché saggezza olimpia
spinse il mio canto, e non la ciarla
mortale di umane corde,
avverse al cronide buono.
E torno ai momenti in cui lieto
e tratto dall’anima il canto,
lieta te rendevo e di nuovo io
lieto rinascevo dagli occhi tuoi felici.
In queste schegge di luce il desiderio
mai fu nascosto, l’amar manifesto,
intimità schiusa, stretta la passione,
mai comparse la paura.
Bastava aprire la cella del cuore,
e vivere liberi le bellissime ore.
Ma … sì, non feci io un primo passo,
lei corse poi … poi,
in qual modo il morso patire?
fu sì gravoso superar la danza.
Perché non spensi il sogno
e accesi, ché il terror lo chiede, la ragione?
Annientatrice della terrestre speme,
nelle grazie della natura s’ è intrusa,
perfida, otre di tutti i mali ricolmo.
Quale elisir può curare i mali
effusi dalla sua dischiusa?
Guardatela, coperta di fiori, gioire
la terra, sopra le sue ceneri sparsa.
Misurare prima ti devi sempre,
coi sentimenti divini ignobili,
essi buoni ricoprono gli alberi
ed ogni tempo che amore ricorda;
non lontano vadano i tuoi pensieri
ch’ è vile sconfitto chi di lor si scorda,
mai è cozzar l’ oscura invidia,
nemica d’ amore tradito
dal padre Zeus, segno
ovunque che viver unico è il modo,
ma poi maledizione dal tuo nome.


Share |


Poesia scritta il 14/10/2016 - 20:29
Da Franco Tommaso
Letta n.161 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?