Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

ANCHE PER UN SOLO IS...
Voglio solo la mia l...
...UN AMORE CHE È CO...
Ancora una volta...
Non è ancora quel te...
PER AMMAZZARE IL... ...
il gommone...
Fantapoesia...
Canto della cuna del...
Questa è la vita ? ...
Preghiera alla divin...
NESSUNO...
È perché non sai chi...
Mare verde...
Schizzi di luce (poe...
RICAMI DI LUNA...
Il prestigio di una ...
Nel mercato dell'int...
La mente e il cuore...
A mio favore...
Un cielo troppo gran...
Alla mia Cri...
gli elementi...
Per tutta l'eternità...
Senza armonia...
Mia Madre...
A te e a me...
LA NINNA NANNA DELLA...
Il regno animali ...
Ostetrica(C)...
PIUMA AL VENTO...
PAURA DEL SILENZI...
STELLA...
L'ignoto...blu...
Sentimenti...
Davanti a noi...
Pace a ferragosto...
SENTO LE TUE CAREZZE...
Evanescente...
Lontano...
...IL SAPORE DEL CAO...
Polvere...
La Ragazza Dai Capel...
E RITORNO AL PASS...
Stupido amore...
Le mie teorie...
La poesia non dev'es...
SENZA AMORE...
ALMENO...
BUGIARDO SORRISO...
Sorriso amaro...
Forse,ti amo....
Bang… Bang… Bang…...
Credevo. E poi......
L'aquilone...
Vien la pioggia d'ag...
L'amicizia I veri...
Cara mamma.......
IL PIANTO DELLA...
Cadice...
ARBRE MAGIQUE...
Ti ho lasciata indie...
Quieto e silenzioso...
Inutili verba...
Vivere...
Quel battito in più...
epoche...
Il punto...
L'odore della Notte...
La MIA STELLA...
Il nodo dell'anima...
La Colonia...
Corro da lei...
SOGNO O ILLUSIONE?...
L'attore...
La missione...
Arijane....
ROMA, CHE T’HANNO FA...
IL RESPIRO DEL MARE...
L'amore che non vive...
Stai con me...
Anna Sorridi...
HAIKU nr. 18...
Bimbo bello...
...QUESTA BELLA ROVI...
Nessuna notizia da D...
Ridere...
La felicità è un'ill...
Nel nuovo sereno...
IL QUARTO ANNIVERSAR...
Vola... Aquila Reale...
Non siamo niente...
Pensieri d\'estate...
La rosa...
Una notte in aeropor...
Vorrei tu fossi qui...
celate in uno scrign...
NONNO RACCONTAMI...
Tediosa....
Diceva mio Padre ......

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

IL VETERINARIO

IL VETERINARIO
Nelle case dei contadini, durante gli anni del boom economico (1960-'65 circa), i giorni che precedevano il Natale erano dedicati ai preparativi per le imminenti festività.
In cucina la massaia era intenta a preparare i piatti della tradizione: dalla sfoglia fatta in casa, ai tortelli, agli anolini, ai cappelletti fatti a mano; ma la vigilia di Natale lo zelante veterinario, chiamato d'urgenza dal contadino per una bovina della stalla che non stava bene, trasferiva i suoi strumenti di lavoro - senza troppi preamboli - sul tavolo della cucina, creando un gran trambusto alla "rezdora" intenta a preparare il cenone ed il pranzo natalizio ...



La vigilia di Natale
la bovina stava male
e così il buon agrario
contattò il veterinario.


Arrivò con la "seicento"
con gli arnesi del momento:
si piazzò dritto in cucina
tra la sfoglia e la farina.


La comare inviperita
lo accolse compatita:
era il tempo dell'Avvento
pane, vino e cuor contento.


Dalla borsa del dottore
presto uscì un gran fetore:
un intruglio assai speciale
per un caso da manuale.


Invocando "Santo Lò" (**)
che morì e poi s'ammalò (…!!),
la "rezdora" i cappelletti
mise in salvo, poveretti!


Erano lì, sopra il tagliere,
così belli da vedere,
ma ahimè! la sfoglia, no,
giù per terra scivolò!


Rossa in viso, esterrefatta,
gli tirò un'occhiataccia:
lui così fece fagotto
tra un sorriso ed un rimbrotto.


(**) detto popolare, in gergo “santa pazienza!”



Share |


Poesia scritta il 11/12/2016 - 10:33
Da Domenico De Marenghi
Letta n.179 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


molto simpatica,ciao

andrea sergi 12/12/2016 - 08:33

--------------------------------------

Mi è piaciuta. Giulio.

Giulio Soro 11/12/2016 - 12:20

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?