Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

IL VETERINARIO

IL VETERINARIO
Nelle case dei contadini, durante gli anni del boom economico (1960-'65 circa), i giorni che precedevano il Natale erano dedicati ai preparativi per le imminenti festività.
In cucina la massaia era intenta a preparare i piatti della tradizione: dalla sfoglia fatta in casa, ai tortelli, agli anolini, ai cappelletti fatti a mano; ma la vigilia di Natale lo zelante veterinario, chiamato d'urgenza dal contadino per una bovina della stalla che non stava bene, trasferiva i suoi strumenti di lavoro - senza troppi preamboli - sul tavolo della cucina, creando un gran trambusto alla "rezdora" intenta a preparare il cenone ed il pranzo natalizio ...



La vigilia di Natale
la bovina stava male
e così il buon agrario
contattò il veterinario.


Arrivò con la "seicento"
con gli arnesi del momento:
si piazzò dritto in cucina
tra la sfoglia e la farina.


La comare inviperita
lo accolse compatita:
era il tempo dell'Avvento
pane, vino e cuor contento.


Dalla borsa del dottore
presto uscì un gran fetore:
un intruglio assai speciale
per un caso da manuale.


Invocando "Santo Lò" (**)
che morì e poi s'ammalò (…!!),
la "rezdora" i cappelletti
mise in salvo, poveretti!


Erano lì, sopra il tagliere,
così belli da vedere,
ma ahimè! la sfoglia, no,
giù per terra scivolò!


Rossa in viso, esterrefatta,
gli tirò un'occhiataccia:
lui così fece fagotto
tra un sorriso ed un rimbrotto.


(**) detto popolare, in gergo “santa pazienza!”



Share |


Poesia scritta il 11/12/2016 - 10:33
Da Domenico De Marenghi
Letta n.208 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


molto simpatica,ciao

andrea sergi 12/12/2016 - 08:33

--------------------------------------

Mi è piaciuta. Giulio.

Giulio Soro 11/12/2016 - 12:20

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?