Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

ERI UN AMICO...
Foglicidio...
Una volta soltanto...
NANI STRANI...
Cosa resta...
ACINI ACERBI...
se questo è un uomo...
Sei solo riflesso de...
Può darsi...
Il vento dell'invern...
Non me ne vado...
L'Angelo custode...
Carezze lontane...
‘NA SETTIMANA A NATA...
l'ultimo petalo...
In questo abbraccio ...
Dopo le onde il Mare...
L' ANIMA HA PAURA...
Il mio sentire di do...
orizzonti...
IL mio compleanno...
Memorie...
Io sono il mio libro...
Luci...
NATALE...
urlo muto...
L’ARENA DEL TORERO E...
Verso l'onerosa cata...
Vorrei...
Siamo creature in ca...
Sei acqua...
Un amore speciale...
Femme fatale...
La voce del silenzio...
Da Lui mi aspetto qu...
NELL'EMOZIONE... UN ...
essentia...
Nell'immensità del m...
A mio padre...
BUON NATALE...
volo libero...
Talvolta...
Mezzogiorno d'invern...
Vigilia di Natale...
E' così vicino il ci...
A Babbo Natale...
Serata in auto con u...
FRAGILE Mistero...
La solitudine di una...
Rivivo la notte in s...
Accenti d'inverno...
Il faro....
ARIA CHE MANCA...
Falsi amori...
Mare in tempesta....
pensieri dicembrini...
LUPO SOLITARIO...
nella tela del ragno...
TORNERANNO...
....CRISTIANO sul...
quella sera...
Senza luce...
La terra è pronta...
INCHIOSTRO ROSSO...
Il Santo...
Un giorno speciale...
Cànone inverso...
NATALE S’AVVICINA d...
Il gioco dei dadi...
Insonnia...
Se avessi un francob...
Caspita!...
SOLO L'AMORE E' COMP...
Gerusalemme...
STORIE DEL FIRMA...
Buon NATALE...
Voglio essere fragil...
Raggio di sole...
Il Sonnambulo...
Il mio regalo...
Silenzio...
Spegni la luce...
ACCENDERÒ LA NOTTE...
IL tuo pezzo di mond...
Custodi di sentiment...
Space Invaders...
Natale...
La nostra vita segre...
AMICO CARO...
Grigio ore 12,00...
In quel sogno reale...
Brrrr... che freddo!...
Un presepe speciale...
L'uomo più Felice...
Abissi...
TORNA...
Ci sono ore...
Gesù di quercia...
L\\'ALBA DEL RISVEGL...
Ce ne siamo fregati...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Roma - parte prima -

Mi piace perdermi
a Roma,
mi piace smarrire
la strada,
e trovarla poi
a due passi
da quel nasone
dove
si abbevera
un ricordo
di come ero.
E' che Roma
é inconoscibile,
così come
ciascuno
lo è
per se stesso,
e conserva
segreti,
custodisce
lamenti.
Va esplorata
Roma,
e le sue vene
di asfalto,
profonde,
celate,
vanno percorse;
nei suoi
Polmoni
di metallo,
bisogna
respirarci,
e al rombo
del traffico
lento e
costante,
abituarsi.
Le sue
costole
di marmo,
gradini
vestiti
di petali,
vanno ammirate,
così
il vetro
dei suoi capelli,
la luce
nei suoi rosoni,
lo specchio,
delle sue finestre,
da cui
scorgere
il verde
del Pincio.
Scorre
sangue
di melma,
a Roma,
che impasta
le sue terre,
divora
il suo suolo,
e si adagia
sul letto
della notte.
Mura e mattoni
è il suo cuore
vibrante,
fradicio
di storia,
e i richiami
e le grida
di ruggine
della mia gente
si mescono
in un solo
colore,
come avessero
un solo
timbro
quando Roma
li raccoglie.


Share |


Poesia scritta il 16/06/2017 - 13:37
Da Matih Bobek
Letta n.155 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


A me piace questa poesia

che mi ha riportato ricordi indimenticabili

Grazie Mathin


Maria Cimino 16/06/2017 - 23:16

--------------------------------------

bella poesia

GIANCARLO "LUPO" POETA DELL 16/06/2017 - 18:00

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?