Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

C'era una volta la m...
Leggiadre emozioni...
RIME ALLO SPECCHIO...
Adele...
come nasce un fiore...
OTTOBRE INVERNALE ??...
UN DOLORE...
SFUMATURE DI MARY...
Proprio come te...
Il nichilista...
Inutilità...
'Lascia stare la mia...
Mima...
Salvezza...
Più di mille stelle...
Assai infinito...
L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Sandali

Era tardi, era notte… noi
si parlava e veniva mattina
“Vuoi che resti a contarti i capelli?!”
Mi venivi sempre più vicina…
Hanno sorriso anche i miei
sandali, quello era certamente un sì.
Ora diamoci un equilibrio,
scusa se ti parlo così…
così ai tuoi occhi
di luna mezza piena,
così alle tue mani che
mi accarezzano la schiena.
Così ad ogni volta che perdo il
conto del numero dei tuoi capelli,
ti guardo e mi accorgo
che sono davvero belli
i tuoi pensieri più intimi
in cui ti perdi e non lasci traccia.
Ti adoro così piccolina
accovacciata tra le mie braccia.
Ma stava per farsi inverno
anche in periferia
e per chi la vita l’ha parcheggiata,
come ho fatto io con la mia
le ultime foglie gialle
cadute dai rami secchi
sono fotografie, ore ed ore
a fissare quegli occhi.
Scivolo sotto le coperte, come
farai anche tu, lasciandomi una traccia
stanotte sognando nuovamente di te così
unica, raggomitolata nelle mie braccia.


Share |


Poesia scritta il 24/09/2017 - 07:58
Da MastroPoeta 75
Letta n.85 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


dolcissima,
emozionante

laisa azzurra 24/09/2017 - 18:01

--------------------------------------

Molto piaciuta, tienila stretta tra le tue braccia e sentirai il calore di quell'abbraccio. Giulio Soro

Giulio Soro 24/09/2017 - 12:07

--------------------------------------

Bella, c'è molta dolcezza, tenero il gioco dei capelli da contare, forse per non farlo finire mai.

Grazia Giuliani 24/09/2017 - 11:56

--------------------------------------

Molto bella versi che evocano belle immagini.

antonio girardi 24/09/2017 - 10:35

--------------------------------------

Molto, molto bella...c'è dolcezza e tenerezza e un continuare a scorgere nel sogno l'incanto di quei capelli!

margherita pisano 24/09/2017 - 09:36

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?