Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

GLI ANNI MAI DEL TUTTO DIMENTICATI

Un'altra primavera
Acremente passò
Tra umili preghiere
E scarne esequie
Protratte nei giorni a venire.


Il vento non trattenne
Le sue improvvise folate
Fredde e imperturbabili
Negli anni della grande guerra


Dove nelle trincee
La polvere da sparo
Copriva interamente
Il volto del sole


E dove gli uomini
A terra caduti
Stringevano a sé
Le loro lettere incompiute
Macchiate d’inchiostro.




<<Nel tardo settembre del ‘18
Dopo un’estate
Fatta di estenuanti battaglie
E dallo scandire quasi ritualistico
Della sirena del coprifuoco
Metà delle abitazioni furono crollate>>




C’erano bimbi piangenti e smunti
Agghindati a lutto
Che da sotto le macerie
Poterono estrarvici soltanto
I cuori senza battito
Della loro infanzia violata


Mentre alcuni soldati feriti
Con il fucile in spalla
Vollero sentire per un’ultima volta
Il gorgoglìo dei torrenti
Al di là della collina
Inghiottita da una notte avara di stelle.




<<Ai primi freddi si ruppe
Il cordone ombelicale della discordia
Tutto riacquisì la giusta incombenza
E con il tempo partì la ricostruzione
Traendone giovamento da quei fiori
Cresciuti e mai datesi per vinti
Tra le arroventate rovine della città>>



Share |


Poesia scritta il 27/09/2017 - 16:09
Da Mirko Faes
Letta n.88 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?