Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Futuro strano...
IL MARE E NOI...
La padrona delle bam...
Cercare...
Oltre...
Polvere......
Nitente (Alinea I)...
Orizzonti...
STRUTTURA DI OCCHI C...
LA MAGIA DELLA LUCE...
I VERSI...
ER PAJACCIO di Enio ...
Uno...
Il veliero...
Prigioniera...
Gli amanti...
Taburno...
L'ESTATE DEL FALCO...
La breve estate dell...
Ad occhi chiusi...
L'indifferenza...
L'insegnante degli i...
Quella calda estate ...
SILENZI...
Enigmatico...
Anima inquieta, mio ...
Non si spiega tutto ...
PIOVE...
No Selfie...
Chiesa di Sant'Elia ...
Codice...
Se conosci la triste...
Scegli sempre quello...
Il Caso....
All'amico...
Genova...
Arriva da lontano...
Stelle cadenti...
AMARCORD...
LA SCERTA di Enio 2...
Giocare con le parol...
Tramonto ad oriente...
Chiudendo bene gli o...
Ascolta il vento....
presso un castello...
Lasciare...
I due volti della no...
SENSAZIONI...
QUANTI PERCHE'...
Evanescenza...
Le piccole anime...
Ti cercherò...
Senza via d'uscita...
TROPPE NOEMI...
Rondini...
Solstizio d'estate...
inquietudini le mie ...
Dolcemente ti dirò...
INFERNO ROSSO...
Quando guardi il cie...
Campidano...
lei temeva il buio...
Un esempio da... non...
Domani è un altro gi...
C'è chi dipinge la ...
Non hanno età...
PIOVE SUR BAGNATO (...
Dolce Carezza...
Spensieratezza...
Come un subacqueo...
HAIKU...
E' oggi il giorno mi...
Sconosciuto...
Dietro i tuoi occhi...
Aquila...
Curriculum Vitae...
Il treno...
Vestiti...
SARO' DI TE...
Risveglio...
VIAGGI DIVERSI...
Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

GLI ANNI MAI DEL TUTTO DIMENTICATI

Un'altra primavera
Acremente passò
Tra umili preghiere
E scarne esequie
Protratte nei giorni a venire.


Il vento non trattenne
Le sue improvvise folate
Fredde e imperturbabili
Negli anni della grande guerra


Dove nelle trincee
La polvere da sparo
Copriva interamente
Il volto del sole


E dove gli uomini
A terra caduti
Stringevano a sé
Le loro lettere incompiute
Macchiate d’inchiostro.




<<Nel tardo settembre del ‘18
Dopo un’estate
Fatta di estenuanti battaglie
E dallo scandire quasi ritualistico
Della sirena del coprifuoco
Metà delle abitazioni furono crollate>>




C’erano bimbi piangenti e smunti
Agghindati a lutto
Che da sotto le macerie
Poterono estrarvici soltanto
I cuori senza battito
Della loro infanzia violata


Mentre alcuni soldati feriti
Con il fucile in spalla
Vollero sentire per un’ultima volta
Il gorgoglìo dei torrenti
Al di là della collina
Inghiottita da una notte avara di stelle.




<<Ai primi freddi si ruppe
Il cordone ombelicale della discordia
Tutto riacquisì la giusta incombenza
E con il tempo partì la ricostruzione
Traendone giovamento da quei fiori
Cresciuti e mai datesi per vinti
Tra le arroventate rovine della città>>



Share |


Poesia scritta il 27/09/2017 - 16:09
Da Mirko Faes
Letta n.220 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?