Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Pedro...
Le Ore...
Sul mare... navigand...
Calce sulle dita...
QUANDO L' AMORE ...
UN’ALTRA CANZONE...
Spillo...
Quando finisce un am...
SEI FUGGITA...
Luce e ombre......
Ode al vino...
Amore limpido....
Forse, sbagliata...
È subito mare...
Lo specchio (2015-20...
C'È SEMPRE IL SOLE...
L'onore...
DOLCE CANTO...
La vita in blu...
Di brama nella notte...
Sono la Primavera...
Valzer delle chimere...
Le ultime scosse...
Nel giorno che piang...
Sulle tue labbra...
La perfezione del fi...
Riflessione...
CI SIAMO PERSI...
Ho domandato ad un v...
Passa tutto...
Già poesia...
SI È MASCOLINIZZATA?...
Treno in corsa...
ed a te, cosa devi?...
POMERIGGIO SPUMEGGI...
adesso basta...
E LO CHIAMENO MAGGIO...
grotte infuocate...
Questo nostro indoma...
Si fosse prolungata...
Mi spingo oltre il m...
Opaca...
Un prete anarchico...
IL NOSTRO CIELO...
Pensieri sparsi su B...
Senryu 3...
Trasparenze...
IL CUORE NEL ...
A mia madre...
LIBERO...
Nebbia...
EMOZIONE D'AMORE...
Cuore....
Corda che unisce...
Mediterraneo...
Nuove Alebe...
Il dubbio...
Piove...
Nuovo giorno...
MAGARI UNA ROSA...
L'infinito...
RIGOR ..frammenti ne...
Cammino...
Io e te...
Le mie grosse vacanz...
Le scarpette rosse...
Con Agonistico Furor...
Fragranze...
Le parole che conosc...
BIMBA MIA...
Il mondo è fasullo...
di bianco e di rosso...
Non ho voglia di sor...
Domani....
Vezzo di rosa...
Nella società del pr...
Ad Agata...
PAPAVERO...
Un vento di scirocco...
L'ONOREVOLE di Enio ...
LE QUATTRO STAGIONI...
Oceano...
Maggio di nuvole...
La notte così lunga...
Bellezze nascoste....
Insonnia...
Non c'é sospeso...
IL FREDDO LA LU...
Gli armistizi si del...
la giustizia e' co...
Aetas sine spe...
il momento giusto...
AMORE INTENSO...
Lo sguardo della Ver...
La porta della felic...
Come musica che si p...
MISTERO...
E' PRIMAVERA...
Il bacio che mi lega...
Madre...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



L'uomo fatto di stracci

Chiederò allo spaventapasseri
di portarmi oltre la maggese
per giocare alla contadina
un tiro scortese.
Perché come il fantoccio, anche
io ho le braccia aperte a tutti
fino a che non mi stancherò
di osservarli, solo, i frutti.
Quando la contadina vedrà i
pennuti intenti a banchettare
si accorgerà tardiva che da molto
era ormai giunto il tempo di arare.
E perché esattamente come lui
io ho smesso i panni degli altri,
ogni volta che la vedrò, guarderò
compiaciuto le orme dei miei passi scaltri.
Ma le impronte delle mie scarpe
sul terreno del suo podere
finiranno per cancellarsi col
passare inesorabile delle sere.
Anche il campo della padrona con il
suo humus ricco di particelle organiche
ha più che mai bisogno, oltre all’aria e
all’acqua, del sole con le sue doti benefiche.
Perché senza la vanga e la semina negli
anni, senza la raccolta e l’irrigazione
la terra sarà sempre più arida, con lo
spaventapasseri verso la riconciliazione.
Ma se come nella favola di Hesse mette
le radici ai piedi, tra gli uccellacci
la villana non potrà che guardarli pungolare,
inerme… come l’uomo fatto di stracci.
Come una piantina che non trova linfa,
se mette le radici al suo passo scortese,
muore…morirà nel cuore trovandosi
tracotante, abituata; abbandonata a maggese.


Share |


Poesia scritta il 18/01/2018 - 17:27
Da MastroPoeta 75
Letta n.178 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


MASTRO POETA...Povero spaventapasseri....ehh gia se la contadina è svogliata raccoglierà sterpi per il fuoco e tu avrai perso il lavoro!!La poesia ha una morale che la pigrizia non è una virtù! Notte

mirella narducci 18/01/2018 - 23:55

--------------------------------------

Poesia profondamente bella

Ciao Mastro poeta cpmplimenti


Maria Cimino 18/01/2018 - 23:35

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?