Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

È l'amore...
Dolce silenzio...
Artiom...
uno sguardo fisso ne...
Piccolo...
La crociera...
Tutti noi siamo mend...
per sentirti mia...
Di silenzi ho riemp...
SIAMO, NON SIAMO...
In questo spazio vuo...
FALSI PROBLEMI...
Una sferzata...
Il mio Dio...
L'età...
Inverno ai Colli...
FESTA SIMPATICA...
L’ora scendeva lenta...
tieneme stritto -(ti...
Il silenzio... Poesi...
L'amore...
Serenità...
PER UN MONDO MIGLIOR...
PIOVE IN PERIFERIA...
IL PARADOSSO DELL'UT...
Notti insonni...
Ricorda...
Selenite angosciante...
Invernale...
Dall'alba al tramont...
Piazzale Loreto...
ERA AMORE...
Umano...
IL tuo amore assassi...
Haiku Sussulto...
Sorriso...
Ho perso un fratello...
L'inverno e il vorti...
CAMMINANDO...
Aria di primavera...
Incantevole percezio...
TI AMO PERCHÉ...
Vita...
L’ÒMO E LA CACCA di ...
Ogni notte di luna...
TU PRENDI...
PANE ANCORA...
Un fuoco sbagliato...
Una piccola esplosio...
Un raggio di sole...
GIADA- Seconda Parte...
Se fossi chi non son...
AVATAR...
Caro me...
33 versi...
Tabù...
Eterei amanti di pen...
L'Ultimo Anno...
SUSSULTO...
Nella notte che non ...
Confidenze...
Polvere...
SAPPIMI DIRE...
Il filo rosso...
Puoi....
Una cenetta a due...
Una preghiera...
Quo vadis...
LA MACCHINA DEL TEMP...
Le melodie dell\'arp...
ali....
Stile Libero...
L’uomo del faro....
Serenamente...
....tu, annusa...
Lei...
Se una canzone fossi...
BUONE COSE...
Nero grafene...
DIFFICILE ETA'...
Non siamo niente di ...
LA MUSA ISPIRATRICE ...
Brezza primaverile...
Sepoltura...
DOVE SEI...
L'anno nuovo...
100% cuore...
Comprensione...
LACRIME NASCOSTE...
LA MIA VITA CON LE D...
I Draghi...
PAURA...
ROSA D\\'INVERNO...
Il test...
Mare di pioggia...
Il vento mi scompigl...
Sulle rive...
Ninetta...
Il mio niente...
L'uomo fatto di stra...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Heimatlied

Terra natia,
dolce oblio di neve
un turbinare lieve
oltre un’ombra,sotto un canto…
oltre il manto che copre la via.
Una valle che è solo mia
quando dorme
e di notte mi sussurra
le sue storie
spazzate o cullate dal vento,
talvolta percepibili a stento:
i cantastorie narrano una bugia.
Quello che a volte sento…
Dicono le donne, narrano i vecchi
di ninfe e di elfi nei boschi,
che stanno tra i sorrisi nascosti
a chi crede che il giorno
sia dalla notte un ritorno
e non invece uno straziante addio.
Quello che era e che è stato
è solo mio…
come il fumo che danza sul tetto
con piccola brace,
piccola pipa di folletto:
bandiera della casa
da cui ho preso la strada d’avvio.
È il passo che batte col cuore,
è col cuore che si muove il passo,
sicuro oltre la soglia d’ingresso
che quel che era e che è stato
sarà ancora mio.
Allora chiudi piano la porta,
apri presto il tuo cuore,
schiudi di schianto la storia
e da essa fa sgorgare il tuo amore:
dalle un compagno, una voce, un nome.
“terra di casa”, mi guidava al ritorno
“terra di casa”, mi chiamava nel sonno
“terra di casa”, era il nome al risveglio.
Ma è soltanto un altro giorno
in un posto straniero…
Ma tu dille che torno presto
e che non le ho detto addio.


Share |


Poesia scritta il 29/11/2010 - 14:11
Da Donna Pola
Letta n.435 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Molto bella... brava Donna!!!

Jacqui 02/12/2010 - 18:23

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?