Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Germogli di felicità...
POETI SENZA POESIA...
Passi...
Brumoso assopirsi...
Ricordi di Taormina....
Fanciulla felicità(C...
Ogni volta che vuoi ...
DONA LA PACE...
FIGLI E… FIGLIASTRI...
L'affetto è un liqui...
Se potessi le regal...
ALUC...
Nepal...
L’AMORE È COME UN’ON...
Introspezione...
Oggi si compra tutto...
Ombre d'ametista...
Gioco dell'inganno...
Indifferenza...
Il Bacio...
Goccia nel mare...
Fuggi...
Opulenza nuda......
Dall’amore dei figli...
La Cattura...
Paradiso...
Ombre di cenere...
Agognati silenzi...
Canzone...
La casa della gente ...
GRANDE PASSIONE...
Sorgenti d\\'Amore...
Carezze di comodo...
FRAGILI FOGLIE NEL V...
Un bacio dopo l’altr...
Non so dove mi porte...
Melodia ed armonia...
IL TEMPO DEI RICORDI...
Pensieri...
L'uomo e il progress...
Riprendo la strada...
Sorrido...
Eventi...
Maschio …,Maschio???...
la divina arte di mi...
Sete di pace...
Ti porterò con me...
Ispirata dai salmi...
Ardente...
Sbagliare...
TU CHE NE SAI...
Momenti...
Naufragi...
inverno nel cuore...
Tempesta...
Lucida follia...
POMERIGGIO DI PULIZ...
Ritrovarsi...
COME CURVE DI SERPEN...
Per Leonie...
Impegnarsi ad odiare...
Se un giorno viagger...
Nei tuoi pensieri...
Non giudicarmi...
Riceverai mille vite...
AMARE PER POTER...
Il Supercomputer...
sorella lacrima...
A te!...
PREMORTEM di Enio 2...
Chi ti vuol bene no...
La memoria ferro...
COSTRUIRE...
L'album dei ricordi...
Sorbole!...
Numeri....
Sinfonia...
La casa del serpente...
LA FANCIULLA DEL VEZ...
Ritorno alla Bicicle...
TEMA DI SCRITTURA CR...
Dal figlio s’impara...
Venere in versi...
Sottinteso...
Frusciante...
Ermetico...
Naufraghi...
I GIORNI DELL'AMORE...
Ti ho visto piangere...
ISTANTI...
Una carezza della qu...
Autunno - cuore in l...
Afflato di luna...
Non ti lascerò...
Vulnerabile(C)...
addio......
Caffè a tempo indete...
C'est moi....
il canto delle stell...
Senza te...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Elì, Elì, lamà sabactàni?

Picchia senza ritegno la notte
scandendo ore immortali
nel suo rammendare assenze.
Nodi di lacrime echeggiano
come tuoni nell'eclissarsi
del sole al crepuscolo,
quando adagio il dolore
inghiotte l'orizzonte nel vino.
E marcisce il cuore,
urtando sul bordo
d'un bicchiere avvelenato
che non lascia attimi
né respiri tra menti dementi
imbrattate di fumo e alcool.
Sanguina il respiro
nell'affannoso pietoso celarsi
al cospetto della luna
che arresta mari e venti.
E sui binari giri in tondo
illudendo la ragione,
sniffando ghiaccio infelice
in polmoni di cartone.
Stanco cedi alla notte stuprata,
e sulle rive d'un pianto,
trafitto nelle ossa,
s'innalza al cielo
il grido del perdono.


Share |


Poesia scritta il 12/12/2013 - 01:31
Da Salvo Romano
Letta n.439 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


Un dolore che scarnifica l'anima il tuo il dolore di chi consapevolmente si fa del male e si annulla,un dolore che alla fine non può che rivolgere il suo urlo stremato al cielo,e domandare (Dio mio perché mi hai abbandonato?) Intensa!!

Claretta Frau 14/12/2013 - 15:38

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?