Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

LA SERPE

Appoggiata all'argilla,
verde e gialla
come l'erba ed il grano
stavi, intatta
a riposo nell'ombra
avida di fresco.


Squamosa come la pelle
dei vecchi, taciturna
come la nostra vergogna
mite e umile
come una giovane fanciulla,
come le sue umide labbra
rorida e splendente
appena respiravi
e oscillava sul tuo corpo il sole
spezzato tra il fremere nel vento
dei rami.


Schiva creatura
che solo il caso leva incontro
ai nostri giorni,
figlia di Pitone
che Apollo uccise
il Dio solare
che del cielo è auriga,
vorrei tendere la mano
e accarezzarti
il lungo corpo flessuoso,
appoggiare lentamente
la bocca alla piccola testa
e baciarti dolcemente
come un'amante nuda.
E tu sempre immobile,
sorella che dividi
con noi un pezzo di cielo
una manciata di terra,
ignara di un destino
che ti vide
condannata a strisciare
mangiando polvere e fango
sino al giorno estremo.


Compagna che percorre
la mia stessa parabola,
ignara di ogni risposta,
ma pronta a patire
a gioire gli attimi
che ti dona il destino.


Non ci rincontreremo
un giorno
ma ovunque andremo
lo stesso sole
accarezzerà i tuoi capelli,
la stessa pioggia
bagnerà le mie squame.



Share |


Poesia scritta il 01/02/2014 - 16:31
Da Giuseppe Vecchi
Letta n.506 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Sono utilissime, e a volte mi è toccato anche liberarle dalle reti dell'orto. La bibbia dovevea mettere un topo a consigliare Eva nell'Eden.

Giuseppe Vecchi 06/02/2014 - 18:00

--------------------------------------

Pur avendo una fobia (uno spavento da bambina)per i rettili,ti do merito del fatto che hai descritto in modo sapiente e bello il tuo amore per queste creature.

Claretta Frau 03/02/2014 - 11:41

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?