Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

PATRIA NOSTRA

Da quando siam nati
abbiam tutti avuto
la terra laddove
ognuno è cresciuto.
Da chi ha un fiamma
nel suo proprio cuore
vuol più della mamma
la terra amore.
E pur senza un nome,
comunque si mostra,
la terra nativa
è la Patria nostra.


L'Italia fu Patria
di chi ebbe l'onore
d'aver combattuto
per lei con valore.
Son stati gli eroi
a farci capire
che han solo per noi
voluto morire.
Quel che loro fecero
è parte di Storia
mandata ai posteri
in loro memoria.


Fûr molti a patire
per rendere unita
l'Italia ed ardire
la dura partita.
Chi non sa Perasso,
chiamato Balilla,
che dalla sua pietra
scoccò la scintilla?
Che dire di Sciesa
che seppe morire
e niente al nemico
lui volle mai dire?


Di Micca il coraggio
fu grande a tal punto
d'esploder col suo
nemico lì giunto.
E dei due Bandiera
che fûr fucilati
la Storia è pur vera,
chè sian ricordati.
La Patria menziona
chi cadde per noi,
ma tutti possiamo
restar com'eroi.


Per noi Garibaldi,
eroe nazionale,
è quello che fece
ciò che di più vale.
Con non più di mille
affronta i Borboni
facendo faville
struggendo i lor troni.
L'Italia fu unita
dacché Garibaldi
finì la partita
e non volle saldi.


Giammai soccombette
e né volle gloria;
da solo lui stette
ed ebbe vittoria.
Del grande Mameli
noi l'inno cantiamo
restando fedeli
a quello che amiamo.
È sacro per noi
il suolo natìo
che, sia ora che poi,
è dono di Dio.


Ho scritto e musicato quest'inno patriottico per
il 150° Anniversario dell'Unità D'Italia.
Il 17 marzo 2014 ricorre il 153° Anniversario,
per cui ne propongo la lettura. Grazie!



Share |


Poesia scritta il 15/03/2014 - 17:48
Da Giuseppe Vita
Letta n.384 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?