Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Futuro strano...
IL MARE E NOI...
La padrona delle bam...
Cercare...
Oltre...
Polvere......
Nitente (Alinea I)...
Orizzonti...
STRUTTURA DI OCCHI C...
LA MAGIA DELLA LUCE...
I VERSI...
ER PAJACCIO di Enio ...
Uno...
Il veliero...
Prigioniera...
Gli amanti...
Taburno...
L'ESTATE DEL FALCO...
La breve estate dell...
Ad occhi chiusi...
L'indifferenza...
L'insegnante degli i...
Quella calda estate ...
SILENZI...
Enigmatico...
Anima inquieta, mio ...
Non si spiega tutto ...
PIOVE...
No Selfie...
Chiesa di Sant'Elia ...
Codice...
Se conosci la triste...
Scegli sempre quello...
Il Caso....
All'amico...
Genova...
Arriva da lontano...
Stelle cadenti...
AMARCORD...
LA SCERTA di Enio 2...
Giocare con le parol...
Tramonto ad oriente...
Chiudendo bene gli o...
Ascolta il vento....
presso un castello...
Lasciare...
I due volti della no...
SENSAZIONI...
QUANTI PERCHE'...
Evanescenza...
Le piccole anime...
Ti cercherò...
Senza via d'uscita...
TROPPE NOEMI...
Rondini...
Solstizio d'estate...
inquietudini le mie ...
Dolcemente ti dirò...
INFERNO ROSSO...
Quando guardi il cie...
Campidano...
lei temeva il buio...
Un esempio da... non...
Domani è un altro gi...
C'è chi dipinge la ...
Non hanno età...
PIOVE SUR BAGNATO (...
Dolce Carezza...
Spensieratezza...
Come un subacqueo...
HAIKU...
E' oggi il giorno mi...
Sconosciuto...
Dietro i tuoi occhi...
Aquila...
Curriculum Vitae...
Il treno...
Vestiti...
SARO' DI TE...
Risveglio...
VIAGGI DIVERSI...
Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La ragazza della porta accanto

La ragazza della porta accanto
mi osserva rincasare ogni sera,
ha sempre gli occhi lucidi
e il suo bambino in braccio.
Lei dice,
che è figlio della sfortuna e di una notte impazzita.


La ricordo sulla soglia, fresca di rossetto
e di quel profumo di mare in burrasca.
Mi salutava
e la sua voce sembrava sempre
una frase non finita, una parola ancora da dire.


Mi confidò un sogno sulle scale.
Di lei distesa sul prato,
mentre in cielo l’ombra di una luna corsara
spegneva ogni stella di troppo
e poi quella musica strana,
quella musica che di notte ti prende la pelle.


Solo una volta l’ho baciata sull’orlo della porta
tra l’odore del cibo sul fuoco
e le illusioni già spese di un vaso di fiori appassiti,
mentre con voce di rabbia suo padre la chiamava per nome.


Poi il tempo è diventato un mantello di nebbia
e i giorni solo vecchi numeri da contare.
La ragazza della porta accanto
mi osserva rincasare ubriaco,
negli occhi ha sempre il pianto di quel bambino
e ostinata ripete di sapere chi è il padre,
che il padre sono io.



Share |


Poesia scritta il 22/07/2014 - 18:26
Da floriano fila
Letta n.389 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


La storia di un'amore che forse inseguiva un sogno ma è finita dentro un bicchiere portandosi dietro una donna e un bambino innocente! Bella e amara poesia.

Claretta Frau 23/07/2014 - 15:46

--------------------------------------

meravigliosa la tensione emotiva espressa in questa poesia. mi ha ricordato molto una scena del film "Lo straniero che venne dal mare". complimenti floriano!

Rosalba Caraddi 22/07/2014 - 21:29

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?