Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La ragazza della porta accanto

La ragazza della porta accanto
mi osserva rincasare ogni sera,
ha sempre gli occhi lucidi
e il suo bambino in braccio.
Lei dice,
che è figlio della sfortuna e di una notte impazzita.


La ricordo sulla soglia, fresca di rossetto
e di quel profumo di mare in burrasca.
Mi salutava
e la sua voce sembrava sempre
una frase non finita, una parola ancora da dire.


Mi confidò un sogno sulle scale.
Di lei distesa sul prato,
mentre in cielo l’ombra di una luna corsara
spegneva ogni stella di troppo
e poi quella musica strana,
quella musica che di notte ti prende la pelle.


Solo una volta l’ho baciata sull’orlo della porta
tra l’odore del cibo sul fuoco
e le illusioni già spese di un vaso di fiori appassiti,
mentre con voce di rabbia suo padre la chiamava per nome.


Poi il tempo è diventato un mantello di nebbia
e i giorni solo vecchi numeri da contare.
La ragazza della porta accanto
mi osserva rincasare ubriaco,
negli occhi ha sempre il pianto di quel bambino
e ostinata ripete di sapere chi è il padre,
che il padre sono io.



Share |


Poesia scritta il 22/07/2014 - 18:26
Da floriano fila
Letta n.348 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


La storia di un'amore che forse inseguiva un sogno ma è finita dentro un bicchiere portandosi dietro una donna e un bambino innocente! Bella e amara poesia.

Claretta Frau 23/07/2014 - 15:46

--------------------------------------

meravigliosa la tensione emotiva espressa in questa poesia. mi ha ricordato molto una scena del film "Lo straniero che venne dal mare". complimenti floriano!

Rosalba Caraddi 22/07/2014 - 21:29

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?