Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

ER PAJACCIO di Enio ...
Uno...
Il veliero...
Prigioniera...
Gli amanti...
Taburno...
L'ESTATE DEL FALCO...
La breve estate dell...
Ad occhi chiusi...
L'indifferenza...
L'insegnante degli i...
Quella calda estate ...
SILENZI...
Enigmatico...
Anima inquieta, mio ...
Non si spiega tutto ...
PIOVE...
No Selfie...
Chiesa di Sant'Elia ...
Codice...
Se conosci la triste...
Scegli sempre quello...
Il Caso....
All'amico...
Genova...
Arriva da lontano...
Stelle cadenti...
AMARCORD...
LA SCERTA di Enio 2...
Giocare con le parol...
Tramonto ad oriente...
Chiudendo bene gli o...
Ascolta il vento....
presso un castello...
Lasciare...
I due volti della no...
SENSAZIONI...
QUANTI PERCHE'...
Evanescenza...
Le piccole anime...
Ti cercherò...
Senza via d'uscita...
TROPPE NOEMI...
Rondini...
Solstizio d'estate...
inquietudini le mie ...
Dolcemente ti dirò...
INFERNO ROSSO...
Quando guardi il cie...
Campidano...
lei temeva il buio...
Un esempio da... non...
Domani è un altro gi...
C'è chi dipinge la ...
Non hanno età...
PIOVE SUR BAGNATO (...
Dolce Carezza...
Spensieratezza...
Come un subacqueo...
HAIKU...
E' oggi il giorno mi...
Sconosciuto...
Dietro i tuoi occhi...
Aquila...
Curriculum Vitae...
Il treno...
Vestiti...
SARO' DI TE...
Risveglio...
VIAGGI DIVERSI...
Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...
LIBERTA'...
Falsi d'autore...
Arrivi tu...
Nostalgia amara...
Chiamatemi Aquila...
I bisbigli del cuore...
SEI NELLE MIE MANCAN...
LA LOTTA DEL SOLE di...
Periferie...
Francisca...
Un dolce per te...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Voltati

Fertili le membra di questa rosa antica,
un panno di daino pulisce lo sporco delle nostre noncuranze.
Fili d’argento venite giù sul mio viso che amore cerco!
Tuonate, tempeste illuminate!
Tuonate che il mio corpo richiede energia,
potenza virile di vertiginosi schemi.
C’è un abbraccio su questo girotondo,
il prillo del lume lontano dove
una mamma cura la sua calda cena.
La bicicletta è perduta oramai,
il suo scricchiolio antico riposa nel silenzio della pace.
Dolce bambino, uomo cresciuto tardi,
voltati un attimo, dammi i tuoi occhi
perché il sole non può restare lì
dove vorresti che l’alba morisse.


Share |


Poesia scritta il 14/08/2014 - 04:17
Da LUCA SANTO
Letta n.462 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


la mamma sempre ha cura del suo figliolo
che in fondo vuol restar bambino,anche se il viso è incorniciato d'argento,il mio ELOGIO, LUCA.

genoveffa 2 frau 15/08/2014 - 10:45

--------------------------------------

E' una poesia dolce e coinvolgente...L'uomo che voleva restar bambino e che è conscio del suo stato..Nostalgia ma con un pizzico di nuova speranza nascosta tra i versi.

Auro Lezzi 15/08/2014 - 10:33

--------------------------------------

Ha ragione Giovanni: questa poesia meritava di essere visitata, non so come ho fatto a farmela sfuggire dall'elenco delle pubblicazioni...
Mi colpisce tanto l'immagine dolcissima della "mamma che cura la sua calda cena", e quella della "bicicletta perduta" da "un bambino cresciuto tardi"...Una poesia intensamente nostalgica e perciò particolarmente coinvolgente.

Vera Lezzi 15/08/2014 - 10:16

--------------------------------------

testo di spessore con poche visite e nessun commento, peccato perché merita il plauso; apprezzatissima

ciao, gió


giovanni bontempi 15/08/2014 - 07:21

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?