Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
Sindrome di Stendhal...
Beatrice...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Piccoli grandi sogni

Avrò avuto 6 anni all'incirca quando da piccolina vidi mia nonna, mentre puliva vari mobili, prendere una statuetta raffigurante il Big Ben.
Non so bene per via di cosa ne rimasi così affascinata, ma subito iniziai a fare domande riguardo a dove l'avesse presa e cosa fosse; mia nonna mi spiegò che era la torre dell'orologio di Londra, che mio padre qualche anno prima per via di una questione lavorativa, era dovuto andare in Inghilterra a studiare l'inglese per alcuni progetti e aveva comprato quel piccolo souvenir.
Ne rimasi colpita davvero e subito chiesi a mia madre, seduta accanto a noi, se quell'estate al posto di portarmi al mare sempre nella stessa località mi avrebbe portato a vedere il Big Ben, lei per tutta risposta si mise a ridere e disse che non lo avrei mai visto, l'Inghilterra era troppo lontana e costava troppo andarci.
In quel momento ci rimasi un po' male, cercai di convincerla ma disse solamente che magari quando sarei stata più grande ci sarei potuta andare per conto mio, così in quell'istante mi feci una promessa: da grande sarei riuscita ad andare a visitare Londra e vedere il Big Ben.
A scuola l'inglese diventò una delle mie materie preferite fin subito dalle elementari e ogni volta che dovevo studiare quella lingua per verifiche e compiti futuri, ripensavo alla mia promessa e mi ci mettevo d'impegno per fare tutto al meglio.
Alle scuole medie non presi mai un'insufficienza in quella materia, quando dovetti scegliere la scuola superiore da frequentare decisi di fare l'indirizzo turistico:
I miei genitori, i miei nonni, tutti hanno sempre creduto che abbia fatto questa scelta semplicemente perchè le lingue mi piacciono molto, la verità è solo che voglio mantenere la promessa che mi ero fatta.
Dal secondo anno faremo degli scambi interculturali e gite all'estero, spesso i professori come meta scelgono Londra o un'altra città in base alle lingue che si studiano, ma anche se non riuscirò a vedere quella bellissima città accompagnata dalla scuola io so che un giorno ce la farò comunque ad andarci.
Uno dei miei più grandi sogni è quello di andare ad abitarci, mi ha colpito moltissimo quella città, la trovo così bella e piena di emozioni, non ho intenzione di infrangere le mie promesse, soprattutto perchè mia madre mi ha detto che non sarei mai riuscita a vedere il Big Ben, io le darò la dimostrazione che si sbagliava.
Devo farcela assolutamente, amo davvero tantissimo l'Inghilterra nonostante non ci sia mai stata.



Share |


Racconto scritto il 13/02/2015 - 19:24
Da Panda Azzurra
Letta n.384 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?