Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Se hai un pezzettino...
RIVIVERE...
SULLE TRACCE...
ER CANARINO MIO d...
Satira...
Evoluzione...
Senza riposo...
L' attimo...
Coccinella...
Ci sono sempre stato...
Lacrime...
PASTA E CECI...
Nonostante tutto. .....
cento passi omaggio ...
Venere e Luna...
Kalòs e la Cerva...
Sempre che il bar si...
La poesia mi salva...
Era un sogno?...
Dialogo dell\'amor p...
Ad Elisa...
Il segreto della pio...
SEGNALIBRO...
Libertà...
La tua mancanza si s...
Mera poesia 4....
A spasso tra le stel...
Piccola stella...
The Bad Road...
Una favola antica...
Racconti della notte...
Anche se calmo, è ...
...a te...
Il primo amore di Fr...
L’ONESTA’ DE ZIO...
La ricorrenza...
FANGO...
Tu una parte di noi...
Vivi!...
Viaggiare...
La luna e il mare...
L'Esibizionista...
PORTAMI NEI TUOI SOG...
IL NOSTRO ADDIO...
La carezza del sole...
A bordo nel mistero...
Non Sono...
La verità è come il ...
Ribelli del cuore...
Nel prato...
Silenzio...
Bangkok...
Nessun applauso...
Poesia in Re...
E' tutto troppo!...
Temporale d'estate...
TARANTELLA...
tempo...
Rosso...
DOPO UN ANNO...
I colori della vita,...
La ginestra...
FEBBRAIO OGGI E’ DI ...
La rinascitadel dest...
Tutto...
Grigia mattina...
PADRE MADRE...
Con o senza di me...
Il Calice Rosso...
La luna e il mare...
Ognuno ha diritto ad...
Il giardino di famig...
...vedi tesoro mio, ...
La madre di tutti...
AMORE AMORE... AMORE...
Tre Hayku per Sun La...
Il disegno di coppia...
Lei era vento!...
Par di vederti...
Intorno ai girasoli...
Aurelia...
In flessuosa danza...
Judo...
In quei giorni...
Notte d'estate...
Emozione pura...
Momenti...
A ricordo di un amic...
SILENZIO TOMBALE...
Piu del cielo Più d...
destino...
Il mio primo passo d...
C'è un limite...
Baldanza....
La bella rosa...
UNA NUOVA STORIA...
la domenica...
TU...
Tra vermiglio cammin...
PURA PASSIONE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Cadendo nel sonno

Dopo una lunga giornata, sotto il sole e in mezzo alla vita, si ritorna a casa. È già calata la notte e un nuovo sole presiede nel cielo, ma più candido, più indulgente, con viso umano.
Ognuno di noi finalmente si siede sul suo dolce letto, nei suoi bordi. Ci portiamo le mani alla faccia, stringiamo le tempie, ci sforziamo di mandare giù un'altra giornata che, in fondo, era insensata.
Sparisce ogni colorito, ogni accenno di sorriso, tutto si tramuta. Osserviamo il cielo stellato e il cuore si fa più stretto nel petto, quasi ad imitare quei puntini che vediamo, quasi come se il nostro torace fosse una cupola celeste. E riaffiorano i dolori del tempo, senza preavviso, sgorgano dallo stomaco e zampillano fino al cervello, come una fontana. Che assurdità, tutto ciò: fiati di vento, nebulose stellari, la terra da cui fioriscono le piante, da cui fioriamo noi.
Tra un tocco di cannone e l'altro-da dove vengono questi spari?-ci distendiamo sui nostri morbidi letti, rigando le guance di lacrime che scendono lente, come lumache che lasciano la loro traccia bavosa.
E, quando toccano le nostre labbra, dimentichiamo e cadiamo nel sonno soddisfatti, incantati, liberi dall'obbligo di esistere.



Share |


Racconto scritto il 28/07/2015 - 02:27
Da Gianluca Geraci
Letta n.400 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?