Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Quest\'amore...
ARTE INFINITISAMENTI...
comprenderesti quan...
Sconfessare sempre i...
Mirando le stelle....
Ho bisogno di parole...
Chi sei?...
CUORE NOMADE...
SABATO DIVERTENTE...
Primo binario...
Ogni giorno......
Tempo Antico...
DISTANZE (filo…sof...
Il silenzio è la vit...
Riflessi dimenticati...
NON HO MAI SEDOTTO L...
Melodia della malinc...
Più sento e più pens...
Niente e così sia...
Oggi...
Un pezzo di me....
LA BARCA DOPO UNA CE...
La libertà di scrive...
Stella Luminosa...
Il primo incontro...
Sarà neve...
Dille ch'è suo...
Scritture del cielo...
Bacio in Metrò...
Ghirlanda di mani...
La Furba Nana di Bre...
Sul cuore bianco...
Nuvole...
Isola amara...
IL SAPORE PERDUTO...
L' ECLISSI DI ...
FIGLI...
Il Caso di Gianni Is...
La tua pelle II...
Pioggia...
Un prete anarchico...
Gli occhi di una mad...
Sfida all'ultimo ban...
L'ispirazione...
senza aprire gli occ...
L\'intimità di picco...
La camicia rossa...
Corri tu...
Soliloquio d'inverno...
LA CIOCCOLATA...
Inno ad Afrodite...
Haiku 24...
Le mie mani...
L'indefinito...
AMICIZIA 2...
e tu...
Buon trapasso...
Solitudine...
Nuove fioriture...
Solitari casali....
Il privilegio di gua...
Febbraio...
e lei colse un'ultim...
RISVEGLIO...
D'improvviso...
É...
Lucchetti che nascon...
RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Flussi di coscienza...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
PROVERBI in RIMA e i...
E il treno arrivò...
nelle giornate di pi...
Solca i mari...
SCENA INVERNALE...
Disilluso...
POETI DELL' AMOR...
Quel rio argentato...
ETA' CHE VA...
Il dispiacere è al...
PICCOLO GRANDE BOSS...
Perdere niente...
Lacrime...
Una strana partita a...
Poesia, essenza linf...
Nel mondo c'è molto ...
La luce nei tuoi occ...
Il Papa nero....
A mia figlia...
Notte...
Eccentrico silenzio...
Domenica di pioggia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



La storia segreta di Ranocchio-tacco-principe (per bambini)

Storia buffa numero 3 (ultima)


La storia segreta di Ranocchio-tacco-principe (per bambini)


C' era una volta un... direte voi:
" Conosci le fiabe solo di tacchi... quindi sarà un altro tacco ".
Si e no... in verità era solo un pezzettino di tacco.
Se avrete pazienza vi racconterò tutta la storia.
Sicuramente vi ricorderete la novella di Cenerentola, della fata madrina e delle scarpette di cristallo.
Tutti la conoscono ma nessuno sa quello che sto per rivelarvi.
La sera che la fata si presentò a Cenerentola e fece apparire la carrozza e il vestito per il ballo al castello, fece un errore nel pronunciare la formula magica.
Disse bighete baghete bù, o qualcosa del genere, invece di bighete baghete bò che era la formula corretta.
Cosa accadde ?
La carrozza e il vestito di Cenerentola riuscirono bene, mentre le scarpette di cristallo avevano i tacchi uno più alto dell'altro.
Quando Cenerentola le mise, camminava tutta piegata da una parte e barcollava. Sembrava avesse bevuto un bel po' di vino o chissà quale altra cosa.
Non poteva andare al castello per il ballo con quelle scarpe, allora la fata pensò a come rimediare al suo errore.
Passava di lì un piccolo ranocchio. La fata lo vide e zac...
Con la sua bacchetta magica lo fece diventare un pezzetto di tacco di cristallo che saldò alla scarpa di Cenerentola.
Io ero lì, quindi vi posso giurare che il ranocchio divenuto tacco esclamò:
" Aiuto, che mi sta succedendo ?"
Un ranocchio-tacco parlante. Una cosa mai vista !
In realtà quel ranocchio era un povero principe che una strega cattiva aveva trasformato in rana per fargli un dispetto.
La fatina buona, capito cosa era successo, fece un' altra magia e promise al ranocchio-tacco-principe che a mezzanotte, sarebbe ritornato a essere un principe e non un ranocchio.
E così fu.
Allo scadere dell'incantesimo, il ranocchio-tacco-principe riprese la sua vera identità.
Contento come una Pasqua ritornò al suo castello dove fu accolto con tutti gli onori del caso.
Raccontò la sua storia ma nessuno gli credette: anzi tutti pensarono che fosse un po' matto, ma visto che sarebbe diventato il nuovo re, fecero finta di niente.
Come vi ho detto all'inizio, nessuno conosce questa storia e voi non raccontatela in giro. Dovrà rimanere un nostro segreto.




Share |


Racconto scritto il 12/11/2015 - 22:44
Da Dario Menicucci
Letta n.344 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Pensavo che, dopo esser tornato principe, scappasse con Cenerentola!! Simpatica e originale, buona giornata!

Chiara B. 13/11/2015 - 11:00

--------------------------------------

BEH... ALZARSI CON UNA FIABA E' SEMPRE GRATO... ECCEZIONALE DARIO... LIETA GIORNATA.

Rocco Michele LETTINI 13/11/2015 - 06:51

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?