Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



inadeguatezza

Camminava per le vie affollate, la gente brulicante la attraversava, la schivava o la urtava destandola per qualche secondo da quel mondo che si portava nella mente come un inseparabile bagaglio e riportandola sulla terra, in quella strada illuminata con la leggera aria piacevolmente pungente dell'inverno. Le luci dei negozi brillavano nel buio e il vociare ininterrotto era un sottofondo stonato nell'incanto della sera, così viva, quieta e maternamente accogliente.Lei non credeva di far parte di quella massa scalpitante, non poteva credere che i suoi atomi fossero gli stessi, che la pelle, le ossa, che tutto fosse uguale. Si sentiva inadeguata, diversa,forse inconsciamente o forse per pura volontà non voleva essere come loro, e questo lo sapeva bene. L'inadeguatezza che si portava addosso era una malattia, una vera e propria malattia dell'anima che porta ad innalzare un muro tra se stessi e la normalità e mattone dopo mattone si sentiva sempre più disadattata, spettatrice di un film a volte drammatico, a volte comico e qualche volta disumanamente crudele. Tutto le era alieno, ma la cosa più spaventosa era la stessa alienazione da se stessa, dalla sua mente contorta, tetra e indecifrabile, in cui anche lei stessa ha paura di entrare, perché nell'oscurità, si sa, vi abitano i mostri più feroci. Ogni tipo di alienazione crea solitudine e ogni tipo di solitudine crea sofferenza. Non riuscire a fare ciò che gli altri fanno, non riuscire a capire il mondo è come vivere in terra straniera e non saperne la lingua, non si può comunicare la bellezza, non si può comunicare il dolore, l'incomunicabilità è un muro spinato pronto a pungerti e a trafiggere la tua carne facendo sgorgare rossi fiotti di solitudine.



Share |


Racconto scritto il 18/12/2016 - 02:14
Da fabrizio de andrè
Letta n.157 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?