Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

L'insostenibile pesantezza dell'essere.

Vorrei poterti urlare,O mio dolore, a cui io proprio non riesco a dare un nome.
Vorrei saperti cantare una canzone
Leggerti una poesia
Cullarti dolcemente,adagio,come una ninna nanna,piano,culla il suo fanciullo.
Per poterti alleggerire,mio dolore,che pesante ti abbandoni a me,con l'ingenua spontaneità di chi può essere sorretto.
Ed io,mio dolore,vorrei poterti dare un nome.
ES'io potessi ti chiamerei giullare,per il riso compiaciuto di chi,dice di te come di innocente e scorrevole sofferenza.
Lieve,fluida,che lenta scorre nei meandri più riposti di quest'anima mia,quest'anima beffarda che gelosa,ti custodisce.
E tu dimmi,O innominato,quanto calda è quest'anima mia?
Ch'io giù di quí,da questi miei disordinati capelli alla punta dei piedi che di questo mondo mi fan vagabonda,non avverto che freddo
E cerco freddo,instancabilmente attratta sall'aridità che mi circonda.
Ch'io non dica mai che m'appartiene,questo mondo;possano maledirmi!
Ch'io non mi dica mai figlia di questa terra;possano ammazzarmi!
Ch'io non dica mai di me come di giovane donna sofferente,ma piuttosto figlia di dolore;possiate o voi credermi.
O mio dolore,mio padre,mia docile madre;Cos'io posso aver mai fatto,perché tu faccia della mia anima la tua più calda dimora?
Dimmi,mio instancabie , s'io posso metter fine a questo tuo dimorare senza tempo,che ti mostro il mio,di tempo; Limitato,imprevedibile,sfacciato ed impaziente di farmi sua.
Ed io,io sempre così sfuggente,io che mai potrei dir mio questo tempo,che si ostina a dir di me come sua figlia.
E tu,mio dolore,mio padre cos'hai da dir di me?
Così ch'io possa risponderti,così ch'io possa chiamarti,così ch'io possa capire.
L'incomprensione ha fatto du me tua schiava,o mio padrone.
E queste mie parole che tu chiami inaudite,che silenti arrivano ai tuoi sanguinanti orecchi..
Sarai stanco delle grida dk chi invano ti prova a chiamare.
Sarai stanco,e allora riposa.
Riposa pure lí,in quell'anima ch'io non dico mia,ma che m'ha fatta sua.
E cosí,forse io potró chiamarti,quando quest'anima mia,tenutami a lungo prigioniera,mostrerà a me il tanto atteso spazio che costella l'infinito,ch'io non ho paura a dir mio.
E potrò chiamarti lacrima,potrò chiamarti morte,potrò chiamarti guerra,ma non ti chiamerò,
E tu finalmente libeo da quest'anima che t'ha fatto suo,da questa donna che ti chiama dolore,potrai leggero e andare,e dir di te come di un soffio vitale.
E questa terra ingenua,questa terra maledetta che t'ha ingiustamente incompreso,rinchiuso,soppresso; E quell'urlo tuo a suo tempo deto sofferenza,sarà il canto piu dolce,il suono più lieve,il sole più caldo.
A quel punto,O mio dolore,vorrai esser chiamato;Ed io, ti chiameró inaudito.



Share |


Racconto scritto il 07/03/2017 - 19:31
Da Ludovica Gabbiani
Letta n.266 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


All'origine dell'insostenibile leggerezza dell'essere vi è l'unicità della vita! Il contrasto tra questa sfuggente evanescenza della vita e la necessità umana di rintracciare in essa un significato, si risolve in un paradosso insostenibile. Le scelte che ognuno compie nella breve o lunga durata appaiono irrilevanti, e in ciò risiede la loro leggerezza!La Verità e il senso della vita possono essere solo unici ed eterni e, nella loro univocità, guidano l'uomo nel mare dell'episteme!

Savino Spina 09/03/2017 - 20:57

--------------------------------------

Uno splendido racconto a tu per tu con il dolore...che riempie l'anima e ti cerca, sfuggi e ti allontani, poi accetti e si trasforma nel canto più dolce, nel sole più caldo...a quel punto puoi chiamarlo!
Complimenti dirti brava è poco e meraviglioso!

margherita pisano 08/03/2017 - 11:41

--------------------------------------

LUDOVICA GABBIANI...Un bellissimo monologo dove l'interlocutore è il dolore. Accorato, persuasivo e rassegnato il tuo chiedere al fine il nome, al dolore che mai fino allora si era presentato a te ed è giusto che tu lo chiami "inaudito".
Mi è piaciuto moltissimo 5*

mirella narducci 08/03/2017 - 00:10

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?