Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Barcollo...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

IL MERCANTE DI RICORDI

Robert aveva molti amici in vinile , proprio una bella collezione.
La crisi economica si fece più pesante e Robert non se la stava passando affatto bene.
Fu costretto a rinunciare a qualcosa per sopravvivere. La scelta cadde proprio sulla sua collezione di dischi in vinile.
Non era per niente facile per lui. Era affezionato a quei dischi più di ogni altra cosa.
Ogni pezzo era speciale , rappresentava qualcosa per lui.
La musica lo aiutava a vivere , la musica lo aiutava a ricordare.
A malincuore Robert prese dei grossi scatoloni e , una mattina d'inverno , si mise in piazza insieme agli altri mercanti.
Stava nevicando. Non cadeva fitta fitta , ma quella leggera e dolce che ti tiene compagnia.
Robert era ben coperto; giaccone e cappello , che lo facevano sembrare più grosso di quanto fosse in realtà.
Si avvicinò un cliente. Scrutava I ricordi di Robert , li toccava uno per uno. "Ha una bella collezione" disse.
Afferrò un disco : "Freewheelin' Bob Dylan" . "Prendo questo" disse.
Robert fissava il ricordo nelle mani di quello sconosciuto.
Il tempo sembrava non scorrere più. Robert pensava a quel disco.



Era un bel giorno di primavera; pieno di sole e amore; di natura e di serenità.
Robert ascoltò per caso quel disco , e se ne innamorò subito.
La voce di Mr. Dylan era sublime , dura ma allo stesso tempo calda.
Immaginava il piccolo menestrello che combatteva a fianco del popolo , imbracciando la sua poderosa chitarra folk.
E così Robert preso dall'euforia del momento , prese tutti i suoi risparmi e andò a comprarsi la sua prima chitarra.
I primi giorni era imbranato e scoordinato certo , ma pian pianino ci prese la mano.
Imparò a suonare le canzoni del disco. Le suonava , le cantava , le sentiva come sue.



"Signore , prendo questo disco" gli disse il cliente per l'ennesima volta.
Robert ricevette i soldi e il cliente i ricordi.
Fissava il cliente che se ne stava andando con la musica in mano. Robert si sentiva pesante. Guardò con odio i soldi appena guadagnati.
Aveva previsto una giornata lunga , così si era portato la sua fedelissima chitarra.
La tirò fuori dalla custodia e iniziò a .. "okei forse sono ancora un po' scosso" disse Robert.
Non sapeva più suonare la chitarra. Neanche il tempo di capire cosa stesse succedendo , che si avvicinò un altro cliente : era un ragazzino.
Cercò , cercò , cercò .. e trovò un disco. "Prendo questo , deve essere molto bello" disse il giovane.
"Si si lo è figliolo. Gustatelo , insieme alla tua adolescenza".



Il primo anno delle superiori era finito. Fu proprio in quell'estate che Robert iniziò ad ascoltare musica.
Gli ricordava I vecchi tempi , quando era ragazzo.
Quell'estate ne aveva combinate di tutti i colori: campeggi , nottate sulla spiaggia e feste su feste.
Era nel pieno dell'adolescenza. Si sentiva il più forte del mondo. Aveva sogni , determinazione e una buona dose di ormoni.
Amava ascoltare quella musica in bus , di ritorno da scuola. Lo sguardo d'intesa con i suoi compagni di classe al solo accennare i riff di chitarra.
La colonna sonora della sua adolescenza.



"Quanto costa questo?" Chiese il ragazzo. Lo scambio avvenne. Robert ricevette i soldi e il ragazzo i ricordi.
La neve stava scendendo , triste , dolce , profumata. Si addensava sulla sua spalla , come se qualcuno lo stesse abbracciando.
Alzò lo sguardo. Un aero squarciò il cielo e lasciò dietro di se una scia rosa.
La neve stava scendendo; il tempo passava. Vide una donna lontana. Si stava avvicinando verso il banco.
Robert la fissava. Era lei! Erano passati troppi anni , ma era sempre bella come allora.
Stava arrivando. "Ciao Robert! Quanto tempo!" disse la donna. Dette uno sguardo al campo di vinili.
Le sue dolci e delicate mani finirono su un disco di un cantautore italiano.
"No tutto ma tranne quello" pensò Robert fra sé e sé.


Dicono che il primo amore non si scorda mai. Robert ricordava le sue mani , la sua bocca , le sue onde.
Era bella come nessun'altra; bella come un ciliegio in mezzo al mare.
Ricordava le sue mani e le sue carezze , delicate come la neve.
Ricordava il loro primo incontro , quando lui iniziò a balbettare dalla vergogna.
Quando lui non pensava altro che a lei. Avrebbe combattuto una guerra se solo glielo avesse chiesto.
Ricordava la fuga nel giardino dell'Eden e le corse sulla spiaggia del paradiso.


Lei stava parlando , ma Robert non riusciva a sentire. Era come sordo.
Prese il disco e se ne andò. E così come era comparsa , sparì.
Robert era distrutto. Si era presa tutto.
Dicono che il primo amore non si scorda mai , ma non per Robert.
E , con le mani piene di soldi , scoppiò a piangere.




Share |


Racconto scritto il 07/06/2017 - 16:46
Da Gabriele Salucci
Letta n.238 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Un racconto pregno di vita e di solitudine, di tristezza e di ricordi. Difficile separarsi dalle proprie cose, dalla propria anima, dai propri sentimenti! La fine mi ha commosso, ne ho compreso l'amarezza infinita e il sensi della perdita inesorabile. :-

Patrizia Bortolini 10/06/2017 - 21:25

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?