Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

INCIPIT PER UNA STORIA

Le istruzioni sono:

Da questo incipit scrivi un racconto breve:
"Per la terza volta la incrociò davanti al portone del dottore, sempre di lunedì e sempre alla stessa ora. Era certo di averla già vista, prima di quegli incontri, ma non avrebbe saputo dire dove ne'quando"



~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Profumo di vaniglia

Per la terza volta la incrociò davanti al portone del dottore, sempre di lunedì e sempre alla stessa ora. Era certo di averla già vista, prima di quegli incontri, ma non avrebbe saputo dire dove ne'quando. Gli passò oltre, una nuvola di aroma speziato gli carezzò il viso. Vaniglia si disse, mentre l’infermiera lo faceva sdraiare sul lettino, in attesa del dottore. Chiuse gli occhi e con la mente disegnò l’immagine della ragazza. Era alta e snella, aveva capelli corvini e incarnato chiaro, i suoi occhi erano grandi e nocciola, le labbra rosee e turgide e profumava di biscotto. L’arrivo del medico lo distrasse dai propri pensieri. <<Come andiamo oggi Carlo?>> Gli disse. Sapeva che avrebbe dovuto confidargli le proprie sensazioni ma come per una forma di esclusività volle tenerle per sé. Glielo dirò al prossimo incontro pensò. Erano settimane che andava allo studio medico. Dopo l’incidente avuto con l’automobile, non ricordava più niente, nemmeno il suo nome. Si era deciso; insieme al dottore che nell’attesa che riacquistasse la memoria, si sarebbe fatto chiamare Carlo e questo era tutto quello che sapeva di sé,un nome che probabilmente non era neanche il suo. Ma ora quella donna e quel profumo avevano risvegliato qualcosa in lui e se prima aveva pensato che quegli incontri settimanali col medico erano inutili, ora non vedeva l’ora che arrivasse il lunedì solo per incontrarla. Il lunedì successivo uscì con qualche ora di anticipo dall’albergo che lo ospitava. Per tutta la settimana non aveva fatto altro che pensare alle nuove sensazioni ma per quanto si sforzasse, niente, buio pesto. All’improvviso ripensò al profumo intenso della vaniglia, forse se avesse potuto sentirne l’aroma più spesso, avrebbe capito perché gli era sembrato così familiare. Decise che doveva procurarsene un po'. Non riconoscendo la zona, chiese informazioni a due signore che parlottavano all’angolo della via. Queste, gentilissime, lo indirizzarono ad una pasticceria due isolati più in là. Quando giunse, la prima cosa che attirò la sua attenzione fu la grande insegna che portava la dicitura. “ Pasticceria la Vaniglia.” Rimase per un po’ attonito a guardarla poi uno sprazzo di luce gli irradiò la mente. Entrò quasi in punta di piedi ma con una grande aspettativa nel cuore sua moglie era là, tra uova e sbuffi di farina, i capelli corvini sotto un capellino bianco, le labbra invitanti. <<Carlo tu ricordi!>> Esclamò correndogli incontro e stringendolo forte al petto che sapeva di vaniglia.



Share |


Scrittura creativa scritta il 17/06/2012 - 16:16
Da Claretta Frau
Letta n.778 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Curato nell'esposizione, piacevolmente scorrevole, un buon lavoro.

Lucia Ghitti 28/06/2012 - 16:03

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?