Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

LO SFRATTO...
Addio Divano...
Un solo pedone...
GLI OCCHI DEL F...
A piedi nudi...
A piedi nudi...
Un Sole stanco, un C...
AMICA PER SEMPRE...
Volare nel cielo del...
POMERIGGIO A VILLA B...
E' amore...
FINALMENTE DONNA...
VIBRANO I RICORDI...
Il cerchio della vit...
SFUMATURE...
Amici miei...
Quest\'amore...
ARTE INFINITISAMENTI...
comprenderesti quan...
Sconfessare sempre i...
Mirando le stelle....
Ho bisogno di parole...
Chi sei?...
CUORE NOMADE...
SABATO DIVERTENTE...
Primo binario...
Ogni giorno......
Tempo Antico...
DISTANZE (filo…sof...
Il silenzio è la vit...
Riflessi dimenticati...
NON HO MAI SEDOTTO L...
Melodia della malinc...
Più sento e più pens...
Niente e così sia...
Oggi...
Un pezzo di me....
LA BARCA DOPO UNA CE...
La libertà di scrive...
Stella Luminosa...
Il primo incontro...
Sarà neve...
Dille ch'è suo...
Scritture del cielo...
Bacio in Metrò...
Ghirlanda di mani...
La Furba Nana di Bre...
Sul cuore bianco...
Nuvole...
Isola amara...
IL SAPORE PERDUTO...
L' ECLISSI DI ...
FIGLI...
Il Caso di Gianni Is...
La tua pelle II...
Pioggia...
Un prete anarchico...
Gli occhi di una mad...
Sfida all'ultimo ban...
L'ispirazione...
senza aprire gli occ...
L\'intimità di picco...
La camicia rossa...
Corri tu...
Soliloquio d'inverno...
LA CIOCCOLATA...
Inno ad Afrodite...
Haiku 24...
Le mie mani...
L'indefinito...
AMICIZIA 2...
e tu...
Buon trapasso...
Solitudine...
Nuove fioriture...
Solitari casali....
Il privilegio di gua...
Febbraio...
e lei colse un'ultim...
RISVEGLIO...
D'improvviso...
É...
Lucchetti che nascon...
RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Flussi di coscienza...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
PROVERBI in RIMA e i...
E il treno arrivò...
nelle giornate di pi...
Solca i mari...
SCENA INVERNALE...
Disilluso...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

INCIPIT PER UNA STORIA

Le istruzioni sono:

Da questo incipit scrivi un racconto breve:
"Per la terza volta la incrociò davanti al portone del dottore, sempre di lunedì e sempre alla stessa ora. Era certo di averla già vista, prima di quegli incontri, ma non avrebbe saputo dire dove ne'quando"



~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Profumo di vaniglia

Per la terza volta la incrociò davanti al portone del dottore, sempre di lunedì e sempre alla stessa ora. Era certo di averla già vista, prima di quegli incontri, ma non avrebbe saputo dire dove ne'quando. Gli passò oltre, una nuvola di aroma speziato gli carezzò il viso. Vaniglia si disse, mentre l’infermiera lo faceva sdraiare sul lettino, in attesa del dottore. Chiuse gli occhi e con la mente disegnò l’immagine della ragazza. Era alta e snella, aveva capelli corvini e incarnato chiaro, i suoi occhi erano grandi e nocciola, le labbra rosee e turgide e profumava di biscotto. L’arrivo del medico lo distrasse dai propri pensieri. <<Come andiamo oggi Carlo?>> Gli disse. Sapeva che avrebbe dovuto confidargli le proprie sensazioni ma come per una forma di esclusività volle tenerle per sé. Glielo dirò al prossimo incontro pensò. Erano settimane che andava allo studio medico. Dopo l’incidente avuto con l’automobile, non ricordava più niente, nemmeno il suo nome. Si era deciso; insieme al dottore che nell’attesa che riacquistasse la memoria, si sarebbe fatto chiamare Carlo e questo era tutto quello che sapeva di sé,un nome che probabilmente non era neanche il suo. Ma ora quella donna e quel profumo avevano risvegliato qualcosa in lui e se prima aveva pensato che quegli incontri settimanali col medico erano inutili, ora non vedeva l’ora che arrivasse il lunedì solo per incontrarla. Il lunedì successivo uscì con qualche ora di anticipo dall’albergo che lo ospitava. Per tutta la settimana non aveva fatto altro che pensare alle nuove sensazioni ma per quanto si sforzasse, niente, buio pesto. All’improvviso ripensò al profumo intenso della vaniglia, forse se avesse potuto sentirne l’aroma più spesso, avrebbe capito perché gli era sembrato così familiare. Decise che doveva procurarsene un po'. Non riconoscendo la zona, chiese informazioni a due signore che parlottavano all’angolo della via. Queste, gentilissime, lo indirizzarono ad una pasticceria due isolati più in là. Quando giunse, la prima cosa che attirò la sua attenzione fu la grande insegna che portava la dicitura. “ Pasticceria la Vaniglia.” Rimase per un po’ attonito a guardarla poi uno sprazzo di luce gli irradiò la mente. Entrò quasi in punta di piedi ma con una grande aspettativa nel cuore sua moglie era là, tra uova e sbuffi di farina, i capelli corvini sotto un capellino bianco, le labbra invitanti. <<Carlo tu ricordi!>> Esclamò correndogli incontro e stringendolo forte al petto che sapeva di vaniglia.



Share |


Scrittura creativa scritta il 17/06/2012 - 16:16
Da Claretta Frau
Letta n.804 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Curato nell'esposizione, piacevolmente scorrevole, un buon lavoro.

Lucia Ghitti 28/06/2012 - 16:03

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?