Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Tornerò...
La menzogna anche se...
La fame è lo schizzo...
Sei ancora qui? (Seg...
Dall’Alfa all’Omega...
Insonnia...
Ardere...
Storie remote....
Il mio male il mio b...
Attori...
Maledetto Vento...
IL VIVERE DI OGGI...
DENTRO LA NEBBIA...
QUESTA NUOVA E...
ESTATE...
Verano...
Furetti e fiordalisi...
Mare e ricordi...
Entra dalla finestra...
Un ultimo compleanno...
IL CORAGGIO CHE SCAC...
L'inferno non si può...
Fantasmi dal passato...
Ovunque tu sia...
Riflusso...
Tanka 6...
Ah la calma!...
Aspettami...
Ricordi di un tempo...
LAGO D'ORTA...
ASTRO DEL CIELO...
Sirena...
Cola Pesce...
Oggi scrivo in rima ...
I giorni del sole...
A GIACOMO C....
Non si nasconde la l...
HAIKU B...
Sono invecchiata nel...
La Luce Blu...
I LARICI...
Yakamoz...
concedimi...
L'ombelico del quiet...
L’Eco di Avalon...
Nei miei sogni bambo...
DUE GEMELLI ALLO SBA...
Il cono...
Notte...
LA PIOGGIA...
Un sogno è come perd...
CRASH...
Silenzi diurni, desi...
Opinioni e punti di ...
Il Rimprovero...
A Siciliana...
In viaggio...
L'amor proprio...
Il quadro di sughero...
Ricordo di un\'estat...
SCOMPARSI...
Non mi dici...
Antichi ricordi...
Profumo d'amore...
Covid 19...
Frammenti colorati...
PER TE, DONNA! (Poem...
Lascia che sia Estat...
Amore...
Linea rossa 1...
Vecchi ruderi...
A cena con qualche r...
Tutto tace...
PAROLE...
ULTIMO RESPIRO...
Sarà estate...?...
Solitudine...
La notte...
MITOLOGICA EUROPA...
SEDOKA 11...
Ti porto con me ovun...
Attimi...
E nessuno sa dove...
Cara lady del sessan...
Querelle all'italian...
E guardati con accet...
Per Te...
A DIANA...
Come un albero spogl...
L'ATTESA DI UN AMORE...
Inciuci...
FILI TRASPARENTI...
Sono un poeta?...
L’inchiostro è la lu...
Psiche In Tempesta...
HAIKU H2...
La Piazza...
Caffè Florian...
STELLA POLARE...
Falsità spezzate...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

VITA DA INFERMIERI

VITA DA INFERMIERI


Alla mia mente assorta nel suo da fare,
non sfugge alcun tormento su quelle facce ceree
Dei loro corpi consumati,
arruffati con lenzuola da cambiare
Di litanie, come sinfonie funeree
Fugace,
soffermo il mio immaginare
sul loro piglio patinato e stanco
inchiodato su fenditure da stoffa oscurate,
inquinate…
teli di proiezione del loro film da riavvolgere in fretta,
nel timore di una improvvisa interruzione
di cui non ne vedranno mai il finale.
Qualcuno si commuove al mio venire
affamato di un sorriso, una carezza
Io, l’ultimo appiglio che non li lasci andare
…e intanto, ingoio l’ennesima amarezza…
tra anime nell’ultimo passaggio,
di vite senza aliti e più sogni da sognare.
…e ti porti a casa, il dolore per chi non ce l’ha fatta
…l’epilogo di un dramma senza repliche.
(Paola Mastandrea)




Share |


Opera scritta il 15/04/2017 - 18:19
Da paola Mastandrea
Letta n.503 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Sono lusingata dal tuo commento,Paolo. Grazie per averla colta.

paola Mastandrea 16/04/2017 - 19:20

--------------------------------------

hai scritto cosa grande e bella....
mi inchino al tuo sentire... e alla tua missione di vita perche di missione si parla...
bello leggerti... vera come il tuo fare.
augurissimi di cuore...
paolo

Paolo Pedinotti 16/04/2017 - 16:09

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?