Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Oggi come allora...
Schiudi...
A colloquio con Sten...
Perdono...
AL CHIARO DI LUNA...
Segmento...
IL MONDO CHE CROLLA...
è tornato alla terra...
Vissi d' amore...
IL TEMPO NON SEMPRE ...
Credo...
Un amore ingenuo...
MAGIA DELL' AMORE...
Tempo...
CULLA MARINA...
Due forme...
Simbiosi...
Ritratti o delle cos...
Un poco prima...
Il falco e l'usignol...
Luci e bagliori...
Le granite della zia...
Petali...
Tempesta...
AUTUNNO...
La ballata della Buc...
Per te dalle mani bu...
Haiku 6...
In compagnia di due ...
Potessi io......
HAIKU H...
Langhe e Roero...
L'arca di Noè...
Giorno di giudizio...
LO ZERO E IL COVID-1...
Introspezione...
Nella mia solitudine...
Chicco Balleri...
Lampo....
Sire (cugino August ...
La memoria...
Archor...
Lalla...
Il mese dello Squarc...
IL VAMPIRO DICE ...
Lo spettatore...
Guidare la propria v...
Il cane...
Mormora (Concorso po...
Cuore felice...
Grotta del fico...
Dove sei?...
INTRECCIO...
Errare...
Oltre il tempo...
volevo descrivere fi...
Noi...
Cuccioli del mio cuo...
Cambio stagione...
MEDICI E INFERMIERI...
Si sa, l'unica cosa ...
Per te solo per te...
OTTOBRE...
La voglia di fare l'...
Un gattino come dono...
LA MIA MUSA...
equilibri...
Magutt...
Pareidolia (oppure ...
Il rumore delle onde...
Note d'amore....
Guarderò il futuro...
La mia gatta Gelsomi...
COVID-19: in Cina i ...
Fragore...
Evasione...
Pioggia...
Questa specie d\'amo...
Avanzare?...
FORMICA...
Ti aspetto....
HAIKU G...
I fiorellini del mio...
Il poeta e' prima di...
Il silenzio è quella...
La leggenda della Na...
SULLE TRACCE DE...
Tradurti...
VIBRANTE DI VITA...
Al mio cane...
Il buco...
Sedoka 13...
Non aprire agli scon...
Il concetto di infin...
LA BARCHETTA DI CART...
VETERA ITINERA...
La ballata degli ero...
Clochard...
La strega del paese....
Il Sole...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

GLI ANNI MAI DEL TUTTO DIMENTICATI

Un'altra primavera
Acremente passò
Tra umili preghiere
E scarne esequie
Protratte nei giorni a venire.


Il vento non trattenne
Le sue improvvise folate
Fredde e imperturbabili
Negli anni della grande guerra


Dove nelle trincee
La polvere da sparo
Copriva interamente
Il volto del sole


E dove gli uomini
A terra caduti
Stringevano a sé
Le loro lettere incompiute
Macchiate d’inchiostro.




<<Nel tardo settembre del ‘18
Dopo un’estate
Fatta di estenuanti battaglie
E dallo scandire quasi ritualistico
Della sirena del coprifuoco
Metà delle abitazioni furono crollate>>




C’erano bimbi piangenti e smunti
Agghindati a lutto
Che da sotto le macerie
Poterono estrarvici soltanto
I cuori senza battito
Della loro infanzia violata


Mentre alcuni soldati feriti
Con il fucile in spalla
Vollero sentire per un’ultima volta
Il gorgoglìo dei torrenti
Al di là della collina
Inghiottita da una notte avara di stelle.




<<Ai primi freddi si ruppe
Il cordone ombelicale della discordia
Tutto riacquisì la giusta incombenza
E con il tempo partì la ricostruzione
Traendone giovamento da quei fiori
Cresciuti e mai datesi per vinti
Tra le arroventate rovine della città>>



Share |


Poesia scritta il 27/09/2017 - 16:09
Da Mirko Faes
Letta n.468 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?