Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il signore delle ani...
Maschere...
INASPETTATAMENTE...
Se ami, Dio è nel tu...
Prigionia...
Le scorte...
Haiku Am...
Gelosia...
Con lo sguardo del s...
Il viaggio (poesia v...
Non chiedere grazie ...
Sopra le nuvole...
ESSERE UMANI Ess...
Cerca quella pace in...
ESSERE CREDENTE...
Dudù Concorso poesia...
Sarai per sempre la ...
Covid a dicembre...
Il senso della vita:...
FORTIFICA...
Il tempo in cui non ...
Mi imprigiona questa...
Lacrime di...
GIRANDOLANTI FLUSSI...
Orto speziato...
CELESTINO (dalla Ser...
MI SONO SVEGLIATA...
Occhi dolenti...
Geniale !...
Mettimi da parte...
Diatriba...
MONITO...
Sogno...
DAVANTI SAN ROCCO...
NON PER I NOSTRI MER...
In morte della giove...
Il viaggio (Haiku G)...
Mi hai accarezzato p...
Mattina...
Passerà...
6 poesie realizzate ...
HAIKU L...
ALI DI FARFALLA...
Il mio tempo...
Se potessi...
PER DANI...
Coronavirus...
Diego...
Pensami Ancora...
Amicizia...
Buon Viaggio...
La superbia fa dir...
Elucubrazione n. 7...
Bianchi pupazzi...
E......
Amo la vita...
PALESTRA...
occhi...
Volevo dirti...
Profumo di casa...
Giocare con la vita,...
Noi raccoglitrici de...
In viaggio...
Il viaggio (Senryu I...
18:16...
Notti insonni...
Un bel giorno d'esta...
MARCIAPIEDE...
l\'ULTIMO VIAGGIO....
LIBRO QUESTO SCO...
L'amore...
SPERANZE...
L’uomo per natura vu...
Le finestre degli al...
Errore in-convenevol...
A mia madre...
Con tutto l'amore ch...
Ciao Diego...
La ragazza selvatica...
Delicata...
MUSCHIO...
Tutti i santi giorni...
Vita...
QUANDO SI CAPISCE...
La viltà di un uomo...
La precarietà dell'u...
Al suono del vento...
Giuramento d’amore...
Gocce d 'acqua...
Ineffabile destino...
Il viaggio (renga, c...
Invito a cena...
Il presente disse pa...
Sonetto - Profondo e...
E' tempo di innamora...
Si apriva e si chiud...
Innamorato...
IL VIAGGIO...
Non sappiamo quanto ...
Sirene...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Archor

«Rientrare nelle celle!» risuonò la voce monocorde dagli altoparlanti di Archor, il penitenziario di New Baltic.
William Joseph Blasko il direttore delle prigione guardò fuori dalla finestra del suo ufficio e si focalizzò sui prigionieri che prendevano posizione davanti alle porte d'ingresso.
«L'ora d'aria è il momento più propizio per eventuali fuggiaschi» pensò l'austero dirigente. «Le nuove misure di sicurezza dovrebbero scoraggiare persino i più temerari.»
Le telecamere a circuito chiuso e le speciali serrature elettroniche avevano quasi azzerato il budget del carcere. C'erano state critiche sulla recinzione elettrificata e sulle torrette laser, per non parlare dei droni dotati di mitragliatrici.
Ma per Blasko, risultavano soldi ben spesi in quanto alcuni mesi prima, cinque agenti, erano riusciti a fuggire e per di più travestendosi da detenuti.



Share |


Racconto scritto il 19/10/2020 - 14:29
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.122 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Anna Maria, Santa, Teresa, Barbara e Afrodite, "imprigiono" dentro di me i vostri bei commenti e non li faccio più uscire.
Ad "Archor" si è rinchiusi tutti, sempre e comunque. Direttore compreso.
Eppure strano ma vero ma esiste una prigione dove gli agenti e il direttore stesso passano il 90 % dell'anno all'interno di una struttura carceraria russa nello specifico in Siberia dove è rinchiusa la peggiore feccia dell'Ex Unione Sovietica. È normale che viene voglia di... scappare.

Giuseppe Scilipoti 23/10/2020 - 12:46

--------------------------------------

Ciao Giuseppe. Ancora una volta un finale travolgente (come recita una vecchia nota canzone), in cui si rimane stupiti dalla zampata di genio che sorprende il lettore, rispetto alla ovvietà della descrizione dell'ambiente carcerario.
Concordo pienamente con chi ti attribuisce uno stile unico, coniando il termine "scilipotiano". Alla prossima!!

Afrodite T 20/10/2020 - 12:22

--------------------------------------

Riesci sempre a stupire con dei finali incredibili...ma oltre alla sorpresa come dice Anna Maria c'è sempre un risvolto esistenziale nei tuoi bei racconti! In definitiva anche gli agenti sono un pò dei detenuti ...insomma la prigione è brutta in tutti i suoi aspetti e il tuo racconto in qualche modo lo sottintende! ciao Giuseppe molto bravo!!

barbara tascone 19/10/2020 - 22:56

--------------------------------------

Fai lavorare la fantasia molti bene... la fuga degli agenti al posto dei detenuti , dà una nota inverosimile

Teresa Peluso 19/10/2020 - 22:06

--------------------------------------

Fantasia, azione e fantascienza tutto nell'unico ed simpatico pacchetto: spettacolare. Il finale poi unicamente in stile Scilipotiano. Le riflessioni del comandante, sono dal morire dal ridere. BRAVO. Alla prossima.

santa scardino 19/10/2020 - 18:01

--------------------------------------

Il finale surreale è anche estremamente comico, ma ha un risvolto esistenziale che fa riflettere molto. Bravo Giuseppe.

Anna Maria Foglia 19/10/2020 - 16:27

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?