Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

L'USIGNOLO E LA ROSA.

Disteso fra la fresca erica un fanciullino
un accorato pianto egli mandava
l'amore si invaghì del poverino
una rosa rossa il mezzo per aprir la strada,
ad un roseto egli la chiedeva
ma egli un fiore ormai non aveva.


Ascoltava dal suo nido un usignolo
credendo che oramai aveva trovato
colui che in cuore suo egli cantava,
l'amore che narrava e non conosceva;
Da quel suo nido egli si struggeva
come aiutar quel povero ragazzo
un modo allora c'era,
ma così orrendo era
che il sol non ebbe coraggio di guardare.


L'usignol sapiente allora fece
ciò che un umano essere non potrebbe fare,
il suo cuore contro una spina conficcò
e cantò tutta la notte del struggente amore
finchè il suo sangue una rosa colorò
regalando la sua vita ad un'amore.



Share |


Poesia scritta il 30/01/2015 - 15:42
Da eva kant
Letta n.345 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Grazie mille a tutti.

eva kant 31/01/2015 - 19:46

--------------------------------------

Bellissima, emozionante. Ciaooo

Fabio Garbellini 31/01/2015 - 07:02

--------------------------------------

Dolcissima, struggente mi è piaciuta tantissimo.

Emanuele Sestito 30/01/2015 - 23:45

--------------------------------------

Un racconto delicato, mi ricorda le canzoni di Branduardi.

Alessandro Sivieri 30/01/2015 - 22:02

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?