Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Inutile staticità

Cammino e vedo
Lerciume sul ciglio
Frutto dei nostri vizi
Complessi di inutilità
Vorticose leziosità
Io fermo vicino alla strada
Come trafitto da una spada
Osservo auto che passano
Rincorrendo mete inutili


Balugina la speranza


Il mondo si contorce
E l'albero mi è nemico
Turbamento divino


Divento animale da soma
Della tristezza e
Della disperazione
Ma continuo ad oziare
Nell'attesa di un cambiamento
Di un'attesa lacerante
Fremiti insostenibili
Si aprono ferite
Le ricucio con le lacrime
La staticità mi rende schiavo
E fermo al freddo tagliente
Con i pugni chiusi nelle tasche


Si gela



Share |


Poesia scritta il 25/03/2015 - 07:39
Da Salvatore Mauro
Letta n.260 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Ciao AURELIO, grazie per il tuo commento. Mi fa molto piacere che tu abbia colto bene il significato, e sono pienamente d'accordo riguardo la rivoluzione culturale che dovrebbe avvenire tra i più. Quasi un'utopia però. Però purtroppo quando mi guardo in giro, davvero vedo troppa staticità e poca voglia di fare,come si suol dire: un solo albero che cade in una foresta non fa molto rumore. Quindi dobbiamo cercare di muovere la foresta. Grazie ancora, ciao!

Salvatore Mauro 25/03/2015 - 14:20

--------------------------------------

Uno sguardo disperato alla totale degradazione di una Società che ormai non si desta più dal sonno che l'ha colpita e dal sonno cui è stata incanalata. Manca una rivoluzione innanzi tutto culturale che ridia ordine alla oriorità delle cose e dei valori umani. Una denuncia che certo non merita il discreto che vedo ma questo è un altro deiscorso.
Ciao
Aurelio

Aurelio Zucchi 25/03/2015 - 12:50

--------------------------------------

Molto sentita, un caro saluto

MARIA ANGELA CAROSIA 25/03/2015 - 08:58

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?